L'amichevole cinefilo di quartiere

Articoli con tag ‘supereroi’

Venom

Per simbiosi (dal greco σύν «con, insieme» e βιόω «vivere») in ecologia si intende un’interazione biologica piuttosto intima, di lungo termine, fra due o più organismi.
In alcuni casi, il termine simbiosi viene usato solo se l’associazione è obbligatoria e va a beneficio di entrambi gli organismi, abusando di quella che è l’etimologia della parola.

TRAMA: In un laboratorio si tenta di innestare dentro un ospite umano uno strano organismo riportato da una missione spaziale, ma le cavie continuano a morire una dopo l’altra.
Una notte si intrufola nella struttura il giornalista d’inchiesta Eddie Brock…

RECENSIONE:

Il protagonista di questo film racchiude due personalità.

Ho detto, il protagonista di questo film racchiude due personalità.

IL PROTAGONISTA DI QUESTOAh, sì, eccomi, mi ero un attimo appisolato. Di che si parla?

Tizio con un aspetto terrificante che parla usando la prima persona plurale. Chi ti viene in mente?

Il Divino Otelma?

Non così terrificante, mi riferisco a Venom, personaggio nato nel 1988 dalle matite di David Michelinie e Todd McFarlane.

Piccola lezione di storia fumettistica:

Avvisami quando si passa a qualcosa di interessante…

I Simbionti sono una razza immaginaria di parassiti amorfi extraterrestri dell’universo Marvel; secondo le origini canoniche del personaggio, uno di questi si unì a Spider-Man a mo’ di costume, aumentandone le facoltà fisiche alterandone però quelle mentali.
Dopo alcune vicissitudini, Peter Parker scopre che si tratta di un essere vivente che stava fondendo la propria personalità con la sua, arrivando anche ad essere estremamente violento e sempre meno controllabile; scoperta l’avversione del simbionte per le onde sonore intense, Peter si disfa dell’alieno.

Dopo poco tempo l’essere incontra Eddie Brock, un giornalista che odiava a morte l’Uomo Ragno perché lo accusava di avergli rovinato la vita (avendo smascherato una sua notizia falsa che gli aveva causato il licenziamento): Eddie aveva intenzione di suicidarsi, ma il simbionte si unì a lui e ai suoi ricordi, trovando nell’odio verso l’arrampica-muri un fine comune che gli permise di essere completamente accettato dal nuovo ospite.

Dopo vari scontri ed incontri con Spider-Man, mosso da un distorto codice morale Venom assunse il ruolo di protettore degli innocenti uccidendo i criminali e/o mangiandoseli.

Cioè me lo devo immaginare come un Tobey Maguire stronzo e cannibale?

Non è solo una copia carbone, ma un character interessante dotato di profonda dignità.

Non mi sembra così dignitoso…

Non rivanghiamo le tragedie.

Beh, quindi questo Venom è un bel film?

Beh, è carino.

Oddio, magari anche no.

Circa.

Questa recensione sta diventando “circa” una palla atomica.

Lo so, ma non è semplice inquadrare un film come questo.

All’inizio si ha un’ottima rappresentazione di Brock come giornalista d’inchiesta determinato che non guarda in faccia nessuno: vengono sovrapposti vari suoi servizi di stampo sociale unendo una commistione dei suoi commenti audio ad un uso quasi fumettistico dello schermo, sezionato in varie parti che si accumulano in una ricchezza stilistica efficace.

Quindi cos’è, un fumettone autoriale?

Tipo Watchmen? No, perché poi si passa ad evidenziare la love story tra Brock e la sua fidanzata prossima sposa, mostrando l’amorevole rapporto tra i due ed il sostegno reciproco che si danno: carino e coccoloso quanto vuoi, ma non particolarmente ispirato o frizzante.

Ah, allora è Nicholas Sparks con i poteri.

Neanche, perché si susseguono varie sequenze che mostrano le operazioni spaziali (prima) e bioingegneristiche (poi) della corporazione presieduta dall’antagonista, ricche di elementi di tensione in cui si strizza l’occhio ai monster-movies con il solito vago antipasto di come potrà essere la creatura.

Ok: è un fanta-horror.

Ma proprio no: tanto per cominciare hanno avuto l’idea demente di metterlo PG-13 invece che R-Rated (quindi scordati mutilazioni on screen, ma solo dette o accennate), in più non contiene nemmeno elementi di terrore così pesanti da risultare indigesti ai ragazzini.

Inoltre il legame tra ospite e simbionte ha esplicite venature leggere e comiche, con scambi di battute scanzonate (anche se non ai consueti livelli prescolari marveliani) che strappano sorrisi e stemperano azione e tensione.

Beh, tipo Deadpool o I guardiani della galassia?

Senza praticamente nessun riferimento o quasi alla cultura pop? Lo stesso Marvel Universe che viene citato una volta e solo per una cosa?

Va beh, sarà come quelle commedie in cui ci sono due amici che litigano e combinano cazzate, com’è che si chiamano…?

buddy movies? Con visibile solo uno dei due “protagonisti” alla volta, e l’altro al massimo parla?

Che palle, allora dimmelo tu cos’è.

Un misto di tutto ciò che ho appena detto.

E funziona ‘sto casino?

Beh, è carino.

Oddio, magari anche no.

Circa.

Se continui così gli utenti si “circa” disiscriveranno.

Venom non è la schifezza che molte recensioni statunitensi hanno declamato e sentenziato: si lascia guardare, ha un ritmo abbastanza climatico (oddio, un po’ lento nel primo terzo), il cast recita bene e di effetti speciali se ne sono visti di peggiori.

I problemi sono due: il tono ed il rating.

Beh, sul primo hai già detto: c’è dentro tutto quindi è un bordello.

Sì. Mi sta bene che una pellicola cerchi di spaziare tra più generi, cercando di evocare echi di impostazioni narrative diverse, per venire incontro a varie esigenze di un pubblico eterogeneo, ma così è veramente troppo.

Il risultato finale è un film che pare lo zapping televisivo annoiato in un uggioso pomeriggio domenicale:

Con questo nuovo set di padelle antiaderenti direte addio ai residui diPergolettese, che si riversa in avanti per cercare il goal del pareggio in questi ultimi minuti dellaprova che dimostra che è stato lei, signor Johnson, ad uccidere sua moglie colpendola ripetutamente con uncapodoglio. Questo gigante dei mari si spinge spesso nelle profondità oceaniche, nutrendosi di reddito di cittadinanza, una manovra per la quale preleveremo i soldi aumentandole mie tette, sai, non ho soldi per pagarti la pizza però possiamo trovare una soluzione

Quale sarebbe stato meglio avessero scelto, tra i tanti?

Ti rispondo con il secondo punto: la censura.

Avete Venom: un enorme mostro alieno con i superpoteri.

IL PG-13 NON HA UN CAZZO DI SENSO.

Non ha senso che per due, tre volte stacchi con le fauci la testa ad un essere umano come Ozzy Osbourne con un pipistrello senza che venga mostrata questa cosa e cavandosela semplicemente con un successivo accenno in una linea di dialogo.

«Gli hai staccato la testa con un morso».

«Oh, mio Dio, gli ho staccato la testa con un morso».

E NON ME LO FAI VEDERE??!

Con un visto censura più severo avrebbero portato sicuramente meno persone in sala, ma avrebbero anche incanalato l’opera in binari narrativo-stilistici a lei più che consoni, potendo sbizzarrirsi con la violenza, rimanendo sopra le righe ed omettendo la terribile sensazione castrante di qualcosa che “succede ma non si vede”.

Non dico un gore alla Eli Roth.

Bastava copiare da un “collega”.

Logan è veramente un film della Madonna.

Mi fa piacere che anche tu apprezzi: un western crepuscolare più che un cinecomics, con personaggi profondi e segnati dalla vita come vecchie querce che…

Wolverine che squarta la gente, cazzo!

Sì, buonanotte… per il cast, devo dire che Tom Hardy e Michelle Williams buttati in un fumettone ci stanno a pennello più o meno quanto Corrado Augias nella giuria di Miss Italia.

Oddio, per essere bravi sono bravi e non è sicuramente qui che dovevano dimostrarlo, ma si ha la vibrante sensazione che il loro grande talento sia piuttosto sprecato: lui si sbatte tantissimo ma è ostacolato dai problemi di tono, che giocoforza si riversano sulla sua interpretazione rendendola proprio confusa più che confusionaria.

Lei ha il vantaggio di incarnare un interesse amoroso che deo gratia non è il solito inutile cartonato a forma di vagina, ma possiede un ruolo relativamente attivo nelle vicende affrancandola dall’ormai tritissimo ruolo ancillare, purtroppo estremamente frequente in questo filone e non solo.

Riz Ahmed nel ruolo del villain è come i cappucci del Ku Klux Klan di Django Unchained: l’idea era carina, ma si poteva fare meglio.

Bon, quindi dopo la tua solita sbrodolata,Venom è un film…?

Beh, in fin dei conti carino.

Oddio, magari anche no.

Circa.

Annunci

Gli Incredibili 2

Era anche ora.

TRAMA: All’orizzonte, ci sono nuove avventure per la ‘normale famiglia di supereroi’, mentre il piccolo Jack Jack inizia a dare sfogo sempre più frequentemente ai suoi poteri.

RECENSIONE:

Anno Domini 2004.

Tecnologia:

– Nasce il social network Facebook e viene lanciata la prima versione del browser Mozilla Firefox.

Cinema:

Il ritorno del re vince 11 Premi Oscar, eguagliando il record di Ben Hur e Titanic.

Politica:

– Le elezioni in Spagna sono vinte dal socialista Zapatero, seguito negli Stati Uniti da George Bush jr., che inizia il suo secondo mandato presidenziale.

Costume:

– I Queen diventano il primo gruppo rock occidentale ufficialmente autorizzato a vendere un proprio album in Iran.
La compilation però contiene solo i brani a sfondo sociale e non quelli che parlano d’amore. Costa 1 dollaro ed ha anche la traduzione dei testi.

Calcio:

– Il campionato europeo viene vinto a sorpresa dalla Grecia.

Ah, già, esce anche al cinema Gli Incredibili, pellicola d’animazione della Pixar che verte su di una famiglia di supereroi, primo film della casa della lampada a vedere come protagonisti personaggi umani.
Ottimo riscontro di critica e pubblico (630 milioni di dollari d’incasso mondiale), per un seguito hanno aspettato quattordici anni.

Però di Cars ne sono usciti tre.

Gli Incredibili 2 è una più che buona pellicola, che mette in mostra il brio dei bei vecchi tempi proponendo il consueto piacevole mix di azione, humour e sentimenti; un cocktail mai stucchevole che riesce a soddisfare le esigenze sia del pubblico giovanile a cui il film è naturalmente rivolto, sia di quella schiera di spettatori che assistettero da giovani al primo episodio.

Grazie anche ad una trama che temporalmente è diretto prosieguo di quella del capitolo precedente (con un piccolo effetto straniante dovuto ai quattordici anni trascorsi solo nella “vita reale” mentre i nostri eroi sono rimasti identici, famiglia Dorian Gray), non si incappa nel rischio sbrodolamento narrativo inserendo sottotrame raffazzonate o dovute a carenza di idee, ma si può notare invece un sottile fil rouge che dona al sequel maggiore forza espositiva.

Però di Cars ne sono usciti tre.

E per questo film hanno aspettato quattordici anni.

Temi portanti de Gli Incredibili come la diffidenza nei confronti dei supereroi, i conflitti interiori di questi ultimi trattati come fuorilegge anche se animati dalle più pure intenzioni, e di conseguenza anche l’accettazione di sé e del proprio bagaglio di potenzialità, vengono qui ulteriormente approfonditi grazie al plot principale (un magnate dei media vuole far tornare i “super” legali ed accettati) e ad un’espansione globale del disegno narrativo.

La famiglia è quindi ancora portante, qui più che mai visto il ribaltamento di ruoli in casa, con il forzuto Bob costretto suo malgrado a fare il casalingo mentre la sua consorte diventa un volto pubblico per la causa pro eroi, ma ciò che prima era confinato tra le quattro mura domestiche viene enormemente ampliato dalla causa mondiale e collettiva per modificare la legge che mise i mascherati al bando.

Si aggiungono perciò tematiche come il bisogno o meno di figure al servizio della legge ma in qualche modo superiori ad essa, il conciliare faccende umane “normali” con la necessità e la volontà di proteggere la propria comunità di appartenenza, l’importanza che può assumere valenza positiva o negativa del ruolo dei media in una società dipendente dalla tecnologia come quella occidentale ed il rischio di diventare troppo dipendenti da figure eroiche ma in un certo senso “esterne” per la risoluzione dei propri problemi.

Però di Cars ne sono usciti tre.

E per questo film hanno aspettato quattordici anni.

Nessun elemento viene tralasciato.

Le sequenze d’azione sono adrenaliniche, di ampio respiro e sfruttano efficacemente le peculiari capacità di ogni eroe coinvolto: estremamente piacevole è infatti assistere a scene in cui la forza bruta, l’agilità elastica, la velocità, i campi di forze o i poteri criogeni vengono uniti al servizio della spettacolarità e del divertimento.

L’humour è molto presente senza essere però forzato o cercando la risata ad ogni costo in qualsiasi momento (guarda e impara, Marvel): i problemi del capofamiglia sono esilaranti e la caratterizzazione dei vari membri Parr crea un’ottima alchimia di gruppo risultando piacevole e leggero per l’occhio esterno del pubblico.

I temi già citati precedentemente offrono al film molti spunti di riflessione interessanti, che consentono agli adulti di meglio identificarsi nei personaggi e di essere più facilmente catturati da una trama non complessa ma nemmeno banale e scontata.

Però di Cars ne sono usciti tre.

E per questo film hanno aspettato quattordici anni.

Buon doppiaggio italiano, nonostante un generale cambio di voci rispetto al primo film, con Adalberto Maria Merli e Laura Morante sostituiti da Fabrizio Pucci e Giò Giò Rapattoni.

Simpatico ritorno di Amanda Lear negli stravaganti panni di Edna Mode, la schermitrice paralimpica Bebe Vio in un ruolo secondario non è neanche male, terrificante Ambra Angiolini che recita come ai tempi di Non è la Rai.

Che fatica.

Molto carino il consueto cortometraggio di apertura Pixar, l’allegorico Bao.

Batman Ninja – WTF?

Idea interessante: sfruttare il viaggio nel tempo per mandare Batman e il suo nutrito gruppo di alleati ed antagonisti nel Giappone feudale.

Si possono infatti offrire molti spunti accattivanti, immergendo un’icona statunitense in un tempo ed un luogo agli antipodGIGANTESCHI CASTELLI CHE DIVENTANO ROBOT E POI SI MENANO, IL JOKER CHE CERCA DI COLPIRE BATMAN CON UN VENTAGLIO URLANDOGLI “DON’T GO AWAY, I’M YOUR BIGGEST FAN!” (beh, dai, buona questa), SELINA KYLE NELL’ENNESIMA VERSIONE CON DUE ENORMI TETTONE SENZA SENSO (è una ladra, Gesù Cristo in croce, dev’essere leggera e sinuosa, cazzo le serve quella zavorra?), ALFRED CHE SCOPPIASSE L’APOCALISSE NUCLEARE DEVE COMUNQUE PREPARARE IL TÈ, LA BATMOBILE CHE DOPO DUE ANNI FERMA PIANTATA È ANCORA PERFETTAMENTE FUNZIONANTE, BANE SUMOTORI, BRUCE WAYNE CHE SI MIMETIZZA DA PELLEGRINO GESUITA (?) TENENDOSI LA TESTA RASATA MA CON I CAPELLI A FORMARGLI IL BAT-SIMBOLO SULLA CRAPA (???), TIM DRAKE CHE PARLA CON UN MACACO, LA FORTEZZA DI HARVEY DENT A FORMA DI ŚIVA, DIO DELL’INDUISMO (bravi, avete cannato di soli 6.000 chilometri), I CASTELLI DEI VILLAIN CHE SI SALDANO TRA LORO COME I PEZZI DI GUNDAM, PRIMATI CHE SI UNISCONO PER FORMARE UNA SCIMMIA GIGANTE, PIPISTRELLI CHE SI UNISCONO PER FORMARE UN CHIROTTERO GIGANTE PER POI RICOPRIRE LA SCIMMIA GIGANTE E CREARE UN BATMAN GIGANTE VESTITO COME QUELLO DELLA SERIE ANIMATA DEGLI ANNI ’90.

Ooocheei…

Doctor Strange

strange-locandinaSalagadula Marvelcabula bibbidi-bobbidi-bu.

TRAMA: Il noto neurochirurgo Stephen Strange resta vittima di un grave incidente che gli compromette l’uso degli arti superiori e minaccia di impedirgli di condurre una vita normale.
Alla ricerca di una soluzione e della guarigione, inizia un viaggio che lo conduce in Tibet, a incontrare l’Antico.

RECENSIONE: Breve riassunto del personaggio per chi non lo conosca:

Il dottor Strange è un uomo bravissimo nel suo lavoro, ma arrogante ed egoista…

iron-man

…subisce un incidente che lo mutila gravemente…

iron-man

…e questo lo fa maturare rendendolo un araldo delle forze del Bene.

iron-man

Cominciamo bene.

Per la regia di Scott Derrickson, director di pellicole horror memorabili come…. come…. beh, qualcuna mi verrà in mente, Doctor Strange è un pimpante spettacolo di fuochi d’artificio che riesce però in aggiunta a proporre un plot che, seppur ordinario, non renda il film un pretesto per una banale orgia di computer grafica.

Pur essendo infatti la classica storia di origini (e non poteva essere altrimenti, visto che Strange non è mai comparso nel Marvel Cinematic Universe fino ad ora), la trama riesce a sostenere un ritmo discreto e a non farsi incagliare da stilemi espositivi come gli ovvi “prova dei poteri”, “cambiamento psicofisico” o “conosciamo cosa vuole fare il cattivo”, superandoli invece con relativa regolarità.

strange-antico

Per quanto concerne il comparto tecnico, ovvio fiore all’occhiello dei superhero movies, già nei suoi primi cinque minuti la pellicola concede allo spettatore un assaggio di quelle che saranno le sue potenzialità visive, e ciò sgrava di ulteriore peso l’ordinario inizio narrativo.

Tale aspetto è di sottovalutata importanza: se già il film anticipa quali siano i fattori stimolanti per l’intrattenimento, il pubblico accetta che vengano rispettati i canoni espositivi, un po’ come un bambino che mangia tutta la verdura perché ha intravisto una torta appoggiata sulla mensola.

Nello specifico, il pregio migliore degli effetti speciali di Doctor Strange risiede nella loro capacità di ammaliare lo spettatore provocando la sua oblianza dei macro-concetti di tempo e spazio per come egli li conosca e sia abituato a relazionarcisi.

strange-magia

Il tempo diventa in Doctor Strange percorso sì lineare, ma bidirezionale, che può essere quindi percorso nei due versi; non si è quindi vincolati al procedere esclusivamente verso un destino dinanzi a noi, ma si può anche tornare sui propri passi sfruttando un tracciato scritto.
La dimensione nella quale si concepisce e si misura il trascorrere degli eventi viene piegata da artefatti magici ed arti occulte, creando interessanti e addirittura intelligenti paradossi che pur concettualmente semplici danno maggiore brio alla trama.

Lo spazio è malleabile plastilina da manipolare a proprio piacimento, con un quasi totale dominio di gravità e baricentri, ottimamente supportato da un comparto tecnico che sul grande schermo mostra i muscoli.
Simile in alcuni segmenti alla dimensione onirica di Inception, pareti, mura ed addirittura interi paesaggi urbani vengono modificati dalle abilità dei personaggi, contribuendo all’intrattenimento generale.

Marvel's DOCTOR STRANGE..L to R: Mordo (Chiwetel Ejiofor) and Doctor Strange (Benedict Cumberbatch)..Photo Credit: Film Frame ..©2016 Marvel. All Rights Reserved.

Altra nota lieta è l’ironia, che presente in buone quantità segue il classico leitmotiv Marvel senza però scadere nella fastidiosità emersa da altre opere, mantenendo perciò un sottile e benefico garbo.

Pur andando persi nel doppiaggio italiano alcuni giochi di parole “Strange = strano”, i piccoli momenti di ironia alleviano la narrazione senza sostituirsi ad essa e mantenendo un positivo apporto ancillare senza strafare.

strange-ironia

Uno dei più grandi pregi della Marvel è senza dubbio il casting: per dare volto fisico alla folta schiera di supereroi facenti parte di questa casa fumettistica, sono stati infatti scelti interpreti sempre adeguati.

elizabeth-olsen-scarlet-witch-marvel-avengers-2

Ok, quasi sempre.

Uno dei punti di forza anche di questo Doctor Strange è l’interpretazione dell’ottimo Benedict Cumberbatch.

Esteticamente molto simile alla controparte cartacea, l’attore inglese riesce al meglio a rappresentare cinematograficamente il personaggio creato da Steve Ditko nel 1963: per quanto inizialmente simile al già stravisto Tony Stark, Cumberbatch lo connota limando molto la sbruffoneria smargiassa del miliardario per adattarsi meglio a colui che abbia subito una grave perdita.

L’arroganza viene mitigata dalla determinazione, così come la volontà di primeggiare viene incanalata verso il desiderio di apprendere.

Attraverso in particolare il suo continuo studio, il personaggio offre al pubblico un costante miglioramento del proprio sé, e tale aspetto contribuisce in modo rilevante alla sua profondità psicologica, rendendolo piacevole e suscitando empatia nei suoi confronti.

strange-cumberbatch

Stuzzicante interpretazione di Mads Mikkelsen come antagonista, anche se purtroppo il suo personaggio è dotato di scarso approfondimento e avrebbe forse meritato maggiore tempo in scena.
Buon apporto anche di un’androgina Tilda Swinton come Antico (nonostante le polemiche successive al suo casting a causa del famigerato whitewashing) e Chiwetel Ejiofor nei panni di Mordo.

Nonostante io sia particolarmente critico nei confronti di questa casa di produzione, devo dire che Doctor Strange è veramente un buon film, che non si lascia andare ad alcune facilonerie cercando di intrattenere il pubblico attraverso una buona qualità complessiva.

Uno dei migliori film del Marvel Cinematic Universe.

IL migliore.

Pillole di cinema – Lo chiamavano Jeeg Robot

lo chiamavano jeeg robot locandinaCóri, pischello laggiù.

TRAMA: A causa di un incidente, un ladro di mezza tacca scopre di avere un forza sovrumana. Ombroso, scorbutico e taciturno, egli accoglie il dono del nuovo potere come una benedizione per la sua carriera di delinquente.
Tutto cambia quando incontra Alessia, una strana ragazza convinta che lui sia l’eroe del famoso cartone animato giapponese Jeeg Robot d’acciaio

PREGI:

– Roma (nun fa’ la stupida stasera): La capitale d’Italia, con i suoi rioni storici e il suo sottobosco di varia umanità, è perfetta come cupa ambientazione metropolitana per le vicende di un antieroe.

Non Caput Mundi, quindi, ma Gotham City all’amatriciana in cui personaggi brutti, sporchi e cattivi sbarcano il lunario attraverso vie lecite e non.

Lo-chiamavano-Jeeg robot roma

– Claudio Santamaria: Attore di punta del cinema italiano, Santamaria ritorna al superhero movie dopo aver doppiato Christian Bale nei Batman di Nolan.

Cupo ai limiti della misantropia, l’ex Dandi di Romanzo Criminale incarna alla perfezione sia recitativamente che fisicamente l’eroe per caso e controvoglia, un burbero dal cuore d’oro.

Barba incolta, occhio spento e disincantato, Santamaria offre una prova matura e più profonda di quanto possa sembrare ad una visione superficiale, stratificando il suo personaggio su più livelli e rendendolo apprezzabile dal pubblico.

lo-chiamavano-jeeg-robot santamaria

– Luca Marinelli: un po’ Joker e un po’ villain alla Sin City, il suo “Zingaro”, l’antagonista principale del film, è un concentrato di piacevole assurdità e carisma.

Visivamente divertente quando agisce sopra le righe e con temibili scatti da arrabbiato, un personaggio tanto strano ed esagerato quanto artisticamente apprezzabile, che Marinelli interpreta con le giuste dosi di estrosità e gusto per l’eccesso.

lo chiamavano jeeg robot marinelli

– Italiani supereroi? Ma ché, davéro?: Lo chiamavano Jeeg Robot ha complessivamente il grosso merito di essere una boccata d’aria fresca per la produzione cinematografica italiana, basata in maniera troppo preponderante su stereotipate commedie leggere una fotocopia dell’altra o su indigesti drammoni aventi come focus le problematiche della famiglia medio-alto borghese.

Così come Il ragazzo invisibile, questo film tratta un tema che c’entra con la filmografia tricolore come un cammello nel deserto, ma trasponendolo su pellicola con una fattura qualitativamente più che buona.

Regia solida e sicura nelle scene d’azione, un montaggio funzionale a quanto venga mostrato e con frizzante inventiva (e non a caso o operaio come spesso avviene) e una fotografia che non ti spappoli gli occhi dopo un quarto d’ora rendono la pellicola ben realizzata, e considerabile quindi come una piccola chicca.

Non sarà “la Marvel che incrocia Tarantino” (seh, bum) ma è comunque un’opera meritevole di visione e che spicca per originalità.

lo-chiamavano-jeeg-robot-poteri

DIFETTI:

– “Nessuno”…?: O meglio, è ovvio che questo film, come tutti del resto, abbia delle pecche, ma sono difetti più legati al genere in senso ampio che a quest’opera nello specifico.

Si potrebbe dire, ad esempio, che tecnicamente si nota talvolta il budget minore rispetto a produzioni riguardanti lo stesso tema (e grazie ar c**zo, è costato meno di due milioni); oppure che l’inizio della trama è un po’ troppo sbrigativo e diretto (anche se personalmente lo considero un pregio); o ancora che la vicenda risulti spesso esagerata e sopra le righe (ma lì dipende appunto dal tema del film).

Tutti punti deboli non ascrivibili quindi all’opera specifica ma al suo genere, e in quanto tali risultano in fin dei conti accettabili se si consideri la qualità della pellicola come contraltare.

Consigliato o no? Decisamente sì, non ci si può lamentare di quanto ripetitivo sia il cinema italiano se poi escono film come questo e nessuno se li fila.

Deadpool

deadpool poster itaI ❤ chimichangas.

TRAMA: Wade Wilson, ex agente operativo delle Forze Speciali e mercenario, si sottopone a un terribile esperimento per guarire dal cancro, acquisendo l’eccezionale potere del fattore rigenerante…

RECENSIONE: Per la regia di Tim Miller, Deadpool è un film che…

Eh-ehm… non ci stiamo dimenticando di qualcosa?

No, ma temo sia una domanda retorica.

Dai, io sono te, sai cosa voglio. Deadpool è un personaggio famoso per avere personalità multiple, voci nella testa e roba varia, quindi potremmo cogliere la palla al balzo e recensirlo ripetendo il ménage à deux di quella vecchia volta.
Non lo trovi un intelligente riferimento all’argomento dell’articolo, nonché un frizzante e costruttivo espediente narrativo?

No, la trovo una puerile perdita di tempo. Sono già in ritardo a scrivere la recensione, per cui se potessi costruttivamente levarti dalle palle…

LA RECENSIONE! Fermi tutti, è arrivato Roger Ebert!
Capirai che roba, la tua “recensione”:”Bla bla bla, battutine del cazzo, le pellicole sui supereroi fanno schifo perché li rendono personaggi piatti conditi da umorismo spicciolo, battutine del cazzo, bla bl…”

Veramente a me questo film è piaciuto.

Ecco, sei il solito preven… no aspetta, cosa?!?

deadpool face

I supereroi spesso sono figure idealizzate in maniera esagerata: maschioni eroici che sfidano indomitamente le forze del male agghindati con costumi francamente improbabili.
Troppo perfetti, troppo valorosi, troppo… TROPPO.

Deadpool invece mi è piaciuto come film perché il suo protagonista non è così, lui è…

Lui.

deadpool gif 2

Alt, alt, alt, forse ho capito dove vuoi arrivare. Tu critichi negativamente i Guardiani della galassia perché li consideri personaggi stupidi e poi esalti Deadpool… per lo stesso motivo?

Sì, perché c’è una differenza fondamentale tra le due tipologie di character: Deadpool è intrinsecamente stupido e sopra le righe.

Il suo essere un concentrato di esagerazione fa parte della natura del personaggio: non è comico perché figo, ma è figo perché comico.

Per legarmi all’esempio che hai fatto tu, un procione parlante che spara mitragliate alla gente è un elemento “affascinante”, che può portare di conseguenza a gag, battute o scene comiche.

Deadpool invece ha la comicità insista nel personaggio: se gli si toglie questa caratteristica, ci si ritrova con un mercenario armato fino ai denti che, per quanto possa avere carisma, è un archetipo stravisto in molti media fumettistici e non.

deadpool macchina

Deadpool è per prima cosa un tizio comico ed esagerato, e dopo un antieroe d’azione.

Capito?

Sinceramente no ma ti vedo convinto, per cui mi fido.

La tua stima mi commuove. Quello che dicevo prima viene evidenziato nel film da continui sfondamenti della quarta parete:  essi sono ripresi dai fumetti, dato che il “merc with a mouth” è fortemente connotato dall’essere l’unico personaggio Marvel con la consapevolezza di trovarsi in un’opera d’intrattenimento.

Non è l’unico, anche She-Hulk sa di essere il personaggio di un comic book.

Chi??

She-Hulk_Dialogue_1

Tipica sobrietà Marvel… quale sarebbe il senso di questo personaggio, rendere sessualmente appetibili le culturiste maggiorate con la pelle verd…

Ripensandoci, preferisco non saperlo.

Stai perdendo il filo, mi chiedo come facciano le persone a leggerti.

Io mi chiedo perché queste cose alle fashion blogger non capitino…

Dicevo, essendo comunque Deadpool un superhero movie la regia e il montaggio enfatizzano decisamente l’elemento action, alternando sequenze adrenaliniche di pura azione con altre più posate e comiche; in particolare il montaggio risulta ottimamente funzionale alle parti più frenetiche, sapendo utilizzare anche lo slow motion per esaltare determinati passaggi.

deADPOOL 2

Il punto focale della pellicola è ovviamente l’umorismo, che rende il film incredibilmente divertente.

I tantissimi riferimenti alla cultura pop (fumettistica e non), il sarcasmo imperante ed un linguaggio sboccatissimo e sessualmente esplicito rendono l’opera decisamente spassosa, con battute a mitraglia che si susseguono eliminando i tempi morti dei dialoghi.

Ciò maschera una trama che tolto tale elemento risulterebbe banale e “canonica”, ma che da questo fattore viene quindi piacevolmente arricchita superando il classico schema narrativo riguardante l’origine di un personaggio.

dopinder deadpool

“Il film è bello perché è divertente”? Wow, dici che i lettori riusciranno a raccapezzarsi tra questi termini così squisitamente tecnici e incredibilmente oggettivi?

Ok, allora diciamo che Deadpool è un personaggio carismatico perché incarnazione materiale dell’astrazione teorica di individuo che abbandona le regole tipiche dello stato sociale, ritornando ad una dimensione naturale e para-anarchica in cui possa sfogare senza limiti positivi gli eccessi della sua personalità.

Ciò corrisponde ad una concezione intrinsecamente istintuale della vita, che affascina e solletica i profondi appetiti delle persone perché costituisce una sublimazione catartica del concetto stesso di “libertà”, contribuendo alla fuoriuscita visiva del nucleo fondante dell’animale uomo.

Meglio così?

“Divertente” va benissimo.

Ti ringrazio.

Deadpool disegno

All’umorismo si unisce la violenza, molto esplicita sia nei comic book che nel film. Essa però non pesa negativamente sull’opera, perché legata indissolubilmente alla tipologia di personaggio rappresentata dal protagonista, quindi non “forzata” solo per il gusto dell’omicidio.

Anche in questo caso, si ha un quid che migliora il film rispetto ad altre pellicole simili: un protagonista ammazzatutti le cui azioni hanno un senso di esistere all’interno dell’opera artistica, senza appiattirsi su personaggi alla Steven Seagal che si limitano a sterminare bidimensionalmente per un’ora e mezza tutti i maderfacchers che attraversino il loro campo visivo.

deadpool violence 2

Violenza e comicità risaltano grazie anche alla presenza di figure di contorno piuttosto sopra le righe, che ben si armonizzano con l’atmosfera del film e contribuiscono a creare divertenti gag e siparietti comici.

È una mia impressione o a te i personaggi secondari piacciono solo quando sono strambi?

No, non mi piacciono gli elementi di contorno strani in sé, ma quelli che riescano a ritagliarsi uno spazio più o meno importante nella vicenda, in modo da aumentare il respiro dell’opera e non stancare lo spettatore concentrandosi solo su protagonista e antagonista.

Se così fosse, non si avrebbe davanti agli occhi un film, ma un incontro di pugilato.

deadpool al

Ok, ok, va bene. ‘Sti tizi sarebbero?

Beh, nei panni della fiamma del protagonista abbiamo una sexy e tosta Morena Baccarin, aficionada delle serie tv; Colosso, l’X-Man russo (“In Soviet Russia metal forges you”), è interpretato con la tecnica del motion capture da Andre Tricoteux per quanto riguarda il fisico, mentre il viso è di Greg LaSalle, supervisore di tale tecnica di recitazione.
La semi-esordiente Brianna Hildebrand è Negasonic Mutant Warhead, la lottatrice Gina Carano (Fast & Furious 6) è Angel Dust, mentre Ed Skrein (già visto ne I vichinghi) veste i panni di Ajax.

deadpool ajax

“Ajax” come quello di Cruijff?

No, “Ajax” come i due dell’Iliade.

Ah, bello, è mica il film dove Brad Pitt spacca i culi sulla spiaggia?

Farò finta di non aver sentito… fortunatamente la recensione è andata.

Visto musone che non è stato difficile? Dai, alla fine la Marvel ti ha sputato fuori una robetta mica male, cosa vuoi di più?

Beh, se mi facessero un film decente su di lui non mi dispiacerebbe…

the punisher 2

Lo han messo nella serie tv su Daredevil.

Ho detto “film”.

Non ne hanno già fatti due?

Ho detto “decente”…

Pillole di cinema – Fantastic 4 – I Fantastici Quattro

FANTASTIC-4-I-FANTASTICI-4-Poster-Locandina-2015Si ringrazia per il sottotitolo italiano indispensabile.

TRAMA: Durante un esperimento, quattro giovani vengono teletrasportati in un altro universo che altera i loro fisici e dà loro incredibili abilità; dovranno imparare a usare i loro poteri e a lavorare insieme per affrontare minacce alla Terra…

PREGI:

– Fa capire allo spettatore la teoria della relatività: Nonostante l’ora e quaranta di durata sia tutto sommato ridotta per gli standard dei superhero movie, a causa dell’iniziale ritmo lento dell’opera questi 100 minuti risultano ETERNI.

Il pubblico ne trarrà quindi un importante insegnamento scientifico, apprendendo sulla propria pelle quanto la dimensione nella quale si concepisce e si misura il trascorrere degli eventi possa essere distorta in base alle nostre percezioni.

Avete presente la citazione attribuita al grande fisico Albert Einstein secondo cui “Quando un uomo siede due ore in compagnia di una bella ragazza, sembra sia passato un minuto. Ma fatelo sedere su una stufa per un minuto e gli sembrerà che siano passate due ore”?

Ecco, Fantastic 4 non è una bella ragazza.

Ma proprio no.

fantastici 4 tombe

– Prima o poi termina: Pregio legato indissolubilmente al primo punto, a differenza dell’universo, della stupidità umana e dell’amore femminile per i gatti, Fantastic 4 non è infinito.

DIFETTI:

[Dopo un’attenta riflessione e cercando di riassumere mentalmente tutto ciò che ho visto, posso arrivare a concludere che il difetto principale del film è…]

– Ogni cosa: Fantastic 4 non ha UNA componente che sia DECENTE.

Come per Ant-Man credo sia interessante conoscere la storia produttiva della pellicola. Le “divergenze” tra il regista Josh Trank e la Fox sono state ampie e troppo lunghe da spiegare, vi lascio un articolo QUI nel caso vi interessi un riassunto.

Sicuramente ciò ha portato ad un film ben al di sotto degli standard anche del più medio cinecomic.

O, per meglio dire, ben al di sotto di qualsiasi standard.

fantastici 4 spazio

La regia non ha un minimo stile visivo che la renda originale o personale; non si nota un tocco artistico del director che possa particolareggiare il film, dato che le riprese sono poste in atto con la più basilare diligenza dell’ABC del cinema.
Niente invenzioni particolari, niente usi di camera interessanti o brillanti, solo un gran ping pong di inquadrature alla lunga banali e stancanti, unite ad un montaggio senza guizzi e ad una CGI finta e irrealistica come poche.

fantastici 4 reed

La fotografia è tutto un gran blu-nero alla Nolan dei poveri, scelta incomprensibile visto che alle tonalità scure delle scene non si accompagna un’accurata introspezione narrativa che le possa rendere intense emotivamente.

Il tono emozionale di una sequenza cinematografica deve essere basato su tematiche interiori, sentimenti e profondità psicologica; questi aspetti dell’animo umano devono essere poi accompagnati visivamente da una determinata scelta dei toni di colore, legata a fotografia e scenografia.

Non viceversa, Cristo.

DF-14999r Reed Richards (Miles Teller) and Sue Storm (Kate Mara) harness their daunting new abilities to save Earth from a former friend turned enemy. Photo credit: Alan Markfield

Sempre rimanendo sulle modalità narrative, è da registrare quanto l’ironia tipica dei Marvel movies qui sia praticamente assente.
Persino il cupo e drammatico X-Men: Giorni di un futuro passato, sempre distribuito dalla Fox, aveva ogni tanto qualche botta di spirito.

Qui il nulla, se non brevissimi sprazzi più o meno stupidotti.

fantastici 4 scena

La sceneggiatura è, come sempre, la vera piaga di queste pellicole.

Qui in particolare ha più buchi di un groviera, e ciò risulta ancor più evidente da una prima metà molto (ma molto) lunga, con un ritmo molto (ma molto) lento che la rende molto (MA MOLTO) noiosa.
Ad essa fanno seguito una cinquantina di minuti dove ci si ricorda improvvisamente della presenza della quinta marcia sulla propria automobile e si decide di utilizzare solo quella, inanellando un evento dietro l’altro a raffica senza dar tempo allo spettatore di capire cosa stia veramente succedendo e senza spiegare le dinamiche narrative.

E quindi via di cose poco chiare, tirate per i capelli o bellamente ignorate.

fantastici 4 macchina

Gli attori non riescono ad essere credibili nell’interpretazione.

Una sceneggiatura che tratteggia i personaggi in due dimensioni-due fronte e retro di sicuro non aiuta, ma quelle che si vedono sembrano quasi più degli abbozzi o delle pallide imitazioni annacquate che delle interpretazioni vere e proprie; gli attori faticano molto a reggere il peso di figure nate editorialmente nel 1961, e che quindi sono arcinote a generazioni di ragazzini.
A ciò si aggiunge il totale stravolgimento dei personaggi, che vengono modificati veramente tanto per adattarli ad una sceneggiatura povera di spessore e di unità narrativa.

Il risultato è uno sciapo teen-drama, con la caratterizzazione di un diluito telefilm per famiglie e la profondità narrativa di un B-movie.

Per quanto riguarda l’attinenza fisica…

fantastici 4 cast marvel

…tazione è fondamentale fin dalle sue origini, con il teatro greco legato a maschere fisse e monoemotive, le quali avevano lo scopo di incarnare un archetipo caratteriale cercando di trasmettere tale sentimento al pubbli…

fantastici 4 cast marvel

…pete le uova dividendo i tuorli dagli albumi: montate quindi sia i tuorli che gli albumi in due ciotole distinte. In una nuova ciotola versate la fari…

fantastici 4 cast marvel

LO SO… che non vi è piaciuto! Lo so, ho capito, ho afferrato il concetto!

Sì, ok, hanno cambiato etnia a Johnny Storm senza un vero motivo; focalizzarsi solo su questo aspetto estetico, però, vorrebbe dire tralasciare ben più importanti difetti del film.

E implicitamente equivarrebbe anche ad affermare che le pellicole tratte da fumetti Marvel non abbiano mai avuto scelte di casting sbagliate o personaggi mal resi.

Sicuri?

deadpool marvel2

Elizabeth-Olsen-Scarlet-Witch-marvel-avengers-2

tim roth emil blonsky abominio marvel

ben kingsley mandarino 2 marvel

marvel alba sue storm

ghost rider nicolas cage marvel

jamie foxx electro marvel

electra marvel garner

marvel gambit 2

Ecco, diciamo che rispetto alla Torcia Umana afroamericana c’è di peggio.

Anche in questo stesso film.

fantastici 4 doom

L’azione è concentrata quasi solo nei pochi minuti finali, ma visto com’è l’andazzo della pellicola sino a quel momento, lo scontro dell’epilogo sarebbe potuto anche consistere in una battaglia rap e non sarebbe cambiato nulla.

TUNZ-TUNZ-YO!
Sono Mr. Fantastic
ti frantumo come un joystick
scopo la Donna Invisibile
tu sei un coglione inguardabile
con la testa di metallo
spari lampi a più non posso,
il tuo design è entrato in stallo
tra Electro e Colosso?
Covi rancore sotto traccia
diventando tutto pazzo
io non allungo solo braccia,
quindi succhiami il c**zo!

Ripensandoci, sarebbe stato quasi migliore del risultato originale.

Un film veramente pessimo da bocciare su tutta la linea, e non solo limitandosi al genere di appartenenza.

Consigliato o no? 

get out gif cary grant

P.S. Piccola curiosità spoilerosa: in QUESTO ARTICOLO potete trovare un elenco di tutte le scene dei vari trailer di Fantastic 4 che però NON sono poi presenti nel film.

Tag Cloud