L'amichevole cinefilo di quartiere

Articoli con tag ‘Pratt’

Jurassic World – Il regno distrutto

I film sullo schermo sono più brutti di quanto appaiano.

TRAMA: Quando il vulcano inattivo dell’isola si risveglia minacciando epiche distruzioni, Owen e Claire si organizzano per salvare i dinosauri rimasti da questa nuova estinzione.

TRAMA, QUELLA VERA:

Il film si apre con dei tizi che se ne vanno in giro per il parco della pellicola precedente, abbandonato dopo il relativo disastro; partenza sorprendente, se consideriamo che non solo l’ottimo primo, ma pure lo scadente secondo ed il blasfemo terzo film della serie iniziano con dei personaggi secondari alle prese con i dinosauri.

Due di questi guitti, dentro una sonda sottomarina, esplorano beati la laguna del Mosasauro (quella specie di portaerei subacquea che in Jurassic World facevano giocare con le esche come Free Willy a San Diego) per ritrovare un osso sommerso del Comecazzosichiamavasauro antagonista della pellicola precedente; una delle prime frasi pronunciate dai nostri prodi è “Tutto ciò che viveva qui è ormai morto”, quindi sappiamo già che il loro tempo vegeti sullo schermo è compreso nell’ordine dei secondi.

Recuperano l’osso poco prima che, come facilmente prevedibile, Nessie curvy li divori come un Babybel e lo mandano ad altri loro parimenti expendables compagni di merende che lo aspettano su di un elicottero.

Un altro idiota rimasto a terra, senza nessuna protezione armata perché “ehi, vuoi mica che mi insegua un rettile carnivoro alto quattro metri?” viene inseguito da un rettile carnivoro alto quattro metri, accompagnato da movimenti di camera tipo Crash Bandicoot che scappa dall’orso polare gigante.

Classico schema “ti faccio credere che il tipo muore, poi ti faccio pensare che si salva, poi lo faccio uccidere così velocemente da non farti abituare al naturale sollievo empatico” (tramite la partecipazione del già menzionato logo Lacoste di venti metri che zompa fuori dall’acqua come Flipper il simpatico delfino), ma nonostante queste facezie l’osso è in mano agli uomini.

Cambio scena: siccome sull’Isla Nublar sta per eruttare un vulcano, ci si chiede se i dinosauri dovrebbero essere salvati oppure no.

Cameo per Jeff Goldblum nei panni di Ian Malcolm (doppiato in italiano dalla terza voce in altrettante pellicole: dopo Roberto Chevalier di “Quanto mi secca avere sempre ragione” e Sandro Acerbo di “Mammina è molto arrabbiata” qui c’è Massimo Corvo): persona dotata di raziocinio, egli afferma che tali animali dovrebbero essere lasciati al loro triste destino, essendo stato un grosso errore clonarli e permettendo in questo modo alla natura di riparare agli errori umani.

Ovviamente tutti sono d’accordo, i dinosauri muoiono e scorrono i titoli di coda.

TA-na-na-na-naaaaaa TA-na-na-na-naaaaaa…

Ma proprio no: l’ex direttrice del parco Claire interpretata dalla figlia di Ron Howard, che dopo il casino di tre anni prima qualcuno mi illumini su come mai non sia in galera, è a capo di un piccolo gruppo di ambiental… scienziat… attivist… boh, la Greenpeace del discount che lotta per la salvezza delle creature preistoriche.

Ora, capisco la spinta ambientalista, ma qui non si tratta di una specie cancellata dalla deforestazione, o dalla costruzione di una diga: i dinosauri hanno avuto il loro ciclo, e la natura li ha selezionati per l’estinzione.

Sapete chi ha detto queste cose? Ian Malcolm, l’unica voce della ragione in mezzo alla manica di mentecatti che sono i protagonisti di questo franchise.

Claire, che quando indicava a dei superficiali idioti la nobile via dell’andare a fare in culo mi stava più simpatica, viene contattata da un ex socio di John Hammond, un anziano miliardario impersonato da James CromJames Cromwell è in questa puttanata?!

Per l’amor di Dio, Cromwell, lei ha quasi ottant’anni, ritorni a far curare sua moglie da un gigante nero, ad allevare maiali parlanti, o da sua figlia Gwen Stacy!

Ce l’ha davanti!

Attraverso un jumpscare ci viene presentata anche la nipote di Cromwell, figlia della sua unigenita morta e facente parte della quota-bambini, poiché questa serie campa grazie ai soldi degli spettatori con un’età biologica o mentale inferiore ai quindici anni.

Il lacchè di Cromwell e tutore della bambina è invece interpretato da un altro reduce di Black Mirror, Rafe Spall, attore mosso dalla corretta convinzione che una volta partecipato a Prometheus peggio di così non può andare; Spall ha bisogno dell’aiuto della cieca di The Village per salvare i dinosauri prima che il vulcano costringa il Barcellona ad andare a Milano in autobus, e le chiede di coinvolgere nell’operazione l’uomo a causa del quale Thanos ha trasformato metà popolazione della galassia nel logo di Windows.

Signor Gates, non mi sento molto bene…

Trovato Star-Lord che sta costruendo una casa di legno (???), egli prima collega i neuroni rifiutandosi di aiutare la donna e concordando sulla linea-Malcolm, poi però, menzionata la sua velociraptor addestrata Blue e rivedendo i filmati di quando era piccola, Pratt si ricorda che da contratto anche in questo film gli enormi rettili carnivori verranno trattati come patatosi labrador e decide di aiutare la fredda bestia smembra-uomini.

E il velociraptor.

Arrivati sull’isola insieme a due compari della Howard, tra cui la fusione genetica delle fastidiose macchiette del nero, del giovane impaurito e del nerd, Fred e Daphne fanno la conoscenza di un imbarazzante stereotipo di cacciatore bianco che colleziona i denti delle sue prede: sappiamo già che morirà in modo idiota, dovremo solo stare a vedere quanto idiota.

E qui finalmente compaiono i dinosauri.

“Dalla mia mascella squadrata, i Ray-Ban e il mio portamento fiero potete evincere che sono un improbabile coglione”

Ok, la T-Rex zompava fuori già all’inizio, ma un po’ perché la scena era in notturna, un po’ per la telecamera ballerina, preferivo dare il beneficio del dubbio e non prestare attenzione all’enorme sospetto scaturitosi nel mio cervello.

In questa scena invece osserviamo un brachiosauro. Di giorno. Con inquadratura fissa.

Perciò si può dare un giudizio sulla resa grafica dei dinosauri.

E WOW, QUANTO CAZZO LI HANNO FATTI MALE!

I dinosauri sono NEBBIA con i contorni, degli ologrammi che si muovono in un ambiente la cui illuminazione e fotografia sono totalmente SBALLATE rispetto alla loro.
I pochi casi in cui vengono usati gli animatronics spiccano nettamente in positivo, e si ha quindi un comparto tecnico di caratura troppo ondivaga per catturare efficacemente lo spettatore più attento.

Che un film del 2018 con un budget di 170 milioni di dollari abbia effetti speciali di questa qualità è imbarazzante, ed ancor più vergognoso se consideriamo che questo era un grosso problema già del capitolo precedente.

Disonore sulla vostra mucca.

Dopo essersi divisi e aver rintracciato Blue, con un colpo di scena sorprendente per ogni spettatore affetto da deficit cognitivi veniamo a sapere che in realtà la missione era solo un bieco trappolone per catturare i dinosauri, architettato da White Christmas in combutta con il Dottor Wu, personaggio che ritorna dal film precedente per il quale ricordiamo gli venne assegnato il riconoscimento come “Villain cinematografico più a caso degli ultimi vent’anni”.

Dopo essere stato narcotizzato, Chris Pratt scappa dalla lava che ha iniziato a colare dal vulcano grazie a dei movimenti tipo QWOP (e qui non ho capito se il film voleva mettermi in tensione a causa del pericolo oppure farmi ridere per le movenze comiche del protagonista, nel dubbio ho optato per una vulcaniana assenza di emozioni); Claire e IT Crowd sfuggono ad un pessimo CGIsauro e si riuniscono all’aperto, dove viene loro salvato il culo dalla solita tirannosaura, che ormai ha aiutato così tante volte gli umani da farmela ritenere la vera eroina della serie.

“Sono più vecchia di Gesù!!!”

Tra una fuga dalla lava evitando di essere calpestati da Piedino e i suoi amici e capacità respiratorie sott’acqua che imbarazzerebbero Maiorca, i tre peones salgono sulla nave dei cattivi appena prima che il vulcano ricopra di lapilli l’isola, assistendo alla tragica scena della morte di un brachiosauro e all’ancor più tragico uso che questa vaccata fa della iconica posa su due zampe dell’erbivoro per ricordare il primo famoso incontro con un dinosauro in Jurassic Park.

Seriamente, dovreste vergognarvi.

Ma qual è il piano di Spall? Semplice: usare i dinosauri come armi, continuando la lunga tradizione di animali adoperati dall’uomo per scopi bellici dopo gli elefanti di Annibale e i topi infetti dei russi contro i nazisti.

MA SERIAMENTE???

Se c’è un’industria umana che non conosce crisi e che sostiene un incremento tecnico esponenziale è proprio quella bellica e l’ideona geniale sarebbe USARCI I DINOSAURI???

Gesù Cristo, sono degli animali, per quanto siano aggressivi o resistenti non sono dei carri armati!

Solo io mi ricordo che in Jurassic World uno dei raptor veniva fatto esplodere con un bazooka?!

E poi che palle ‘sta menata dei corporate men cattivi: si vedono nel 90% dei film, non avrebbero potuto inventarsene un’altra?

Che so:

Un gruppo di animalisti oltranzisti: siccome i biechi ed avidi scienziati hanno riportato in vita animali destinati dalla natura all’estinzione decine di milioni di anni fa, gli ambientalisti decidono di liberarli selvaggi nell’ambiente urbano, per mettere di fronte l’uomo ai suoi errori.

Una setta fondamentalista religiosa: attraverso i loro fossili, i dinosauri sono la prova più lampante delle teorie evoluzionistiche, inoltre i progressi umani si sono spinti talmente avanti da sostituire Dio, creando la vita; essi perciò decidono di sfruttare i dinosauri per l’uccisione di civili innocenti, in modo da poter avere una scusa per gettare discredito sulla scienza e sul progresso tecnologico.

Queste sono le prime due idee idiote di possibili antagonisti che mi sono venute in mente di botto in DUE MINUTI, e che sarebbero state più interessanti di questo cravattaro già visto in altre cento pellicole.

Non che ci voglia molto…

Compare Toby Jones nei panni di un bieco e avido yuppie (non scrivo più battute su bravi attori che hanno partecipato a roba migliore altrimenti facciamo notte) che farà da banditore d’asta per i dinosauri catturati sull’isola, e salta fuori che con l’aiuto di Wu vogliono creare l’arma definitiva: un incrocio tra l’albinosauro del parco precedente e la velociraptor Blue, per chiamarlo Indoraptor e vincere il premio per nome più inutilmente cazzuto della paleontologia.

Maisie, la nipotina di Cromwell, li scopre di nascosto e avverte il nonno, che però subisce Spall che fa il cosplay del nativo americano di Qualcuno volò sul nido del cuculo e che lo aiuta così a non sputtanarsi troppo la carriera.

Mentre parte l’asta, Owen e Claire sono scoperti e rinchiusi in una cella, da cui successivamente escono grazie all’ologramma di uno Stygimoloch che il film tenta di far passare come una creatura in carne ed ossa (nda: questo è di gran lunga il dinosauro con la computer grafica peggiore) e che svolge la mia stessa attività dopo aver visto Il regno distrutto. 

Prende i muri a testate.

Comunque più realistico di quello del film.

Dopo essersi congiunti con Maisie, ella mostra loro di nascosto l’hangar in cui si svolge l’asta, e per fare un po’ di casino Owen decide di farci fiondare dentro il pachycephalosauride; la creatura con la stessa concretezza visiva della graffetta di Office inizia a craniare persone a caso proprio quando gli adulti di Gossip Girl si stavano contendendo l’Indoraptor nonostante sia solo un pericoloso prototipo, fregandosene dell’opposizione di Hugo Strange unico scienziato tra i cattivi, ma tanto qui sono tutti idioti.

L’Adolfhitlersauro scappa dalla gabbia perché il capo cacciatore di Spall ha la brillante idea di entrarci dentro pensando erroneamente di aver narcotizzato la bestia in modo da strapparle un dente, giocandosela in finale del torneo “Morte più da coglione dovuta ad un disturbo compulsivo” con il Jason Lee de L’acchiappasogni e i suoi Cristo di stuzzicadenti.

Dopo aver sbranato Clayton nel modo più “Film per tutti” possibile, il Bruciabambinisauro uccide anche Jones e qualche altro miliardario perché evidentemente, già che c’erano, nel suo codice genetico ci hanno ficcato dentro anche Il capitale di Marx.

Il plusvalore proviene dal pluslavoro dell’operaio.

I nostri eroi rincontrano il villain, e qui si scopre il motivo che spinse Hammond e Cromwell a separare le strade: Maisie in realtà non è la nipotina del vecchio, ma il clone di sua figlia morta.

Mio Dio, finalmente un passaggio di trama interessante!
Questa rivelazione pone importantissimi interrogativi etici: quanto lontano deve spingersi la scienza? È immorale la clonazione umana? Il clone è un individuo a se stante o solo una mera riproduzione di codice genetico già esistente? Il clone è solo un bene o una vera e propria personjumpscare improvviso tronca la scena e nella successiva non se ne parla più.

Ok.

I due sidekick dei buoni liberano Blue, mentre Owen, Claire e baby Agente Smith scappano dal Violentasuoresauro, che ovviamente dopo essere state incensate le sue capacità sensoriali ed intellettive non riesce a vedere, sentire o fiutare prede umane che sono ad un metro e mezzo da lui.

Dopo il classico inseguimento alla Benny Hill Show con vetrate distrutte, testate ai muri e finestre che vengono aperte dal predatore usando la maniglia nonostante avrebbe potuto tranquillamente sfondarle (eh, ma poi il richiamo ai raptor del primo Jurassic Park dove lo mettiamo?), la situazione sembra tragica nella camera da letto di Mi sdoppio in quattro, ma Blue arriva ad aiutare i nostri prodi, e il Vecchioinautostradacontromanosauro finisce come Christopher Lee nell’extended cut de Il ritorno del re.

Problema finale: del gas tossico ha intasato il piano sotterraneo dove sono rinchiusi gli altri dinosauri catturati, che quindi restando lì morirebbero asfissiati.

Inizialmente Claire è tentata di liberarli, ma prima che possa premere il pulsante Owen giustamente la persuade a non farlo, poiché non essendo più su un’isola, verrebbero liberate nel bel mezzo della civiltà creature pericolosissime ed estranee alla nostra epoca.

Abbiamo quindi finalmente una scelta intelligente, posta in essere da persone razionali ed assennate, che non si fanno trascinare da facili sentimentalismla bambina pigia il bottone e libera tutti i dinosauri all’esterno della villa, procurando danni incalcolabili all’ecosistema e mettendo in pericolo la vita di Dio sa quanti umani.

Spall viene ucciso da un jumpscare, e Owen, Claire e la pecora Dolly se ne vanno in auto verso l’ignoto.

Mentre il dottor Malcolm novello Giovanni Battista predica nel deserto che si trova nella scatola cranica dei protagonisti, scorrono immagini dei dinosauri che scorrazzano liberi nel mondo: il mosasauro che sta per divorare dei poveri surfisti, la T-Rex che penetra in un giardino zoologico uccidendo chissà quante altre bestie e la nostra cara e simpatica macchina di morte Blue che zampotta felice per il deserto.

E vi ricordo che tutto ciò è successo…

[Inspira profondamente]

PERCHÉ BOBA FETT HA PREMUTO QUEL CAZZO DI PULSANTE GIUSTIFICANDOSI CON L’EMPATIA DA CLONI CHE LEI PROVA NEI CONFRONTI DI GALLINE CARNIVORE PREISTORICHE DI SEI TONNELLATE.


Questo era Jurassic World – Il regno distrutto.

Un film che è come il precedente: stupido ed inutile.

Spezzando una lancia in suo favore, è un action movie che dosa abbastanza bene i picchi di tensione, ed anche la regia accompagna efficacemente le sequenze in tal senso, dimostrandosi talvolta meno operaia di quanto i prevedibili facili guadagni al botteghino avrebbero potuto far supporre.

Ma la trama è veramente troppo stupida, i personaggi troppo abbozzati e idioti, e gli effetti speciali, fondamentali in questo tipo di prodotto di intrattenimento, hanno come punto debole proprio ‘sti cazzo di dinosauri, resi veramente male per la maggior parte degli esemplari.

Alcune buone idee (scherzi a parte, molto interessante quella del clone umano) affogano in una marea di cretinate, e si ha spesso il sentore che Il regno distrutto sia un incrocio tra l’ennesimo esempio di operazione nostalgia che sta intasando gli anni Dieci del Duemila e un nemmeno troppo velato richiamo al dimenticabilissimo Il mondo perduto del 1997.

Adoro il film del 1993, e mi piange il cuore che, per motivi diversi, nessuno degli ormai quattro seguiti ne sia minimamente all’altezza.

Come sempre, così preoccupati di poterlo fare che non hanno pensato se…

Annunci

Avengers: Infinity War

La guerra più totale!

TRAMA: Gli Avengers sono perennemente impegnati a difendere la Terra dai pericoli in arrivo da altri pianeti, ma un nuovo temibile nemico si profila all’orizzonte: si tratta di Thanos e dei suoi figli. Egli è intenzionato a conquistare l’universo, impossessandosi delle sei Pietre dell’Infinito.

RECENSIONE:

Dopo dieci anni e diciotto film (il primo fu Iron Man, diretto da Jon Favreau) si arriva finalmente all’apice dell’Universo Cinematografico Marvel.

Con un’opera che non è solo un film.

Ma qualcosa di ben più grande, e dalla natura assai differente.

Uno spettacolo che milioni di spettatori in tutto il mondo attendevano in assoluta e quasi religiosa trepidazione.

Una miserabile gara a chi ha il pene più lungo.

Ebbene sì, finalmente ci sono riusciti: Infinity War è un florilegio di personaggi e sottotrame intrecciate alla boia di un Giuda, in cui ogni eroe finora apparso (o meglio, quasi ogni eroe, un paio sono stati lasciati fuori inquadratura e sbolognati frettolosamente perché sì) possa dire la sua attraverso un’eroica azione di battaglia o tramite i raffinatissimi e mai spacconi scontri dialettici caratteristici di quello che è ormai il corrispettivo cinematografico del reggaeton.

Il risultato è una sbadilata a perdita d’occhio (guarda, mamma, come Thor) di tizi in costumini colorati ed attillati più che improbabili, che essendo tutti speciali in modi diversi, tirando le somme finiscono per non esserlo, risultando veramente troppi e in diversi casi mal sfruttati.

La quantità, che avrebbe dovuto essere punto di forza del film (anche perché se cercate la qualità dovrete accontentarvi degli effetti speciali), assume però purtroppo la traiettoria del tipico strumento di caccia australiano.

Come un cuoco che voglia unire piatti originariamente appartenenti a tradizioni culinarie molto diverse esagerando con i sapori, si costringono ad interagire tra loro personaggi che, oltre all’ovvia appartenenza alle fila dei buoni, hanno però ben pochi elementi di contatto che ne possano far sviluppare i legami.

Se la sezione di Thor con i Guardiani della Galassia, pur deboluccia e abbastanza raffazzonata, riceve in parte un assist dalla deriva cosmica del dio asgardiano avente come acme l’ultimo Ragnarok (così come anche Capitan America nel Wakanda si riallaccia agli eventi di Civil War), il segmento che mostra più il fianco alle critiche è quello che trova ad unire Tony Stark con il Dottor Strange.

Ah, già, nel film c’è anche Spider-Man.

Essi infatti sono tra i personaggi che meno hanno punti di contatto, pur possedendo un carattere di partenza assai simile, e l’evoluzione del loro rapporto assume connotazione tanto prevedibile quanto forzata, andando a concludere un mini-arco narrativo in modo banale, ovvio e troppo didascalico.

In alcuni frangenti paiono due lontani parenti che, rivistisi per caso ad un matrimonio, cercano di alimentare una conversazione che però entrambi sanno andrà inevitabilmente a vertere sul tempo atmosferico.

E quando la tua sottotrama risulta peggiore di quella che unisce un dio norreno ad una nutria parlante, è d’uopo farsi qualche domanda.

Per quanto riguarda i personaggi più nello specifico, escludendo coloro che subiscono il “trattamento Dorne” (= ho a disposizione dei personaggi di cui non so che farmene, quindi li uccido in modo stupido e sbrigativo in modo da chiudere la loro parentesi), a risultare i peggiori sono sicuramente i Guardiani della Galassia: sia perché inserito in differente contesto il loro essere sopra le righe stona terribilmente, sia perché, senza fare troppi spoiler sulla trama, sono tra i fautori di almeno due eventi fortemente negativi che essi avrebbero potuto evitare con un diverso comportamento.

Menzione d’onore anche per l’apparizione cringy come poche di Peter Dinklage nei panni di un nano (mi astengo dal commentare), per di più doppiato da un Pino Insegno mai così fuori parte.

Sorprende invece positivamente, vista la tendenza di estrema bidimensionalità del genere, l’enorme spazio dedicato al villain, che qui finalmente compare in scene che non siano esclusivamente di lotta, ma attraverso le quali lo spettatore possa comprendere le sue motivazioni.

Idiote e sopra le righe come al solito, ovviamente (è Ultron 2.0), ma almeno in questo film hanno provato a dare una connotazione psicologica al titanico antagonista viola dell’universo Marvel.

No, l’altro titanico antagonista viola…

Parliamo dei ruoli femminili?

Ok, facile: se le guerriere hanno tre battute in croce, ma almeno hanno avuto il buon gusto di non metterle discinte (e nemmeno gli uomini, se è per questo), gli interessi amorosi degli eroi non li hanno manco cagati per sbaglio a parte la sempiterna Pepper Potts di Gwyneth Paltrow, che comunque dopo i primi quindici minuti chi la vede più.

Se Natalie Portman se l’era squagliata già da anni e del personaggio di Betty Ross non viene più fatta menzione (tornerà mai qualcuno ad interpretarla?), totalmente ignorate Rachel McAdams, Emily VanCamp e Lupita Nyong’o, forse per dare spazio alle ben due love stories presenti nel film.

Tra cui sorprendentemente non c’è la loro.

Love stories purtroppo entrambe abbastanza scorreggione, che aggiungono alla trama una serie di impedimenti utili solo ad allungare un brodo di due ore e mezza, dalla conclusione scontata quanto il panettone il sei luglio e che consistono nel medesimo “se succede la cosa X devi uccidermi anche se mi ami tanto, perché l’alternativa è peggiore”.

Dolorosamente mal scritta in particolare quella tra Visione e Wanda Maximoff, in parte a causa dell’alchimia inesistente tra Bettany e la Olsen non drogata, in parte per via di un risvolto conclusivo di trama che la rende ridicolmente e palesemente inutile.

A proposito di inutilità, senza rivelare troppo bisogna dire che il finale di Infinity War ha veramente un enorme problema, poiché si pone come un punto di rottura e di svolta quando in realtà non lo sarà, rendendo perciò i già enumerati centocinquanta minuti platealmente senza scopo.

Sì, insomma, il finale del film prendetelo con le pinze.

Di più non posso dire.

Questo era Avengers: Infinity War: ça va sans dire che a livello globale incasserà quanto il PIL combinato di diversi Stati e diventerà l’ennesimo celebrato “capolavoro” (brrr…) della cultura pop-nerd, attraendo torme di giovani e meno giovani.

Ma è sempre la solita zuppa.

Che come tutte le altre macchine da soldi, andrà avanti finché ne incasserà.

Guardiani della Galassia Vol. 2

«A Riccà, ma mo’ ancora qua stàmo? Ma nun era ‘n’idea demmerda?»

«A Francé, ma che stai a dì?? Cor primo se sémo fatti più de 770 mijoni, mica du’ piotte. T’o ho detto che la ggente è ‘sti film che va a vede, mica li pipponi intellettuali. ‘Nnamo su, che mo’ cor secondo fàmo er botto.»

TRAMA: La squadra di eroici disadattati spaziali guidata da Peter Quill viaggia attraverso la galassia, nel tentativo di scoprire le vere origini di Peter.

RECENSIONE: Due anni dopo il primo capitolo sul gruppo di supereroi Marvel che nessuno aveva mai sentito/apprezzato/cagato di striscio prima dell’uscita del suddetto film ma che improvvisamente tutti adorano perché la mente umana segue vie insondabili, tornano al cinema i Guardiani della Galassia.

Cosa possiamo dire…?

Niente.

No, dai, non facciamo i faceti: con la conferma del cast tecnico ed artistico precedente, Guardiani della Galassia Vol.2 si poggia abbastanza pedissequamente sulle basi del primo episodio tentando di ampliarne l’universo narrativo, aggiungendo quindi nuovi personaggi, nemici, alleati e puntando a maggiore peso introspettivo.

E qual è il risultato?

Sorprendentemente decente.

Nonostante la prima pellicola, e qui mi scuso per il linguaggio probabilmente troppo tecnico per i non cinefili, mi abbia fatto venire la diarrea a coriandoli, ho trovato questo seguito superiore; migliora infatti sia in termini narrativi (qui una parvenza di trama, pur abbozzata, c’è, là le cose succedevano a caso) che per quanto concerne lo sviluppo dei personaggi, i quali essendo già noti allo spettatore non necessitano di lunghe sequenze di presentazione smembra-gonadi.

Una delle ragioni principali del miglioramento qualitativo di questo sequel sta inoltre in uno dei suoi elementi di maggiore spicco, ossia la comicità: se nel Vol. 1 era caratterizzata da una stupidità infantile e francamente fastidiosa alle sinapsi, qui si vira maggiormente verso il più oggettivo nonsense (quasi alla Rat-Man, mi verrebbe da dire) che può quindi incorrere nel favore di più gusti.

Sì, insomma, per apprezzarlo non siete obbligati ad avere 13 anni come età fisica o mentale.

Si nota inoltre da un punto di vista tecnico maggiore cura negli effetti speciali e, soprattutto, nella fotografia, che a differenza del Vol. 1 talvolta dimostratasi poco approfondita, qui sfrutta maggiormente tonalità vivaci di paesaggi ed epidermidi.
Nonostante talvolta i corpi fisici degli attori non si incastrino granché bene con la CGI a causa di fondali un po’ fintacchioni, il lato visivo risulta complessivamente più che dignitoso ed adatto alla bonaria baracconata di grana grossa che è questa pellicola.

Quindi ricapitolando abbiamo: colori sgargianti, sconclusionati personaggi fuori di testa ed esplosioni.

Cosa manca all’elenco di elementi semplici, immediati e gigioni per attirare il pubblico?

Semplice.

Questo aborto qua.

Il genere supereroistico è rivolto ad un pubblico prevalentemente (coff coff quasi esclusivamente coff coff) maschile, e per attirare il gentil sesso l’unica arma dei produttori sono i pettorali/addominali/dorsali ed altri muscoli che finiscono con “ali” di attori che si sono spaccati il culo in palestra per mesi?

Bene, da ora non più: abbiamo l’inserimento del “personaggio carino e cuccioloso”.

Se non fosse che qui è un terrificante bambino/albero con la faccia di Voldemort senza narici, due occhi che ricordano il pozzo di Samara in The Ring e le stesse appendici della baby mano di Deadpool.

Ehm…

Io sono Groot………..?

Nonostante non sia come detto un film disprezzabile, non è nemmeno esente da difetti.

Una pellicola può essere divertente e scanzonata quanto volete, ma due ore e un quarto sono eccessive, sia considerando il plot non propriamente complesso (in fin dei conti molti personaggi sono solo diversivi per la trama) sia perché la comicità richiederebbe tempi più fulminei ed immediati.

Per quanto dimostrino maggiore maturità (minore obiettivamente era difficile) e per quanto possano offrire un diversivo dall’eccessiva somaraggine del contesto, i rapporti morali conflittuali tra i vari personaggi se analizzati con un minimo di attenzione si dimostrano piuttosto classici e didascalici; il risultato è rimanere quindi a metà via tra una profondità che avrebbe portato il film ad un livello qualitativo superiore ed un Psicologia 1.01 un po’ scorreggione e di grana grossa.

E ad una drammaticità generale così basilare che al confronto Babe, maialino coraggioso pare Salvate il soldato Ryan.

Ah, e non essendone fan a prescindere immaginate la mia gioia nello scoprire che qui le scene dopo i titoli di coda sono ben cinque.

Il cast artistico è come già accennato lo stesso del primo film con qualche aggiunta, alcune azzeccate ed altre meno.

Se da un lato ho infatti trovato carinissimo il personaggio di Mantis, buffa aliena empatica interpretata dalla canadese Pom Klementieff che funge sovente da espediente comico, penso sia stata parecchio sprecata la brava Elizabeth Debicki nel vestire i dorati panni della leader degli alieni Klimt provenienti dal pianeta Springfield.

Ah, questa è la seconda recensione nelle ultime tre in cui mi chiedo “Che cazzo ci fa Kurt Russell in ‘sta roba?”.

No sul serio, Snake, torni a fare roba impegnata, Cristo!

Guardiani della Galassia Vol.2 è nel suo genere un buon film, ideale per passare una serata leggera leggera facendosi quattro risate.

Come l’ultimo film recensito, Kong: Skull Island non siamo di fronte a qualcosa di memorabile, ma già essere migliore di parecchie opere del proprio stesso genere è un elemento che personalmente apprezzo.

E che quindi mi basta.

P. S. La colonna sonora è una chicca dietro l’altra.

Jurassic World

Jurassic-World-Poster-MososauroSpirito di Ian Malcolm, salvaci tu.

TRAMA: Ventidue anni dopo gli eventi di Jurassic Park, Isla Nublar dispone di un parco a tema sui dinosauri completamente rifatto.
Per ravvivare maggiormente l’interesse del pubblico, i responsabili decidono di creare un dinosauro usando tecniche di ingegneria genetica; il nuovo rettile viene chiamato Indominus Rex

PREMESSA: Se non avete apprezzato il primo capitolo di questo franchise ed in particolare avete odiato il personaggio interpretato da Jeff Goldblum, probabilmente ciò che state per leggere non vi piacerà. Detto questo, passiamo alla

RECENSIONE: Avete un cane, che per comodità chiameremo Bobby.

Voi passate con Bobby dei momenti molto belli della vostra giovinezza, ma un brutto giorno il cane muore.

Ovviamente ciò vi rende tristi, ma in cuor vostro sapete che dovete superare questa cosa, e mantenere nel vostro animo i ricordi del tempo trascorso insieme.

Dopo anni il vostro vicino di casa pazzo prende una vanga, riesuma la bestia dal punto in cui l’avete seppellita ed inizia a dimenarvi sotto il naso il suo cadavere in putrefazione urlando: “Guarda, Bobby è vivo! Bobby è vivo!”

Jurassic World, signore e signori! Una pellicola che è un insulto alla mia infanzia.

jurassic-world logo

Ma andiamo con ordine.

Jurassic Park, uscito nel 1993, è stato in assoluto uno dei migliori blockbuster della storia del cinema, sia per la qualità del film in sé (ossia l’aspetto prettamente artistico) sia per gli enormi miglioramenti dati alla CGI attraverso un suo ottimo sfruttamento (cioè l’aspetto puramente tecnico-materiale).

Fu un grande successo di pubblico e critica non solo perché mostrava allo spettatore dei rettili giganti, quindi, ma perché li inseriva in un contesto di sceneggiatura, personaggi e ambientazione molto buono, che lo ha portato perciò ad essere un film molto apprezzato, iconico e arcinoto.

Basta guardare questa celeberrima sequenza per capirlo:

Qui invece cosa abbiamo?

jurassic world plesiosauro

Un mosasauro che si mangia uno squalo.

Attaccato ad una fune.

Come al Sea World di San Diego.

Non ho parole.

Voi… Voi avete visto quello che altri hanno fatto e di lì siete partiti, non è una pellicola nuova, quindi non vi assumente nessuna responsabilità… per quello. Siete saliti sulle spalle di altri per ottenere un risultato il più rapidamente possibile e una volta ottenuto questo risultato voi… voi lo avete brevettato, impacchettato, ficcato in una scatoletta di plastica e ora lo vendete, volete venderlo.

Questo non è un film, è una macchina per fare soldi. Nel nome del “qui non si bada a spese” avete costruito una brutta copia dell’opera originale sperando che il pubblico non se ne accorga.

Dio ci scampi! Siamo nelle mani del pubblico…

jurassic-world-crowd-600x298

Jurassic World basa la sua esistenza unicamente su di un disperato ed infantile tentativo di spremere una volta ancora la gallina dalle uova d’oro, nonché ovviamente sull’attirare il pubblico con i dinosauri, esseri ontologicamente di grande attrattiva.

Sì, insomma, non esistono dinosauri sfigati.

bulbasaur

Quello non conta.

Sintetizzando il concetto, Dio crea i dinosauri, Dio distrugge i dinosauri, Dio crea l’uomo, l’uomo distrugge Dio, l’uomo crea il film cult sui dinosauri seguito da tre episodi meno che mediocri.

Questa pellicola è plastica come il parco di divertimenti in cui le sue vicende si svolgono, non avendo la benché minima anima e puntando esclusivamente sull’effetto nostalgia.
Come ho già scritto QUI, a me piace molto quando in un film noto riferimenti ad altre opere. Il problema è che se in una pellicola scadente vengono inserite citazioni ad un film nettamente migliore, io spettatore mi sento preso in giro.

Questa è la teoria del ca…volo metti rimandi a Jurassic Park se ‘sta roba non gli lustra manco le scarpe.

Jurassic-World-Gyrosphere-Ride-Ty-Simpkins-Nick-Robinson

La sceneggiatura la potete trovare nel vocabolario Treccani alla voce “raffazzonato”, dato che dimostra in più frangenti di essere stata poveramente scritta e costituita quasi esclusivamente sul passare da una scena d’attacco dei dinosauri all’altra.

Per cui vai con gli evergreen: scene senza senso, scene stupide, scene senza fondamento e campate per aria, scene inutili e via così. Sommandole tutte si ha quasi l’impressione che Jurassic World sia un costoso B movie che vuole prendersi troppo sul serio fallendo miseramente.

La mancanza di umiltà di fronte alla cinematografia che si dimostra qui… mi sconvolge. Chi ha realizzato questo film non vede la scarsa qualità che è insita in quello che fa? La potenza narrativa è la forza più dirompente che esista e qui se ne servono come un… un bambino che gioca con la carta di credito del padre.

Chi ha scritto questo film, King Kong? Jurassic Park aveva già un inizio con i controcazzi.

Come protagonista abbiamo Chris Pratt, già leading character di una delle pellicole più stupide dell’anno scorso e che qui veste i panni di un Indiana Jones/Robert Muldoon wannabe.

Personaggio stereotipato in una maniera talmente evidente da risultare ridicola, incarna il classico ragazzone tosto ed eroico (sembra più creato in laboratorio lui dei rettili) che salva la giornata ed è sempre convinto di cosa fare e quando farlo.

Sentite, è previsto che si vedano degli esseri umani credibili in un parco gestito da esseri umani? Pronto? Oh?… eh?

jurassic-world-still-with-chris-pratt-and-bryce-dallas-howard

Se tanto mi dà tanto, solitamente tipi del genere sono al centro di sequenze narrative idiote, che vengono inserite allo scopo di far capire la “badassaggine” del personaggio fregandose di scadere nell’assurdo o nell’involontariamente ridicolo.

Scene presenti sovente e che…

jurassic-world-2

Quanto mi secca avere sempre ragione…

Accanto a Jurassic Dundee c’è Bryce Dallas Howard, figlia del celebre regista Ron e che ricordiamo essere stata chiamata così perché concepita nella città texana.

Un po’ come se dopo un’intensa notte di passione nel parcheggio di un autogrill chiamaste i vostri gemelli Roncobilaccio e Firenzesigna.

Devo dire che il suo ruolo mi lascia abbastanza perplesso: perché hanno inserito un personaggio inutile interpretato da una giovane donna rossa e molto sexy?

bryce-dallas-howard-jurassic-world

Ah, già: perché è una giovane donna rossa e molto sexy.

Va beh, su Sansa, qua, poco da dire: character assai poco memorabile e ancor meno credibile, oltre ad essere un esagerato stereotipo (in questo film? Strano!) della donna workaholic non serve a granché.

Ho già utilizzato in questo blog sia la gag delle tette che quella sulla bella donna come unico punto di forza in una pellicola squallida, preferirei non ripetermi.

In generale, non una clever girl.

Cosa c’è di peggio?

No, no, no non ditemel…

JURASSIC-WORLD-8

Ah. Già.

ENNESIMA scopiazzatura dal capitolo primigeno, se là i ragazzini erano in fondo pure simpatici e servivano ad accrescere l’istinto protettivo del pubblico ed aumentare la tensione complessiva dell’opera (mi riferisco nello specifico alla scena della jeep e del T-Rex + quella dei Raptor in cucina), qui i due marmocchi sono personaggi inconcludenti e francamente irritanti, che a parte far rimpiangere l’hacker e l’accanito lettore dei libri del dottor Grant servono a poco o nulla.

Chiudo qui perché questa recensione mi ha veramente drenato.

Dottor Malcolm, un giudizio complessivo sul film per riassumere in poche parole quanto detto?

La ringrazio.

Così preoccupati di poterlo fare che non hanno pensato se lo dovevano fare.

Guardiani della Galassia

guardiani-della-galassia«A Riccà, nei firm de prima avèmo messo l’omo de féro, er reduce de guéra, er dio vichingo e er bestione verde che se ‘ncazza; mo’ che ce ‘nventàmo?»

«A Francè, ma che te frega? Mettice ‘n procione che spara e n’arbero parlante, tanto ‘a ggente sicuro che lo va a vede…»

TRAMA: Dopo aver rubato una misteriosa sfera al terribile Ronan, il pilota terrestre Peter Quill si allea con una banda di reietti sopra le righe per salvare la galassia dal temibile nemico.

RECENSIONE: Ci sono film che sanno mascherare bene i propri difetti.

Ne hanno (e tu che li stai guardando lo sai bene) ma la loro ricerca è difficoltosa, dato il loro celare rughe e crepe sotto innumerevoli strati di spesso fondotinta o sgargiante carta da parati.

Facendo un paragone venatorio, individuare le pecche di certe opere è come andare a caccia di quaglie nel sottobosco, con una fitta nebbia e armato di una cerbottana difettosa.

Avete capito cosa intendo?

Bene, qui è esattamente il contrario.

Trovare difetti in Guardiani della Galassia è facile come abbattere un capodoglio spiaggiato in una giornata agostana di sole a picco e armati di bazooka.

guardians-galaxy-movie-preview

E il problema non è il partire prevenuti, ma che a parte rari casi (dirò fino all’afonia che X-Men: Giorni di un futuro passato, pur coi suoi tanti difetti, è un film supereroistico come Cristo comanda) le pellicole sui personaggi della Marvel Comics sono la solita menata a base di effetti speciali roboanti, ironia infantile e sceneggiatura desaparecida.

Detto in termini metaforici cari a Fedro, è il lupo che intorbidisce l’acqua perché sta a monte, non l’agnello che la beve a valle.

E mi dispiace dover ripetere sempre le stesse cose, sembrando un disco rotto, un segnale orario inceppato o “un predicatore del cavolo che mi parla dell’inferno e del paradiso” (cit.), ma la situazione è questa: incassano tantissimo perché come capacità di attirare i ragazzi sono la versione maschile dei saldi da Sephora, ma ad un occhio critico non possono che risultare meno di mediocri.

Potete teoricamente andare a rileggervi il mio commento su The Avengers, che a suo tempo mi fece ricevere una camionata di insulti irripetibili (e che fu inoltre una delle prime cose che scrissi, perché io la captatio benevolentiae non so neanche dove stia di casa) e cambiarne i nomi.

Cosa abbiamo qui di diverso?

Guardians-of-the-Galaxy-Trailer-2-Features-Groot-Rocket-Raccoon

A PARTE due tizi usciti da una fantasia allucinogena dei Led Zeppelin?

Poco o niente.

La regia dell’ex Troma-boy James Gunn non si discosta dai binari dettati dall’astronave madre Marvel: facciamo vedere esplosioni, botte, inseguimenti, facciamo vedere esplosioni, botte, inseguimenti eccetera eccetera.
Lo sviluppo sempre più accurato della computer grafica ne permette un uso molto più massiccio rispetto ad altre opere anche solo di pochi anni fa, per cui essa diventa spesso una stampella per il director che abbia poche idee e un grosso budget a disposizione.
Le scene di combattimento nello spazio sono un’overdose di luci e colori, tanto di impatto esteticamente quanto rendano difficile l’individuazione di mezzi, ostacoli ed elementi materiali vari.

In pratica spesso non si capisce un tubo di chi stia sparando a cosa.

Guardians-of-the-Galaxy-Trailer-Milano-Explosion-2

Il motion capture, inoltre, consente anche di avventurarsi in primi piani che tempo fa sarebbero sembrati piuttosto azzardati, e che ora invece inquadrano volti molto più realistici e particolareggiati.
Utile se uno dei passatempi preferiti dello spettatore sia contare le vibrisse dei propri animali domestici, altrimenti tale scelta risulta sovente un po’ troppo fine a se stessa.

Sulla sceneggiatura preferirei non dire nulla perché è maleducazione parlare degli assenti.

No, dai, diciamo che è la solita accozzaglia di stereotipi: gli inseguimenti, il tradimento, il cattivo che si rivela buono, i reietti dal cuore d’oro e dalle abilità particolari che tutti insieme combattono un’enorme minaccia ecc…
Le relazioni tra i vari personaggi sono (e ti pareva) raffazzonate e poco sviluppate, tanto da apparire casuali, e ovviamente il tutto è condito dalla solita Cristo di ironia Marvel: esagerazione nei toni, infantilità nei contenuti, personaggi carismatici in maniera troppo marcata, elementi troppo macchiettistici e chi più ne ha più ne metta.

Qui nello specifico il loop anagrafico di Groot e l’incapacità di Drax nel capire il linguaggio figurato sono veramente troppo… troppo…

Troppo.

Guardians-of-The-Galaxy-Peter-Quill-Chris-Pratt-Robotic-Leg

Cast?

Coralità alla Quella sporca dozzina, soliti attori in rampa di lancio (Bradley Cooper come procione doppiato da Christian Iansante ruba la scena), soliti volti notissimi in ruoli secondari (qui Glenn Close, John C. Reilly, Djimon Hounson e Benicio del Toro, già visto in Thor: The Dark World) che Dio sa quanto li abbiano pagati.

movies-guardians-of-the-galaxy-the-collector

Il solito.

Non vi piace la Marvel? Evitatelo come i monatti.

Vi piace la Marvel? Mi dispiace per voi.

Su, scherzo: se apprezzate il genere andatelo a vedere.

Se vi è piaciuto potrebbero piacervi anche: Chi indovina vince un orsacchiotto.

Tag Cloud