L'amichevole cinefilo di quartiere

Articoli con tag ‘Wright’

L’ora più buia

Non ho nulla da offrire se non recensioni, sangue, fatica, lacrime e sudore.

TRAMA: Nel 1940 Winston Churchill, da pochi giorni Primo ministro della Gran Bretagna, deve affrontare una delle sue prove più turbolente e definitive: decidere se negoziare un trattato di pace con la Germania nazista o continuare la guerra per difendere gli ideali e la libertà della propria nazione.

RECENSIONE: IL Tottenham Hotspur Football Club è una società calcistica londinese fondata nel 1882 con sede nell’omonimo sobborgo di Londra.

Il nome Hotspur si riferisce a Sir Henry Percy detto appunto Hotspur, l’Harry Hotspur di cui si parla nell’Enrico IV di Shakespeare, e che viveva in quel luogo nel XIV secolo.

 

Non vincono un trofeo da dieci anni, l’ultimo trionfo europeo risale alla Coppa UEFA del 1984 e il più recente dei due campionati conquistati reca data 1961.

Nella sua rosa attuale sono presenti giovani di enorme qualità (dalla cintura in su Alli, Son ed Eriksen sopra tutti), colonne delle rispettive nazionali (il portiere francese Lloris, il difensore belga Vertonghen) ed altri giocatori interessanti, come il terzino gallese Davies e l’usato sicuro Llorente.

La stella della squadra è però il centravanti.

Harry Kane, soprannominato uragano (ovvia assonanza con il nome), ha vinto la classifica dei marcatori del campionato inglese negli ultimi due anni, è momentaneamente in testa a quella del 2017/2018 e con la casacca degli Spurs ha segnato in data attuale centoventisette goal in centonovantatré presenze.

Nel 2017 ha superato il record di reti in un anno in Premier League di Alan Shearer con un totale di 42 reti, diventando il miglior marcatore dell’anno in Europa con 58 reti all’attivo.

Nonostante questi dati eccezionali, la squadra si trova solo al quinto posto del campionato, mentre in Champions League, pur con un primo posto nel girone ai danni del Real Madrid battuto 3-1 a Londra, hanno pescato agli ottavi di finale la Juventus finalista perdente l’anno scorso.

Perché vi sto parlando di calcio invece che de L’ora più buia?

Perché vi sto parlando del Tottenham invece che del film?

Perché questo film È il Tottenham.

Una stella, alcune cose buone di contorno.

Ma poi basta.

Come il Tottenham ha la maggior risorsa nella punta, L’ora più buia spicca principalmente grazie alla prova a dir poco maiuscola di Gary Oldman.

Molto somigliante a Winston Churchill grazie ad un trucco di pregevole fattura, Oldman riesce a fondersi con il bulldog britannico non solo nel parlato (consigliatissima la visione in lingua originale) ma in tutta una serie di piccoli gesti, mosse e sfumature che sommate tra loro riescono a creare un’ottima mimesi tra attore e personaggio.

Dal sigaro fumato di gusto al bicchiere sempre pronto, dalla scorbutica impazienza fino al caloroso desiderio di combattere, il Churchill qui mostrato è un uomo fiero che si trova ad osteggiare una delle più grandi minacce della storia umana con atteggiamento risoluto ma non scellerato.

L’andamento ondivago tra il vigore iniziale e lo scoramento centrale, quando si fa ostica la pressione degli avversari, conferisce al Primo Ministro una connotazione umana che lo allontana da una graniticità che sarebbe stata deleteria e macchiettistica.
Il rapporto con la moglie e la dattilografa (rispettivamente Kristin Scott Thomas e Lily James, recentemente in Baby Driver), pur essendo queste figure piuttosto abbozzate, contribuisce all’emersione di un cuore d’oro sotto la patina burbera, arricchendo la gamma introspettiva del personaggio.

Apprezzabili per chi sia interessato alla Storia della prima metà del Secolo breve gli avvenimenti narrati e i vari riferimenti a quelli cronologicamente precedenti (il matrimonio tra Edoardo VIII e Wallis Simpson, la disastrosa campagna di Gallipoli); per uno spettatore più generalista, invece, possono essere utili due film: Il discorso del re, che fruttò l’Oscar a Colin Firth per il ruolo di re Giorgio VI interpretato qui da Ben Mendelsohn ed il recente Dunkirk.

Pregevole inoltre la resa storica, con una cura evidente nei costumi e persino nel filtro fotografico tali da rendere credibile e palpabile l’atmosfera degli anni quaranta.

Di contro, Joe Wright non riesce a conferire alla sua opera una regia stilisticamente apprezzabile, limitandosi ad un approccio piuttosto ordinario che, pur non essendo di per sé dannoso, difficilmente riesce ad esaltare la pellicola nel complesso.

Non bastano qualche carrellata, alcune inquadrature perpendicolari dall’alto ed un discreto uso della luce per elevare il film da un mero compitino, ed è un peccato considerando quanto un attore protagonista così eccelso avrebbe potuto creare se unito ad una regia ariosa e più ricca.

Anche la sceneggiatura, tralasciando l’ovvio fattore storico, ricalca un po’ troppo fedelmente alcuni stilemi classici: se gli avversari esteri come figure opprimenti e sempre più vicine possono risultare efficaci, non si può dire lo stesso dei banali nemici interni (capitanati dal visconte Halifax di Stephen Dillane, noto al grande pubblico come Stannis de Il trono di spade), del rapporto altalenante con il sovrano o della funzione meramente satellite dei due ruoli femminili già citati.

Alcune sequenze, poi, paiono piegarsi un po’ troppo pigramente nel concetto ed entusiasticamente nel contenuto al carisma del leader, sfuggendo ad una sobrietà che sarebbe stata ben più consona per il tono generale della pellicola, ironico sì ma sempre abbastanza equilibrato.

Magari la Juventus la battono lo stesso.

Magari l’Oscar a Gary Oldman lo danno lo stesso.

Ma rimane comunque il Tottenham.

Baby Driver – Il genio della fuga

My daddy was the family bassman
My mamma was an engineer
And I was born one dark gray morn
With music coming in my ears
In my ears.

TRAMA: Baby è un giovane ma abilissimo autista che lavora per un’organizzazione criminale alquanto strampalata capitanata dal ricco e misterioso Doc. Dopo aver conosciuto una dolce e bella cameriera, Baby medita sempre più seriamente di smettere con le rapine; proprio quello che potrebbe essere l’ultimo colpo metterà in pericolo il suo amore e la sua stessa vita.

RECENSIONE: Scritto e diretto da Edgar Wright, Baby Driver è un action movie pimpante e scanzonato, che riesce a spiccare in un genere piuttosto saturo grazie ad un approccio più easy e frizzante della media ed al ruolo preponderante della colonna sonora.

Il regista britannico, celebre per opere molto divertenti come la cosiddetta “Trilogia del Cornetto” (composta da L’alba dei morti dementi, Hot Fuzz, La fine del mondo) e Scott Pilgrim vs the World, riesce infatti ad incanalare la musica nella pellicola rendendone parte integrante in modo talmente massiccio ma allo stesso tempo azzeccato che essa risulta un vero e proprio personaggio.

Di qualità generale ottima, con pezzi tra gli altri di Queen, Blur, Barry White, Simon & Garfunkel, Beck, Beach Boys e Commodores, la musica si adatta infatti precisamente all’umore del protagonista ed al mood delle diverse scene, completandole efficacemente affrancandosi quindi da essere semplice “rumore di sottofondo”, fondendosi invece con le sequenze stesse arricchendole.

Musica che inoltre nel film non solo è semplicemente “ascoltata”, ma anche menzionata, discussa attraverso aneddoti e ricordi, caricata di significati che vanno oltre il mero abbinamento di note e testi.

Attraverso espedienti tecnici intelligenti (come le parole di un testo che compaiono su muri ed insegne mentre il protagonista cammina, i proiettili che vengono sparati a ritmo), lo spettatore si immerge nel mondo di Baby (un bravo Ansel Elgort, già visto in Colpa delle stelle) indossando i suoi auricolari, coperta di Linus contro la violenza intrinseca del suo lavoro e coniugando immagini e suoni.

Senza un buon comparto visivo però lo sforzo della soundtrack sarebbe inutile, e Wright riesce ad imbastire sequenze scene action adrenaliniche senza sfociare troppo in demenziali esagerazioni alla Fast & Furious, comunque spingendosi oltre il limite mantenendo però buonsenso.

Inseguimenti e scontri a fuoco risultano inoltre ben realizzati poiché il punto di vista focale rimane sempre quello dell’autista: ciò che non succede in sua presenza non esiste, è fuori dalla sua portata sensoriale, e si aumenta in questo modo l’immedesimazione del pubblico in ciò a cui sta assistendo senza perdersi in troppe soggettive che servirebbero solo ad appesantire il meccanismo di prosecuzione della pellicola.

Colonna sonora e sapienza nelle scene action riescono a conferire personalità vivace al film,  che si esalta nonostante una trama di base piuttosto ordinaria (criminale vuole uscire dal giro a causa dell’amore per una donna), e rendendo Baby Driver un piacevole unicum.

In una realtà gravida di scavezzacollo sopra le righe, l’amore è il salvagente che permette a Baby di non affogare nel pantano morale in cui suo malgrado è rimasto invischiato.
La colonna sonora diventa qui “rosa con i brillantini” (cit.), esaltandosi attraverso canzoni che veicolino il più positivo dei sentimenti e che si aiutano con gli stessi nomi dei personaggi, sostituendosi ai dialoghi.

Cast azzeccato anch’esso, che riesce a creare buona coralità pur mantenendo in primo piano il protagonista.

Se di Elgort, come già accennato, si può apprezzare la bravura e la capacità di essere credibile come tipo taciturno, solitario e “bravo ragazzo” nonostante la professione, il resto della crew è variegato e piacevolmente sopra le righe.

Dal “Pazzo” di Jamie Foxx, al “Buddy” di Jon Hamm, alla “Darling” di Eiza González, ogni pedina si muove su una scacchiera di piombo, musica ed adrenalina creando un interessante microcosmo di umanità perduta.
Menzione speciale per il sempre ottimo Kevin Spacey, nei panni di un boss criminale sui generis e breve apparizione del bassista dei Red Hot Chili Peppers Flea.

In un panorama cinematografico in cui molti registi/sceneggiatori action pare non abbiano superato lo stadio evolutivo dei crostacei, una pellicola veramente di buona qualità, piacevole e divertente.

Colonna sonora eccezionale.

Consigliato.

Wonder Woman

Saffo sofferente!

TRAMA: Diana di Themyscira, principessa delle Amazzoni, è cresciuta amata dalla madre Hippolyta e dal suo popolo su un’isola lontana dalla civiltà. Quando l’umano Steve Trevor compie un atterraggio di fortuna su Themyscira, fa scoprire a Diana l’esistenza di una terribile guerra mondiale che sta sconvolgendo il mondo.
Convinta di essere in grado di fermare il conflitto, Diana lascia per la prima volta la sua casa, pronta a riportare la pace.

RECENSIONE: “Diana Prince”, chi era costei?
La cosiddetta “Wonder Woman” è un personaggio nato nel 1941 dalla mente di William Moulton Marston, ed è una guerriera amazzone caratterizzata da un paio di bracciali indistruttibili, un lazo che obbliga chi vi viene intrappolato a dire la verità, un gonnellino inguinale ed un aeroplano invisibile.

Sì, i fumettisti negli anni Quaranta si drogavano a bestia.

Tutte queste caratteristiche rendono la Donna Meraviglia il personaggio più irrealistico della Triade DC; bene ma non benissimo, visto che gli altri due sono un alieno petrofobico che porta le mutande sopra le braghe ed un miliardario traumatizzato che esce di notte per picchiare a sangue i cattivi vestito da chirottero.

Diretto dalla Patty Jenkins di Monster, Wonder Woman è un buon film che riesce ad imbastire una origin story a tratti piuttosto convenzionale, ma non trascurata nelle sue componenti.

Ad una parte iniziale comprensibilmente piuttosto lenta e noiosa (pecca non rara in questa tipologia di pellicole, dato che bisogna introdurre un sacco di elementi non dando per scontato che lo spettatore già li conosca), seguono due successivi terzi più agili e in cui meglio si sfrutta il personaggio sia sul lato introspettivo, con un maggiore sviluppo caratteriale, che combattivo, con un maggiore uso del menare le mani.

Ma non è questo il pregio principale del film.
Poi ci arriviamo, ve lo dico dopo.

La regia e la fotografia non sono disprezzabili, riuscendo a dare aria visivamente all’opera per quanto si possano notare talvolta dei fondali un po’ finti e pataccosi (specie in una breve sequenza iniziale con Diana bambina, quasi a livelli dei fondali a scorrimento di Superman del 1978) a causa dell’ovvio e spropositato uso del green screen.

Lo stesso corpo di Diana pare talvolta un po’ troppo “rimbalzoso”: grazie a Dio non si raggiungono i livelli di infamia del famigerato Hulk di Ang Lee in cui l’alter ego di Bruce Banner pareva un’enorme pallina da ping pong verde, ma avrei personalmente preferito una resa della fisicità più… ehm… “fisica”.

Nonostante ciò credo che il film abbia un ottimo pregio.

Dopo ve lo dico.

La sceneggiatura come già accennato è piuttosto ortodossa e convenzionale.

L’eroina scopre il mondo fuori dalla sua oasi felice, arriva in un luogo in cui deve imparare a vivere da “persona normale” adattandosi a quelle che per noi sono convenzioni mentre per lei forzature, dimostra di avere una marcia in più rispetto agli altri e poi giù un sacco di eroiche legnate.

A parte dei dialoghi piuttosto banali ed esageratamente manichei (il combattimento finale pare Dragon Ball), la scrittura del film non risulta fastidiosa o scemotta come in altri comic movies, ed il pubblico sentitamente ringrazia.

Ma il vero pregio del film è un altro, poi ci arriviamo.

Gal Gadot non mi aveva impressionato (per usare un eufemismo) con il suo cameo allungato in Batman v Superman, (probabilmente non riesco ad apprezzarla perché mia madre non si chiama Ippolita), ma avendo qui due ore abbondanti di film dedicati a lei devo dire che la mia opinione sia parzialmente cambiata.

Continuo a sostenere che le sue doti recitative possano essere ampiamente migliorabili, e la sua personificazione di Wonder Woman in alcune sequenze appare più un cosplay non particolarmente brillante che una vera e propria incarnazione, però nel complesso risulta sufficientemente credibile negli striminziti panni di un personaggio che di credibile non ha quasi un tubo.

Sul supporting cast poco da dire.

Chris Pine, che di raffa o di raffa gli fanno sempre guidare una motocicletta, non sfigura come soldatino motivato, regalando inoltre alcune espressioni impagabili quando la modella israeliana gli fa lo spiegone su amazzoni, divinità e altre per lui assurdità varie.

Le uniche due guerriere che spiccano oltre la protagonista solo l’Ippolita di Connie Nielsen e l’Antiope di Robin Wright, ma entrambe hanno troppo poco spazio su schermo per essere sviluppate.
Discorso simile per i compari di Pine (tra cui l’Ewen Bremner di Trainspotting) e per Danny Huston, ancora una volta militare cattivone dopo quella volta in cui ha imprigionato Wolverine e creato il Deadpool del discount.

Ma l’aspetto migliore del film è un altro.

Volete sapere quale?

VIENE FINALMENTE RAPPRESENTATO IN UN BLOCKBUSTER UN MODELLO POSITIVO PER LE DONNE.

Questo film potrà anche non essere il massimo della memorabilità, ma ha il gigantesco pregio di offrire in un prodotto ultra-mainstream un personaggio femminile che possa essere da esempio per il pubblico, appunto, femminile.

Dato che nella maggior parte dei casi tali characters sono scritti uno più orribilmente dell’altro, penso sia una buonissima cosa ciò che si vede qui: una donna determinata, che compie delle scelte per il bene delle altre persone pensando prima a loro che a se stessa, che non esita a combattere per il giusto e che, pur non essendo infallibile, cerca comunque di rimediare ai propri errori.

Non è una bambolina da salvare.

Non è una psicopatica irrazionale.

Ci voleva così tanto per vederla al cinema???

Meno Bella Swan, più Diana Prince.

Cloud dei tag