L'amichevole cinefilo di quartiere

Articoli con tag ‘mutanti’

Wolverine – L’immortale

TheWolverineNo Christopher Lambert, tu non c’entri.

TRAMA: Wolverine vola in Giappone, chiamato da un vecchio industriale in punto di morte a cui aveva salvato la vita decenni prima. Egli proporrà al mutante, stanco di essere immortale, di trasferirgli il suo potere di rigenerazione…

RECENSIONE: Seguito di X-Men le origini – Wolverine (ma temporalmente la storia si svolge dopo i fatti di X-Men – Conflitto finale), film che era costituito per l’ottanta per cento da combattimenti, talmente presenti nella pellicola da essere perfino noiosi. Qui al contrario non assistiamo ad una Ferrari che parte subito ai trecento all’ora a caso, ma a un’utilitaria che passa la prima metà del film in terza per poi (lentamente) accelerare nell’ultima parte.

La causa di tutto ciò risiede fondamentalmente nell’introspezione psicologica del selvaggio mutante canadese, che essendo troppo frammentaria e prolissa contribuisce a spezzare molto il ritmo della pellicola, che in questo modo ha delle brusche frenate. I fan che si aspettano combattimenti senza sosta (come avviene appunto nel primo film) vengono quindi in parte delusi. Le scene d’azione sono relativamente poche, e sebbene almeno una sia visivamente molto efficace, per il resto si avverte una mancanza di proteine alla pellicola.

La regia è di James Mangold, regista e sceneggiatore del buon Quando l’amore brucia l’anima sulla vita di Johnny Cash, che con questo genere di film tutto effetti speciali e scazzottate non c’entra un’ostia. Così come non c’entrava nulla Gavin Hood, regista del capitolo precedente. Noto con piacere una certa continuità. La sceneggiatura di Christopher McQuarrie (lontani oramai i tempi de I soliti sospetti) e Mark Bomback è più striminzita dei pantaloncini di Daisy Duke in Hazzard, e considerato il ritmo altalenante non è un bene, perché non sposta l’attenzione dello spettatore su un altro aspetto del film, lasciandolo spesso in una lunga attesa per il combattimento successivo.

In questo seguito viene eliminato uno dei difetti principali della prima pellicola basata sui mutanti, ossia, rullo di tamburi, proprio i mutanti. In X-Men le origini – Wolverine erano o poco conosciuti (Kestrel, Bolt, Agente Zero, Silverfox) o completamente stravolti (Deadpool, o quello che nella testa degli autori dovrebbe esserlo, beata ignoranza) oppure resi male dal punto di vista della caratterizzazione (Sabretooth è bidimensionale, Gambit è scialbo, lo stesso Wolverine urla a caso come un ultrà per la maggior parte del film). Qui il problema non si pone, dato che nonostante alla Marvel ne abbiano decine e decine, a parte il nostro ghiottone e la sconosciuta (e dagli!) Viper non ne compare uno in un ruolo significativo neanche per sbaglio. Come risolvere il problema del taglio di capelli estivo mozzandosi la testa.

Hugh Jackman tanto per cambiare spacca i culi e la voce di Fabrizio Pucci è virilità fatta suono, ma questo non è sufficiente a far decollare il film. Avere sotto gli occhi un personaggio nettamente più carismatico rispetto a tutti quelli che gli stanno attorno (tipo Fonzie in Happy Days) rende ancora più evidente la povertà di idee che caratterizza la pellicola stessa. I comprimari asiatici sono poco significativi e memorabili, sembrando alla lunga tutti uguali e costituendo stereotipi visti in molti altri film.

Se vi è piaciuto, potrebbero piacervi anche: molto banalmente tutte le pellicole sugli X-Men, al momento sei compresa questa, ma anche i film action con il classico eroe muscolare solo contro tutti.

Per entrare nel clima del film una piccola chicca:

Annunci

X-Men le origini – Wolverine

Sono il migliore nei film che faccio. Ma i film che faccio non sono belli.

TRAMA: Spin-off sulle origini del mutante Wolverine, futuro membro degli X-Men.

RECENSIONE: Basato sul personaggio dei fumetti Marvel creato nel 1974 da Len Wein e Herb Trimpe.

Uscito nel 2009 con protagonista ancora Wolverine che interpreta Hugh Jackman che interpreta Wolverine, questo film è un’opera scontata e senza sostanza, che poteva avere alcuni spunti interessanti purtroppo affossati dall’eccessiva dose di azione, troppo presente a scapito di tutto il resto. Quello che funziona nei fumetti, ossia un protagonista rabbioso come un automobilista in coda e inarrestabile, perennemente impegnato in combattimenti furibondi, non funziona sullo schermo: il risultato è infatti una pellicola troppo ripetitiva, senza personalità e mancante di un’ossatura non solo non adamantina, ma neanche passabile.

La regia è di Gavin Hood, diventato relativamente famoso agli addetti ai lavori (non al grande e ignorante pubblico, ovviamente) per Il suo nome è Tsotsi, vincitore dell’Oscar come miglior film straniero nel 2006. Probabilmente il blockbuster fumettoso non è il suo pane, visto che già dai primi minuti decide di schiacciare il pedale sull’acceleratore e chi si è visto si è visto, senza “abituare” lo spettatore a ciò a cui sta assistendo. Le riprese sono molto (troppo) frenetiche, talvolta con scelte di angolazione non ben comprensibili, e la fotografia di Donald McAlpine non lo aiuta, risultando a volte troppo scura e a volte troppo satura in maniera repentina e quasi fastidiosa, facendo venire il sospetto che si sia guastato il contrasto della tv. Nonostante la regia non sia un granché, la vera kryptonite di questo film (pardon, sbagliato supereroe) è la sceneggiatura, o quello che qui viene erroneamente considerata tale. Opera di Skip Woods e del futuro sceneggiatore de Il Trono di Spade David Manioff, essa è praticamente inesistente e avrebbero potuto riassumerla in un corto da 10 minuti invece che in un lungometraggio da 100. Per chi ha esperienza nel settore, ricorda molto la modalità “Storia” dei videogiochi picchiaduro: il protagonista fa un combattimento, poi c’è un filmato o un breve intermezzo che lo porta ad avere un altro combattimento e via così ripetendo questi passaggi fino alla fine.

Non avendo uno script, anche le performance degli attori ne risentono. Jackman essendo fisicamente pompato e molto affine al personaggio porta a casa la proverbiale pagnotta, facendo quasi dimenticare allo spettatore di essere un attore che interpreta un ruolo (da qui la mia battuta alla prima riga), mentre sugli altri non c’è moltissimo da dire. Sabretooth è Liev Schreiber, che forse dovrebbe ritornare dietro la macchina da presa, cosa che ha fatto con successo con Ogni cosa è illuminata nel 2005 e che guadagna punti grazie al buon doppiaggio di Pino Insegno. Danny Huston, figlio di John e fratello di Anjelica, è un William Stryker piuttosto scialbo e peggiore rispetto all’interpretazione dello stesso personaggio resa da Brian Cox in X-Men 2. In piccoli ruoli di altri mutanti compaiono l’ex Merry de Il Signore degli Anelli (o l’ex Charlie di Lost, se preferite) Dominic Monaghan, il cantante Will. i. am e Ryan Reynolds, che dà volto a un Deadpool che non c’entra nulla o quasi con la sua versione a fumetti.

È veramente un peccato che un personaggio comunque molto carismatico abbia avuto un così debole film da protagonista. Nonostante questo buco nell’acqua nel 2013 ne uscirà un altro, Wolverine – L’immortale, ambientato in Giappone, che si spera possa strappare almeno la sufficienza.

Tag Cloud