L'amichevole cinefilo di quartiere

Articoli con tag ‘Snyder’

Justice League

Io sono la Giustizia.

Davanti a me sono tutti uguali.

Io sono la Giustizia.

Nei giorni dispari e in quelli pari.

TRAMA: Dopo la morte di Superman, Bruce Wayne decide di formare una squadra di supereroi metaumani per difendere la Terra da una terribile minaccia imminente. Così, chiama a sé Flash, Wonder Woman, Aquaman e Cyborg.

RECENSIONE:

Io ho un problema con la Justice League.

Sarà forse la mia naturale ritrosia per i film sui supereroi?

Sarà magari il fatto che verrà considerata la copia degli Avengers marveliani, nonostante su carta sia nata nel 1960 mentre i corrispettivi di Stan Lee comparvero solo tre anni dopo?

Mmmh, no.

Il mio problema è The Pro.

Per chi non la conoscesse, The Pro è una storia a fumetti scritta nel 2002 da Garth Ennis (creatore anche di Preacher); la trama verte su una prostituta di strada che riceve dei superpoteri, venendo poi reclutata nella celeberrima Lega dell’Onore e trovandosi ad affrontare dei villain sopra le righe.

Il tono del fumetto è di presa in giro dissacrante nei confronti dei tipici crismi dei supereroi americani classici: Superman/The Saint è un bonaccione ingenuo, Lanterna Verde John Stewart/The Lime è lo stereotipo del nero sacrificabile, Batman e Robin/The Knight e The Squire hanno una velata relazione in stile “antichi greci” e così via.

Il tutto ironizzando anche su come una persona comune con comuni difetti (una ragazza madre egoista, annoiata, cinica, sboccata…) possa comportarsi se investita di enormi responsabilità non volute.

Avendo letto questa storia (che vi consiglio, se amate le trame sopra le righe), quando si parla di Justice League non penso all’onore, al coraggio e alla sete di giustizia che i suoi componenti permeano.

Penso ad una zoccola che pratica del sesso orale a Superman.

Chiudendo questa colorita parentesi, Justice League è né più né meno un gigantesco fumettone trasposto da carta a schermo.

Come Spectre di Sam Mendes era un po’ la summa di ogni elemento tipico della cinematografia su James Bond, questa pellicola racchiude in sé ogni fattore relativo al genere supereroistico di appartenenza: la conseguenza è che lo spettatore potrà apprezzarlo moltissimo quanto detestarlo con la medesima forza, in base al suo soggettivo apprezzamento non verso l’opera specifica, ma verso il settore artistico generico.

Come giudicarla, quindi?

Beh, sono partito da The Pro, quindi continuiamo su questa via.

Ossia con i PRO.

Justice League riesce a fornire un buon intrattenimento senza risultare troppo di grana grossa; punto focale per un blockbuster, l’azione è chiassosa ma ben gestita, non apparendo ridondante per gli standard e coreograficamente efficace nella sua esecuzione pratica.
Lo spirito di gruppo si mantiene evidente visivamente nel modo in cui i protagonisti affrontano l’antagonista, in modo da trasmettere bene allo spettatore l’idea di coesione alla base del film.
Di ottima fattura in particolare le scene ambientate a Themyscira, patria delle Amazzoni e teatro di una sequenza dal notevole impatto adrenalinico.

Ben Affleck e Gal Gadot si confermano adatti nei rispettivi ruoli, dando corpo ad un Bruce Wayne maturo ed attento e ad una Diana Prince generosa e fiera; alle new entries viene fornito un background narrativo che, pur scarno, non li rende dei cartonato bidimensionali, ma contribuisce a disseminare elementi che possano essere riconosciuti dai fan e che chiariscano il personaggio anche ai neofiti.

Particolare menzione anche per la sequenza dei titoli di testa, la cui impostazione ricorda quella di Watchmen, sempre con Zack Snyder regista, e con l’ottimo connubio audiovisivo grazie a Everybody Knows di Leonard Cohen interpretata dalla svedese Sigrid.
Non la solita esagerazione di simboli fallici e qualche inquadratura inutile di troppo alle terga di Gal Gadot, ma direi che si possa soprassedere.

Apprezzabili anche i piccoli riferimenti a personaggi non presenti nel film, che contribuiscono ad alimentare l’idea di universo narrativo donando ampio respiro a trama ed ambientazione.

Ora le NOTE DOLENTI.

Prima di tutto la trama è la solita menata già vista e stravista: oh mio Dio, stanno arrivando gli alieni da un altro mondo, c’è un cattivone uber-super che è dalla notte dei tempi vuole distruggere tutto, uniamo le forze per sconfiggerlo.

Tipo Space Jam, ma senza rubare il talento a Charles Barkley.

Devi affrontare un gruppo di supereroi? Obbligatorio l’elmo cornuto.

Il compito narrativo di alcuni personaggi nell’economia della storia è inoltre piuttosto basilare, e mi riferisco in particolare a Flash ed Aquaman.

Se il primo è un comic relief troppo estremizzato (pur non arrivando comunque ai livelli prescolari della Marvel, anche se non ci manca molto), il secondo ha subito un restyling avente come unico target quello di non farlo più essere l’eroe della comunità LGBT, ma rendendolo virile e figaccione.

Mi rendo conto che Jason Momoa sarebbe carismatico anche se recitasse Riccioli d’oro e i tre orsi nella parte della protagonista, ma su look e caratterizzazione psicologica è stata veramente calcata la mano, facendolo risultare stereotipato nel senso opposto.

Cioè è paradossalmente troppo figo per non stonare.

Ariel me la ricordavo diversa.

Sul lato tecnico, pur non esagerando nella slow motion tipicamente snyderiana, si assiste ad una CGI di un pataccame unico; come il pendolo di Schopenhauer oscilla tra dolore e noia, il green screen di Justice League oscilla tra il mediocre ed il raccapricciante, con fondali verosimili quanto cartoline pastello e sequenze acquatiche ahimè malfatte e banalmente sfruttate.

Si registra anche qui il momento-puttanata tipico delle precedenti opere DC, la sequenza cioè in cui al momento della scrittura agli sceneggiatori si chiude una vena del cervello.

Se ne L’uomo d’acciaio era Jonathan Kent trasportato nel meraviglioso mondo di Oz, in Batman v Superman era il Martha-time, in Wonder Woman il combattimento finale e in Suicide Squad l’intero film, qui abbiamo una idiozia che non posso spoilerare, ma che, pur essendo necessaria per il plot ha una modalità di svolgimento che mi ha fatto accapponare i capelli.

Senza rovinarvi la sorpresa (tutti dobbiamo soffrire), mi limito a dire che è un passaggio fondamentale per la trama e nella pellicola viene esposto in riferimento ad un celebre romanzo di Stephen King.

Chi lo ha già visto ha capito.

Tirando le somme, quale può essere il giudizio complessivo?

Beh, personalmente credo che pregi e difetti si elidano a vicenda, risultando in una giusta sufficienza finale per questo quinto episodio dell’universo DC.

Non eccezionale ma nemmeno così disprezzabile, considerando anche l’Orrore da Kurtz nella giungla di tre degli altri quattro film.

Fit iustitia.

Annunci

Batman v Superman: Dawn of Justice

batman v superman locandinaDimmi, tu vieni recensito?

Lo sarai.

TRAMA: Dopo lo scontro a Metropolis con il generale Zod, Superman è la figura più controversa al mondo: per alcuni emblema di speranza, per altri minaccia verso l’umanità.
In questo secondo gruppo rientra anche Bruce Wayne…

RECENSIONE: La marijuana è una droga leggera.
Se fumata, i suoi effetti principali sono rilassamento muscolare, sonnolenza o euforia.

L’eroina è una droga pesante.
Se iniettata in vena, i suoi effetti principali sono estasi, distorsione della percezione temporale o sbalzi d’umore.

Il Calgon è un anticalcare per lavatrici.
Se sniffato in polvere, il suo effetto principale è la realizzazione di film come questo.

Per la regia di Zack “ma quanto mi piacciono i simboli fallici” Snyder, Batman v Superman: Dawn of Justice (che per comodità chiamerò d’ora in poi BvS: DoJ) è infatti una spumeggiante boiatona che ha come unico obiettivo quello di introdurre la futura Justice League, formata dai maggiori supereroi della DC Comics.

batman-vs-superman-diana-prince-wonder-woman

Il problema è che ciò è legato solamente al voler recuperare il terreno perduto sul mercato rispetto alla rivale Marvel, non tenendo però conto che quest’ultima prima di vomitare gli Avengers ha intasato le sale cinematografiche per diversi anni spalmando sul medio-lungo periodo i suoi personaggi.

BvS: DoJ invece tenta con un film unico di imbastire il background narrativo del relativo team, impresa titanica in cui ovviamente fallisce miseramente pur considerando i (piuttosto prolissi) 150 minuti di durata.

Il risultato di questo Icaro che si avvicina troppo alla fossa biologica è infatti un’immane sbrodolata piena di sottotrame e personaggi secondari utili come la sceneggiatura nei film di Steven Seagal, inseriti tanto per fare numero e che di conseguenza rendono la pellicola agile e pimpante come un tricheco obeso.

batman-v-superman- holly hunter

Inoltre, uno dei problemi principali di quest’opera è di avere lo stesso manico (regista, direttore del montaggio e uno degli sceneggiatori) del pessimo Man of Steel.

Ergo, i difetti di quella pellicola si ripetono in BvS: DoJ: buchi nella sceneggiatura grossi come crateri lunari, personaggi iconici stravolti senza un motivo logico né una resa interpretativa apprezzabile, immagini pseudo-artistiche in realtà troppo bidimensionalmente vacue e una generale mancanza di ritmo nel film.

Raro elemento apprezzabile è il realistico spunto narrativo iniziale, con il mondo che dopo i fatti narrati nella prima pellicola si scinde tra coloro che vedono nel figlio di Krypton un protettore degli oppressi e chi invece diffida dell’alieno, ritenendolo un potenziale pericolo per la sicurezza dell’intero pianeta.

Peccato che tale imbeccata risulti a posteriori solo un mero pretesto per far scazzottare un po’ i due alfieri della DC, dando per scontato (ovviamente sbagliando) che tale duello masturba-nerd possa essere rappresentato bypassando l’inserimento di un backgound narrativo solido.

O di un background narrativo.

O di un background.

batman-v-superman fight

La regia è la solida Snyderata tetra e fracassona, ulteriormente affossata da una fotografia che rende Metropolis una copia fumè di quella fumettistica e Gotham uno sporco sobborgo più che anonimo, addirittura difficilmente distinguibili l’una dall’altra.

Il montaggio, curato dal grande Stevie Wonder, è caratterizzato da un passaggio da una scena all’altra delicato e sfumato come una sprangata sulla nuca.
A parziale scusante si può però sottolineare che con una trama raffazzonata e il comparto visivo guidato da un inetto che da quando è finito al Galatasaray non è più lo stesso, la pessima qualità del montaggio sia logica conseguenza.

I combattimenti in sé non sono mal resi, ma talvolta la CGI perde colpi rendendo evidente l’artificiosità del tutto e amalgamandosi poco con il resto della scena.

Sì, ne parlai già QUI.

Batman-V-Superman-Doomsday1

Passando dal video all’audio, la colonna sonora non è particolarmente malvagia a parte lo stramaledetto tema di Lex Luthor, con degli archi che mi hanno sbriciolato i timpani oltre che le gonadi.

Lo senti una volta e vabbé, lo senti due volte e ok, ma all’ennesimo ta-daan DAAAAN, ta-daan DAAAAN ho tirato le peggio maledizioni azteche che mannaggia a Stradivari e agli accidenti di mastri liutai.

Avete presente quando ad un interminabile pranzo di nozze le portate in tavola sono così tante che per quanto abbiate fame non riuscite a mangiare tutto?
E quindi osservate i piatti mezzi pieni pensando allo spreco di cibo e a quanto sarebbe stato meglio darci un taglio coi rifornimenti per gustarsi meglio le pietanze?

Ecco, questa è la trama di BvS: DoJ.

Se ci aggiungete il tavolo del ristorante che traballa, il molesto prozio ubriacone seduto accanto e un’invasione di locuste che banchettano gli avanzi.

Batman-V-Superman- false god

La sceneggiatura, entrando più nello specifico, è così confusa che si colpisce da sola, mettendo decisamente TROPPA carne al fuoco e non riuscendo a sfruttare i fin troppo numerosi spunti narrativi.
Per sopperire a questa mancanza si cerca di usare alcuni temi metaforici come stampella/cornice. Tale espediente però non funziona, perché essendo le fondamenta troppo deboli i vari riferimenti alla mitologia e alla religione risultano TROPPO FREQUENTI  e quindi stucchevoli, aggiungendo monotonia all’opera.

Non posso essere specifico per evitare di fare spoiler, ma alcuni passaggi della vicenda non hanno davvero né capo né coda e la resa narrativa è in generale veramente scadente, sia nei punti macroimportanti (lo stesso scontro tra i due tizi mantellati ha come premessa un buco nella trama) sia a maggior ragione nei dettagli.

Senza rivelare troppo, essendo un elemento di scarsa importanza ai fini della trama, posso dire che personalmente il modo in cui hanno mostrato gli altri membri della Justice League mi ha fatto sanguinare gli occhi dal tanto è narrativamente sterile, artificioso e tirato per i capelli.

Batman_v_Superman justice league

Sul cast ci sarebbe veramente tantissimo da dire, soprattutto riguardo alle new entries. Se i volti già visti nell’episodio precedente bene o male erano nella parte e cercavano di tirare su la baracca (escludendo Russell Crowe che si “uploadava nel mainframe della nave”, ovviamente), gli innesti di BvS: DoJ scricchiolano parecchio, risultando talvolta fuori posto.

In un lago di marciume è paradossale che uno degli elementi miglior… ok, no, diciamo “che si salvano” sia lui.

batman v superman affleck

Ben Affleck interpreta un Batman vecchio e stanco. Lo so perché è evidente.

E anche perché questo fattore viene evidenziato un numero spropositato di volte.

I numerosissimi riferimenti al tempo che passa accentuano ancor più le differenze tra lui e Kal-El, rendendolo un personaggio a cui ovviamente lo spettatore possa sentirsi molto più vicino rispetto all’invulnerabile alieno dal ciuffo impomatato.

E vorrei ben vedere.

Bruce Wayne è un uomo che combatte per un ideale di giustizia: pesantemente traumatizzato da bambino, sfrutta il suo conto in banca per uscire di notte a spaccare le ossa ai criminali vestito da pipistrello.

L’altro è un alieno invincibile con le mutande sopra i pantaloni.

Ok.

Viceversa, una delle peggiori scelte di cast è lei.

film-batman-v-superman-wonder-woman gadot

Gal Gadot come Wonder Woman.

E voglio essere chiaro, NON È PERCHÉ “HA IL SENO PICCOLO”, ragione che ha superficialmente spinto molti a criticarla.

La Donna Meraviglia è un personaggio nato come risposta femminile a Superman. Una donna sì bella ed affascinante, ma al contempo forte, valorosa e fiera.

Una supereroina che aiuta i deboli e gli oppressi, non necessitando lo stereotipato aiuto dell’ancor più stereotipato maschio alfa, ma operando in modo indipendente e autonomo.

Sarò pignolo io, ma questo con la Gadot non lo vedo: è innegabilmente una bellissima donna, ma non possiede la grande presenza scenica che un character del genere dovrebbe spontaneamente esprimere.
Inoltre il suo ruolo, pur notevolmente pompato dal marketing, risulta alla fine della fiera meramente ancillare, e avendo BvS: DoJ molti sub-plots (giusto una quarantina) esso sarebbe potuto essere tagliato in fase di post-produzione senza ripercussioni particolarmente negative sulla trama.

Anzi, magari accorciando un po’ la menata.

Un po’ come il Mago di Oz: dietro ad una facciata barocca (costume, tema sonoro rockeggiante, due battute cazzute ed inquadrature dinamiche) si ha una semplice tizia monoespressiva che pesa cinquanta chili vestita.

Ossia una sensazione sbagliatissima che è anche l’ESATTO CONTRARIO di quanto l’aurea del personaggio dovrebbe far scaturire nella mente dello spettatore.

Quando è sola nell’inquadratura sembra appena uscita da un festa di carnevale erotica a tema nerd.

batman superman wonder woman

Di Lex Luthor invece si può parlare in maniera molto più sintetica: questo non è Lex Luthor.

Altro personaggio cannato in pieno, con in pejus l’aggravante di essere stato totalmente stravolto, il mefistofelico magnate è in questa versione un incrocio tra il Joker di Nicholson/Ledger e il Zuckerberg che Eisenberg portò nel The Social Network di Fincher.

Se non avesse avuto il nome in doppia L probabilmente sarebbe stato un semplice antagonista monotono e già stravisto, se però gli si dà il nome di un personaggio fumettistico iconico il confronto risulta ovvio.

Così come ovvia è la Fossa delle Marianne che divide il grande villain da questo strampalato ragazzino pieno di tic.

batman-v-superman-jesse-eisenberg-lex-luthor

In conclusione BvS: DoJ è un film veramente pessimo, con pochi buoni spunti che affogano in un mare di idiozie.
Dopo L’uomo d’acciaio la dimostrazione che la Warner Bros fatica ad imparare dai propri errori.

Sarà a questo punto da vedere come si svilupperà il franchise DC, sperando che possano azzeccare in futuro alcuni colpi.

Anche se, viste le basi, personalmente ne dubito.

Fortemente.

Serenate. Parole e opinioni in libertà – I 10 film che fanno schifo a tutti. Tranne a me.

Ovvero facciamo uscire gli scheletri dall’armadio.

Articolo che mi ronzava nella testa da un po’ di tempo e che in pratica è il gemello di I 5 film che piacciono a tutti. Tranne a me, scritto ormai quasi un anno fa.

Qui ho voluto raddoppiare i titoli per due semplici motivi:

  • nel precedente articolo ne avrei comunque potuti mettere almeno una trentina (mi sarebbe bastato annotare le prime posizioni delle classifiche di incassi negli ultimi 10-20 anni o più).
  • l’autoironia fa bene.

N.B. OVVIAMENTE non credo che i seguenti film siano capolavori assoluti della Settima Arte: sono solo opere che a me piacciono (meri gusti personali), e guardandomi intorno mi rendo conto di essere uno dei pochissimi ad apprezzarle.

N. MOLTO B. Probabilmente la vostra reazione all’articolo sarà questa:

what the fuck am i reading spiderman

Ciò spiega il titolo del suddetto.

Musica, maestro.

ELENCO:

Be Cool (di F. Gary Gray, 2005). Per molti il tanto vituperato seguito di Get Shorty.

be-cool-1

A tante persone questa pellicola non piace perché è considerata un gran casino di personaggi e sottotrame.
L’esatto motivo per cui piace a me.

Tanti attori più o meno di contorno che interpretano characters svalvolati e macchiettistici nel meraviglioso (forse) mondo delle major musicali.
Travolta come pseudo-impresario diverte e si diverte, e il micromondo musicale con le sue regole non scritte è reso in maniera comica e scanzonata.

Un film che credo si prenda molto meno sul serio di chi lo critica negativamente.

Dark Shadows (di Tim Burton, 2012). Per molti il segno (sarebbe meglio dire “uno dei”) che Burton sta inesorabilmente perdendo il suo tocco magico.

Dark Shadows

Io penso che Dark Shadows sia inequivocabilmente una baracconata, però con brio.
La sceneggiatura ha più buchi del groviera, i personaggi sono smussati con l’ascia e alcuni snodi narrativi sono campati per aria, ma l’ambientazione goticona, l’effetto “famiglia Addams” e il legame tra i Collins e la loro comunità sinceramente mi ha divertito.

Sia chiaro, non lo paragonerei mai ai veri capisaldi della cinematografia di Burton, però come divertissement penso ci possa stare.

No, eh…?

The Day After Tomorrow – L’alba del giorno dopo (di Roland Emmerich, 2004). Per molti uno dei tanti film catastrofici.

the-day-after-tomorrow-(2004)-large-picture

Io credo invece che sia l’unica pellicola di questo genere degna di essere vista.

L’aspetto scientifico, per quanto possa essere un po’ tirato per i capelli, è molto più verosimile di tutti gli altri disaster movies, ci sono attori bene in parte (Dennis Quaid e Jake Gyllenhaal soprattutto) e il rapporto padre-figlio è interessante.

Le scene d’azione naturali sono spettacolari (l’inondazione di New York, l’avanzata dei ghiacci) e intrattengono lo spettatore non sfociando eccessivamente nella baggianata senza arte né parte.

From Paris with Love (di Pierre Morel, 2010). Per molti una scadente pellicola d’azione.

frompariswithlove4

Io lo vedo più come un esagerato action movie senza pretese.

John Travolta (Ancora tu? Ma non dovevamo vederci più?) come super-agente calvo e sboccatissimo è una meraviglia da vedere, Jonathan Rhys Meyers recitando sotto le righe gli dà un sacco corda e Kasia Smutniak sembra davvero recitare (dai, quasi).

Scene d’azione adrenaliniche, comicità a pacchi, esplosioni a go-go e un bel complottone a fare da sfondo narrativo.

Una pellicola molto “Cazzo bum bum” (cit.)

Indiavolato (di Harold Ramis, 2000). Per molti un film deboluccio con un attore inguardabile.

indiavolato

D’accordo, Brendan Fraser è una pippa, e recentemente ha unito la sua scarsa bravura a film che neanche una gru da cantiere manovrata da Morgan Freeman riuscirebbe a sollevare.

Però questa commedia, diretta dal recentemente scomparso Harold Ramis, ha molti elementi per divertire, primo tra tutti proprio il trasformismo del protagonista. Tale aspetto lo rende ridicolo, e Fraser ha la faccia giusta per interpretare un disgraziato i cui vari desideri al Diavolo (Elizabeth Hurley) hanno conseguenze sempre negative per lui.

E nella pellicola c’è pure una morale (d’accordo, piuttosto sottilina) sull’apprezzarsi per vivere meglio, senza abbandonarsi a desideri eccessivi.

Io, loro e Lara (di Carlo Verdone, 2010). Per molti: “Verdone che fa il prete? Ma che cazzata è?!”.

io_loro_e_lara

In Io, loro e Lara l’attore e regista romano esplora l’ambiente famigliare inserendo all’interno della sua famiglia cinematografica di tutto: il fratello drogato, la sorella psicanalista con le figlie emo, il prete, il vecchio che va con la badante e la bella ragazza che si spoglia in webcam.

Non ci sono pretese di realismo, ma si viene a creare un melting pot ora comico, ora drammatico in cui con leggerezza e brio si mostrano vari problemi (che difficilmente potrebbero avvenire contemporaneamente, a meno di sfiga atavica), che travolgono il protagonista, nonostante egli sia il primo ad aver bisogno di sostegno.

Nel panorama italiano recente MOLTO meglio di tanti altri film.

Shaolin Soccer (di Stephen Chow, 2001). Per molti un orrore doppiato da calciatori.

shaolin soccer

Sì, la scelta di usare Tommasi, Pancaro, Delvecchio & co. in fase di doppiaggio è stata oscena, ma se si chiude un occhio (e magari le orecchie) Shaolin Soccer è un film tanto assurdo quanto divertente sullo sport più conosciuto del mondo.

Quel mattacchione di Stephen Chow (di suo vi consiglio anche Kung Fusion del 2004) unisce lo sport alla spettacolarità delle arti marziali, dando vita a partite esagerate e sopra le righe, ideali per mettere in pausa il cervello per 90 minuti.

Se Capitan Tsubasa (in italiano Holly e Benji) fosse reale, penso assomiglierebbe molto a questa pellicola.

Sucker Punch (di Zack Snyder, 2011). Per molti “ragazze discinte che menano la gente”.

SUCKER PUNCH

A me la versione femminile e ultrapop di 300 non è dispiaciuta. Certo, Snyder come regista ha limiti tematici e realizzativi notevoli (come testimonia anche il pessimo L’uomo d’acciaio), ma l’idea di base del viaggiare attraverso mondi fantasiosi l’ho abbastanza apprezzata.

Non ho inoltre disprezzato la scelta delle attrici e le varie ambientazioni, che a mio modo di vedere sono ben caratterizzate e con una notevole (e piacevole) dose di ignoranza.

Certo, le pretese davanti a quest’opera devono essere basse, ma sinceramente mi pare eccessivo l’accanimento negativo nei confronti di Sucker Punch a dispetto di altre pellicole, per me ben peggiori.

Tropic Thunder (di Ben Stiller, 2008). Per molti un film senza senso.

tropic thunder

Delle dieci pellicole inserite in questo articolo, Tropic Thunder è quello di cui meno capisco lo scarso apprezzamento.

Ingredienti: Ben Stiller, Jack Black e Robert Downey Jr. NON in versione cazzone insopportabile, tanti bravi attori di contorno, tantissime gag divertenti e una generale satira all’industria cinematografica americana.
Attori, produttori, agenti e registi inseriti in un vortice di comicità da cui emergono le fisime e i caratteri di persone completamente diverse tra loro, accomunate dal far parte del magico mondo della Settima Arte.

Riconosco che forse bisogna conoscere abbastanza bene il cinema per capire la parodia, ma penso che sia uno dei film più divertenti degli ultimi dieci anni e seriamente non mi capacito di come a molte persone non sia piaciuto.

Wild Wild West (di Barry Sonnenfeld, 1999). Per molti “EH?!?!”.

wild wild west

Dei dieci, Wild Wild West è il più “guilty pleasure”.

Sì, lo so: è una generale cazzatona, la trama è sconclusionata, Smith, Kline e Branagh sono sprecatissimi e l’unione tra West e steampunk scricchiola.

Però mi ha sempre divertito molto, e pur rendendomi conto dei suoi giganteschi difetti oggettivi, se voglio staccare il cervello e rilassarmi sul divano, per me è l’ideale.

I gusti sono gusti, giusto?

No, eh…?

Bene, direi che la pulizia alla mia soffitta della vergogna è finita.

E voi che dite?

Anche a voi piace un film (o più di uno) tra quelli menzionati qui sopra?

C’è un film (o più di uno) che apprezzate nonostante a molt(issim)i non piaccia?

Abbandonate ogni vergogna e, se vi va, scrivetelo pure nei commenti!

Credo che l’effetto sarà molto “alcolisti anonimi”, ma il ghiaccio l’ho già rotto io (ciao, mi chiamo Mattia e mi piace Wild Wild West)…

300 – L’alba di un impero

300 l'abla di un impero“Questa è blasfemia! Questa è pazzia!”
“QUESTO! È! CI-NEMA!!!”

TRAMA: Il film racconta gli eventi avvenuti durante la battaglia marittima di Capo Artemisio tra i Greci (comandati dall’ateniese Temistocle) e i Persiani di re Serse I, svoltasi quasi contemporaneamente alla battaglia delle Termopili.
Ispirato in parte alla graphic novel Xerxes di Frank Miller.

RECENSIONE: Sequel (ma sarebbe più corretto midquel) di una delle pellicole più virili e allo stesso tempo omosessuali della storia del cinema (300 di Zack Snyder, uscito nel 2007), questo film segue un’opera i cui meriti principali sono l’aver aumentato di un buon 20-30% le iscrizioni nelle palestre e aver creato una manica di esaltati, che per caricarsi prima di qualsiasi incombenza (partita di calcetto, gara di shottini, fila alle Poste) sbraitano discorsi motivazional-guerreschi con la stessa energia di Mussolini dal balcone di Piazza Venezia.

Al posto di Snyder, che ha declinato il progetto per dirigere L’uomo d’acciaio (complimenti, bella scelta) e che qui è in veste di sceneggiatore e produttore, abbiamo in cabina di regia Noam Murro, regista con molta esperienza pubblicitaria ma con alle spalle un unico lungometraggio (Smart People, 2008).

Purtroppo si vede.

300 – L’alba di un impero è infatti un film piuttosto scialbo, che si limita a sfruttare l’onda lunga del suo predecessore senza fare aggiunte degne di note alla struttura cinematografica dell’opera stessa.
Il risultato è una copia carbone mediocre di una pellicola di sette anni fa che hanno visto praticamente tutti.
Beh dai, buono.

300 temistocle

No, Temmy, non mi guardare così…

Ma andiamo con ordine: recensire questo film senza fare un paragone con la pellicola precedente è praticamente impossibile, e dato che 300 è un’opera arcinota i cui elementi costitutivi sono ben delineati, tale confronto è molto utile per valutare appunto il sequel.

Nel primo film la regia puntava molto sull’azione, esaltandola grazie ad un uso massiccio della slow motion (che abbracciava circa un terzo del film e senza la quale 300 sarebbe durato più o meno tre quarti d’ora); la fotografia era caratterizzata da colori saturi e filtri molto decisi, e la colonna era basata su musica metal.
Qui è lo stesso. Murro si limita al compitino (ma proprio -ino -ino) ed è ulteriormente penalizzato da una sceneggiatura (come già detto, di Snyder stesso) che ricalca in maniera pedissequa gli avvenimenti del primo film, cambiandone eventualmente solo alcuni piccoli dettagli.
Il risultato è che se 300 vi è piaciuto moltissimo non sarà forse un problema per voi rivedere le stesse scene quasi identiche una seconda volta, ma i più potrebbero stufarsi ed avere una fastidiosa sensazione di déjà vu perenne.

Anche il background narrativo è bene o male lo stesso: nell’opera precedente c’erano 300 uomini che combattevano contro lo sterminato esercito del re/dio/drag-queen, costituendo quindi un archetipo “pochi contro tanti” somigliante ad un realistico e iperviolento “Asterix e Obelix”; qui anche se abbiamo due eserciti veri e propri il numero dei Persiani è comunque nettamente superiore a quello degli ellenici, quindi…
Sì, insomma, sempre la solita solfa.

Una differenza tra le due pellicole è che in 300 i gusti sessuali… ehm… “difficilmente inquadrabili” degli antichi greci erano celati (anche grazie ad alcune brevi scene di nudo femminile), ma nonostante ciò alcuni segmenti sfioravano il ridicolo (in)volontario; qui invece l’eterosessualità è più marcata, grazie anche alla presenza di un personaggio femminile sexy e provocante con uno spazio narrativo maggiore.

"Inginocchiati davanti ai miei piedi." Eh-ehm...

“Inginocchiati davanti ai miei piedi.” Ok, vi lascio soli…

Dal punto di vista strettamente tecnico si notano i costumi di Alexandra Byrne (Oscar nel 2008 per Elizabeth: The Golden Age) e il fatto che gli sfondi siano talmente realistici da sembrare dipinti su un muro: integrazione con le figure umane quasi zero.

L’australiano Sullivan Stapleton (doppiato in italiano da Simone Mori e apparso in Gangster Squad) sostituisce Gerard Butler (voce di Roberto Pedicini e visto negli ultimi anni in Giustizia privata Comic Movie) come attore protagonista.
Il suo Temistocle è un guerriero diverso da Leonida: più stratega e scacchista e meno ossessionato dalla morte e dall’uccidere, si comporta come un vero generale più che come un comandante.
Eva Green come assetata di sangue Artemisia interpreta un personaggio femminile forte anche se troppo stereotipato, e la sua prorompente sessualità (traduzione per il volgo: è tanta, ma tanta roba) non riesce a salvarla dall’effetto macchietta.
Il brasiliano Rodrigo Santoro torna negli imponenti e sessualmente ambigui panni (anche pochi, a dir la verità) del sovrano divinizzato Serse, una specie di Shaquille O’Neal gay con il vocione da oltretomba di Alessandro Rossi.
David Wenham e Lena Headey riprendono i personaggi di Delios e Gorgo.

300 artemisia

Se vi è piaciuto potrebbero piacervi anche: 300 (2007) e in generale tutti i film di guerra antica con protagonisti dei culturisti improbabili.
O anche Almodóvar e Özpetek…

L’uomo d’acciaio

È un uccello? È un aereo? No, è una recensione!

TRAMA: Scampato alla distruzione di Krypton, suo pianeta natale, un bambino cresce sulla Terra adottato da una coppia di agricoltori.
Scoperti i suoi straordinari poteri e divenuto adulto, dovrà affrontare un vecchio nemico di suo padre.

RECENSIONE: Riassumendo:
– Basato su Superman, personaggio della DC Comics (mamma anche di Batman, Flash, Wonder Woman e altri tizi improbabili con le tutine attillate) nato dalla penna di Jerry Siegel e Joe Shuster nel 1932.
– Diretto da Zack Snyder (suoi il tanto divertente quanto ignorante 300, il prolisso Watchmen e il “figa e legnate” Sucker Punch).
– Sceneggiatura dello stesso Snyder con David S. Goyer, scrittore di tutti i Blade e di Batman Begins.
– Produce Christopher “Ho-resuscitato-Batman-dopo-quell’aborto-di-Batman & Robinerigetemi-una-statua” Nolan, autore anche del soggetto insieme al già citato Goyer.

Bene, usando un lessico ricercato e pregno di contenuti tecnici, questo film è una delle più colossali boiate che occhio umano possa incrociare. Una pellicola realizzata veramente male sotto molti aspetti, alcuni dei quali addirittura elementari, che affoga le pochissime cose buone in un mare di ridicolo involontario e scempiaggini tecniche.

Partiamo dalla regia. Snyder evidentemente ha perso il suo tocco dopo il trasferimento al Galatasaray, perché ciò che si salvava (almeno esteticamente) nelle sue opere prima citate qui non si trova, con scelte di ripresa senza un senso compiuto e con sequenze da far impallidire un viso pallido.
La parte iniziale ambientata su Krypton è in particolare uno dei segmenti narrativi più campati per aria che potessero mostrare, e come se non bastasse è impreziosita da riprese che paiono realizzate con una fastidiosa ed inutile telecamera a mano. Probabilmente stava per arrivare sul set un tirannosauro, perché l’effetto traballante si nota molto, e ciò è dannoso per il film, facendolo scadere nel ridicolo già dopo i primi minuti.

Dato che chi ben comincia è a metà dell’opera Hack-a-Zack continua a deliziare il pubblico con flashback sparati contro lo spettatore completamente (e sottolineo COMPLETAMENTE) a caso, anch’essi senza un senso logico e tra l’altro non cronologici.
La regola numero 1 del cinema stabilisce che tu possa mostrare tutto ciò che vuoi, a patto però che ciò che mostri abbia un minimo di senso compiuto. E ne L’uomo d’acciaio sono dolori.
Non si salvano neppure le scene di combattimento, che di solito forniscono il salvagente-paperella anche al peggior film immaginabile, perché qui sono di una lunghezza esagerata e sfiancante, essenzialmente costituite da scazzottate più o meno elaborate e con, dulcis in fundo, una ripetitività che sfiora il replay.

In questo lago di letame il peggio del peggio è lo stupro anale che viene perpetrato da questi criminali della settima arte nei confronti di uno degli avvenimenti più importanti per la formazione del giovane Superman.
Per non fare spoiler non posso dire di cosa si tratti nello specifico e in che modo viene consumato il delitto artistico, ma penso che anche impegnandosi non avrebbero potuto renderla così tanto insensata e ridicola.

La scena sembra un incrocio tra Il mago di OzThe Day After Tomorrow.

Pensate di aver capito quanto questa cosa faccia schifo? Non ci siete neanche vicini.

In un obbrobrio del genere, sugli attori non c’è da dire molto.
Henry Cavill è un Superman diverso da quello interpretato da Christopher Reeve (1978, 1980, 1983, 1987), più tormentato e riflessivo. Esteticamente è bene nella parte, ma questa ciofeca se la gioca con il raccapricciante Superman Returns del 2006, per cui il rischio che si BrandonRouthizzi è alto.
La coppia dei padri Russell Crowe – Kevin Costner è penalizzata tantissimo dalla scarsa qualità del film, che non riescono a sollevare ma anzi sono vettori di ulteriore affossamento.
Michael Shannon non è il Terence Stamp di Superman II (ma proprio no, qui sembra un incrocio tra Roberto D’Agostino e Pippo Pancaro) e alla fine della fiera il suo Zod risulta piuttosto anonimo. Probabilmente per dare un giudizio più affidabile avremmo dovuto vederli in un film almeno sufficiente.

Paragrafo Lois Lane: opinione personale, ma a me come personaggio non è mai piaciuto.
L’ho sempre vista come una che teoricamente dovrebbe essere forte, determinata e indipendente ma che in pratica è l’enorme stereotipo della donzella da salvare, perennemente in pericolo senza l’intervento risolutivo dell’alieno con la S sul torace.
Ad interpretarla c’è Amy Adams, statunitense cresciuta a baccalà e polenta, gran brava attrice e gran bella donna che paga però il fatto di non azzeccarci nulla con il personaggio.
La penalizza inoltre la scelta del film di mostrare in maniera esagerata quanto Lois sia cazzuta: tra le altre cose dialoghi sopra le righe con un colonnello, scotch buttati giù a goccia e intraprendenza che sfiora l’autodistruzione contribuiscono a fare di lei non la protagonista femminile, ma una irritante e inverosimile macchietta.

In tre parole? Un film inguardabile.

CURIOSITÀ:

Per Amy Adams questo non è il primo incontro con Superman: nel 2001 infatti comparve nel settimo episodio della prima stagione di Smallville, serie tv che racconta l’adolescenza di Clark Kent.

E in confronto a questo film pure Dawson’s Creek con i superpoteri ha il suo perché.

Tag Cloud