L'amichevole cinefilo di quartiere

Articoli con tag ‘Thwaites’

Speakers’ Corner – Office Uprising

Sorta di via di mezzo tra The Belko Experiment (per le tematiche di base e la cruda violenza) e Benvenuti a Zombieland (per il tono scanzonato e gli sfondamenti della quarta parete) Office Uprising è una piacevole commediola horror che va a fruttare discretamente bene l’ora e mezza spesa nella sua visione.

Intrappolati in una fabbrica di armi in cui quasi tutti i loro colleghi sono diventati degli zombie aggressivi e ipercinetici, i nostri improbabili eroi si trovano ad affrontare una deriva sociale e mentale dei normali rapporti lavorativi, con i vari settori aziendali che vengono esagerati da una trama che spinge pesantemente l’acceleratore sulla violenza, portando lo spettatore a risate e sani facepalm.

L’ironia è infatti così presente da far prevalere nettamente il genere commedia sull’horror, grazie soprattutto a personaggi che sono vere e proprie caricature ambulanti; riuscendo a non prendersi minimamente sul serio il film guadagna molti punti, mostrandosi al pubblico per ciò che veramente è: una pellicola molto leggera e ai limiti del nonsense.

Oltre alla classica baracconata di grana grossa, però, volendo osservare con occhio più attento è possibile riscontrare in questa pellicola uno sberleffo sano e beffardo rivolto alle unità produttive che compongono una grande azienda, con l’universo umano che popola quotidianamente i suoi uffici venire massacrato sia in senso letterale che figurato.

Nel cast il giovane in rampa di lancio Brenton Thwaites, la Jane Levy protagonista di Man in the Dark, Karan Soni, il Dopinder di Deapool e un esilarante Zachary Levi come main villain.

Menzione d’onore per la sequenza ambientata nel settore Risorse Umane, che pur durando solo quattro minuti è un piccolo gioiello.

Simpatico senza pretese.

Annunci

Impressioni di trailembre – Titans (serie TV)

Altra PERLA regalata dal Comic-Con di San Diego, trailer sulla nuova serie TV sui Teen Titans.

Considerazioni sparse:

– La DC non ha ancora capito che mettere toni dark a caso su qualsiasi cosa, “perché noi siamo la DC Comics, quindi sì” ha ormai sbriciolato il sacco scrotale (Titans cupi? Ma da quando??); colpo di grazia è inoltre l’ormai trita e stra-trita menata de “I mostri sono dentro di noi, il lato oscuro della gente, quando faccio del male mi sembra giusto, nella carbonara ci vuole il guanciale” che è già stata vista altre decine di volte e resa meglio.

– Protagonista Brenton Thwaites, attore caruccio ed anche fisicamente abbastanza nella parte.
Poi oh, è carismatico quanto una scarpiera, ma non si può pretendere tutto.

– “Oddio, ridendo e scherzando ci siamo accorti che stiamo facendo accoppare a Batman un sacco di gente, sbattendocene la minchia in allegria di uno dei suoi tratti distintivi: facciamoli uccidere tutti a ROBIN”.

Cazzo, ROBIN.

Che poi porca di una stra-puttana, Dick Grayson è il Robin probabilmente più nobile, cavaliere e sobrio dei QUATTRO che ci sono stati.

Qua pare il Punisher.

– “Fuck Batman” detto da Grayson, ehm NO. “Eh, ma anche nei fumetti quando fonda i Titani si sta allontanando dal suo ment…”NO.

NO.

– Considerando una fotografia le cui scelte cromatiche mi hanno convinto per un attimo di essere improvvisamente diventato un cane ed un lato tecnico generale da fan movie, e manco così ispirato, sono curioso di assistere allo scempio che sarà la CGI di Beast Boy, uno il cui superpotere è quello di trasformarsi in animali verdi.

Chissà come mai non l’hanno messa nel trailer.

– In questa linea narrativa Starfire, nobile principessa aliena, fa bocca e culo per 60 euro (seriamente, come cazzo l’han vestita?)

– “È ora che i demoni interiori vengano fuori a giocare”, ok, l’ora che smettano di mungere il filone supereroi quando arriva?

– Il brano in colonna sonora pare uscito da Cinquanta sfumature, tipo quelle canzoni in cui c’è una vocalist che raglia cagate sul fuoco, sul conflitto, sull’essere combattuti per le emozioni ed in sottofondo è tutto un BAM-BAAAM BAM-BAAAM.

Perché fate ‘ste puttanate?

Tag Cloud