L'amichevole cinefilo di quartiere

Articoli con tag ‘Small Hands’

Her & Him


Tu sei cattivo con me

Perché ti svegli alle tre
Per guardare quei film
Un po’ porno.

TRAMA: Utilizzando il cellulare della propria compagna, un uomo scopre che la ragazza ha cercato su internet “come uccidere il proprio fidanzato e farla franca”.

RECENSIONE:

Con la chiusura delle sale a causa del coronavirus, avevo due alternative per soddisfare il mio pantagruelico desiderio di cinema:

– Recuperare un grande classico già visto e scriverci un articolo, arricchendo in questo modo il parco titoli trattati dal mio blog con una delle tante opere maiuscole della Settima Arte.

– Approfittare bassamente del servizio Premium reso gratuito da Pornhub per l’utenza italiana e togliermi uno sfizio che nutrivo da parecchio tempo: recensire un porno.

Ok, Viale del tramonto ce l’abbiamo da settant’anni, vuoi non averlo per altri settanta?

Cortometraggio della durata di trenta minuti prodotto da Pornhub e diretto da Bella Thorne, ex stellina scuola Disney Channel e passata al Lato Oscuro del parental control, Her & Him è una breve discesa nel delirio paranoide di una relazione erotica.

Tipo David Lynch, però coi fazzoletti in mano.

In un’abbondanza di immagini castranti e pseudo-femministe dell’ultima ora (come il ginocchio di lei spesso premuto contro l’inguine di lui, un continuo ribaltamento del ruolo di potere nell’atto sessuale, la donna che brandisce un coltello ad evidente simbolo fallico contro un maschio debole e incapace di soddisfarla), pur considerando il genere di appartenenza l’assenza di una vera e propria trama si fa purtroppo negativamente sentire, non permettendo alla pellicola di offrire uno spettacolo artisticamente soddisfacente.

Ebbene sì: se nella realizzazione di un’opera pornografica si mira semplicemente alla masturbazione del pubblico, Infermiere ninfomani nella clinica dei superdotati potrebbe essere un’idea vincente, ma se l’obiettivo è il “porno chic”, la trama ce la devi mettere.

Oltre alla carenza di elemento narrativo, è inoltre sicuramente deficitaria nel corto la mano registica visibilmente (e comprensibilmente) inesperta della Thorne, la quale non riesce a separarsi da un immotivato feticismo per i primissimi piani che rende se possibile ancora più claustrofobica un’ambientazione interna basata su un monolocale stanza + bagno.

La costruzione scenografica, per quanto ovviamente legata al tema di inquietudine e incertezza che permea l’opera è mal organizzata, poiché non va tanto ad enfatizzare il disagio del protagonista nei confronti della compagna ma solo ad esasperare il fastidio ottico dello spettatore, il cui sguardo sembra letteralmente sbattere nei bordi delle inquadrature.

Non basta una ripetuta scelta di split screen e di artifici visivi che vadano a rimarcare quasi ossessivamente il celeberrimo rapporto eros/thanatos per soprassedere a come i due elementi della coppia siano vacue entità senza forma e costrutto, incapaci di rappresentare efficacemente elementi così importanti nella narrativa. 

L’elemento prettamente pornografico non risulta nemmeno così estremizzato, proponendo un atto sessuale dalle dinamiche piuttosto standard per il genere (che suppongo non sia necessario spiegare), di cui se non altro è positivo il non fossilizzarsi sui genitali dei protagonisti mantenendo invece una scelta visiva che sfocia sì oltre l’erotico ma meno di quanto si sarebbe potuta calcare la mano.

Nonostante queste mancanze, l’esperimento di un porno “autoriale” o comunque rivestito da tecnicismi artistici che non lo rendano mero oggetto ad uso e consumo della masturbazione avrebbe anche potuto funzionare, a patto però che, oltre a solida regia e trama coerente, qui assenti, a darvi incarnazione fossero stati due attori “veri” (o per meglio dire… ehm… più “interpretativi” che fisici) invece delle pornostar qui presenti.

Nella coppia sicuramente meglio Abella Danger, grazie soprattutto ad un ruolo più interessante e sfaccettato rispetto a quello del partner.

La pornostar originaria della Florida non è ovviamente in grado di proporre al pubblico tutta la vasta gamma di sfaccettature psicologiche che dovrebbero far parte del sottobosco introspettivo del suo personaggio (e non gliene faccio nemmeno una colpa: il suo lavoro di fronte alla telecamera è succhiare cazzi, non declamare da Ofelia), ma se non altro possiede una varietà espressiva e recitativa non comune nelle sue colleghe.

Trovare un’immagine dove fosse vestita è stato più complesso del previsto.

Il suo compare Small Hands (all’anagrafe Aaron Thompson, complimenti per il nome d’arte) rimane invece piuttosto imballato in un ruolo da occhioni spauriti alla Frodo Baggins, alle prese con un anello triangolare di pelo che intorbidisce i suoi pensieri e lo rende a livello di un pupazzo nelle mani di una pericolosa marionettista.

Promemoria per me: aggiungere al curriculum “Ho inserito due riferimenti a Il signore degli anelli nella recensione di un porno”.

Per quanto l’elemento maschile sia volutamente posto in un piano di sottomissione e timore per l’imprevedibilità aggressiva della compagna (fattore che come già detto va ad incanalarsi sui binari del ribaltamento di quelli che sono ruoli classici), il ragazzone è troppo sotto ritmo quando una parte del suo corpo non sia all’interno della compagna.


Her & Him è un prodotto che, pur meritandosi magari una visione giusto per capire di che tipo di cortometraggio si tratti, non presenta purtroppo né una fisicità erotica che lo renda un porno apprezzabile, né un valore artistico tale da caratterizzarlo come prodotto qualitativamente pregevole.

Progetto sicuramente ambizioso e dotato di qualche buona idea di partenza, che però non servono a molto se rimangono nella testa degli autori.

Preferisco le infermiere.

Cloud dei tag