L'amichevole cinefilo di quartiere

Articoli con tag ‘mostro’

Pacific Rim

pacific-rim-la-locandina-italiana-275593Tipo Transformers però ancora più “cazzo bum bum”.

TRAMA: Il mondo è sotto l’attacco di giganteschi mostri, noti come Kaiju. Per fronteggiarli vengono ideati enormi robot antropomorfi chiamati Jaegers, controllati simultaneamente da piloti le cui menti sono collegate a una rete neurale.

RECENSIONE: Film diretto e scritto da Guillermo del Toro, papà dei due Hellboy (a molti sono piaciuti un sacco, io ho trovato il primo buono) e de Il labirinto del fauno (a molti non è piaciuto, a me sì) che qui dà sfogo senza mezzi termini alle sue manie infantili più sfrenate.

Robot vs mostri? Quale bambino non ha fantasticato almeno una volta su qualcosa del genere? Enormi bestie primordiali che si scontrano con il ricavato più moderno della tecnologia umana, in un’epica guerra che sancirà il vincitore tra bestialità e ragione. Eroismo a pacchi, scienza farlocca quanto basta e via a menarsi.

Il problema è che tanto questa cosa è una figata con gli occhi e la mente di un bambino, tanto diventa idiota una volta passati i 18 anni, età raggiunta la quale si può votare, guidare un’automobile e giudicare i film con un po’ di criterio.

Se la regia può anche risultare funzionale e ben fatta, dovendo filmare moltissime scene ciclopiche che possono risultare piacevoli, gli stereotipi, con personaggi spessi come un foglio di carta ed eccessivamente caricaturizzati, contribuiscono a far virare il film verso il blockbuster senza pretese sgretolando l’idea di partenza.

Gli attori non sono estremamente conosciuti. Il protagonista è Charlie Hunnam, che interpreta lo stereotipo del soldato americano dei film degli anni duemila, ossia trentenne, bianco e gradasso. Più li vedo nei film è più ho nostalgia di quando gli eroi action erano montagne austriache inarrestabili o italoamericani con la paresi e la voce di Ferruccio Amendola. Quelli sì che spaccavano culi! Poi ci sono Idris Elba, che aggiunge un’altra perla alla sua collana formata da Thor (con cui si è rimbambito Kenneth Branagh), Prometheus (con cui si è rimbambito Ridley Scott) e Ghost Rider (su cui non ho neanche la forza di fare battute). Accanto a Elba l’asiatica Rinko Kikuchi, con un personaggio irritante a dir poco. Comparsate di russi glaciali e australiani cazzuti.

In poche parole manca solo un francese raffinato e i luoghi comuni razziali e razzisti ce li siamo giocati tutti.

Fotografia di Guillermo Navarro, di buona fattura ma troppo poco per sollevare un film con problemi del genere.

Della sceneggiatura, scritta dallo stesso del Toro e da Travis Beacham, ho preferito non discorrere in maniera troppo diffusa perché non è buona educazione parlare degli assenti.

Se vi è piaciuto potrebbero piacervi anche: Transformers, Power Rangers, varie ed eventuali.

Cloverfield

Let me take you down / ‘Cause I’m going to / Cloverfield

TRAMA: Durante una festa a New York viene registrato un filmato amatoriale. Il nastro diventerà la testimonianza dell’attacco alla città da parte di una gigantesca creatura.

RECENSIONE: Film del 2008 diretto da Matt Reeves e prodotto da J.J. Abrams, Cloverfield  si colloca nel genere POV. Acronimo di “Point Of View”, questo termine indica i film in cui lo spettatore vede le immagini dal punto di vista dei personaggi stessi, mentre utilizzano videocamere o strumenti affini (ma chissà perché immagino che molti lo sappiano già). Prima di questa pellicola e rientranti nello stesso genere possiamo ricordare ad esempio The Blair Witch Project (1999) o REC (2007), e successivamente Chronicle del 2012, sebbene abbia uno stile un po’ diverso dal punto di vista registico.

La regia di Matt Reeves è buona e riesce a tenere un ritmo agile che crea un’atmosfera di notevole ansia e impotenza. Il trucco che tutto sia girato dai ragazzi stessi è reso in maniera piuttosto convincente; la sceneggiatura di Drew Goddard (ex sceneggiatore di serie tv come Alias e Lost, e che ha diretto e sceneggiato il buon Quella casa nel bosco) lo aiuta, dando giustificazioni al fatto che nel bel mezzo di una situazione complicatissima ci sia gente che si porta dietro una videocamera, tipo Herzog mentre girava Fitzcarraldo, ma con meno navi. La fotografia è sempre molto scura e cupa, talvolta quasi seppiata, e contribuisce anch’essa al senso di smarrimento e di costante pericolo aggiungendo la atavica paura per il buio.

Come ogni film con componenti horror, il cast è formato da attori poco conosciuti al grande pubblico. Difficile che lo spettatore si immedesimi in una star hollywoodiana che guadagna miliardi, vive a Beverly Hills e si porta a letto una modella di Victoria’s Secret, meglio puntare su facce giovani e sconosciute in cui tutti possano identificarsi. Il gruppo di protagonisti, seppur stereotipato come nei più tradizionali canoni di questo tipo di pellicole, funziona bene e per mandare avanti la baracca questo è quanto basta. Per cui largo al “Belloccio, all'”Imbranato”, alla “Gnocca 1”, alla “Gnocca 2” ecc… Sono giovani, si faranno.

Tirando le somme Cloverfield è un film ben realizzato, che può magari essere ostico per i non amanti del genere ma che in caso contrario cattura lo spettatore. Grazie anche a una durata contenuta (85 minuti) il film riesce a sopperire ad un inizio un po’ lento e a prendere un buon ritmo. IMHO e senza fare spoiler non mi è piaciuto un aspetto relativo alla parte finale del film, ma niente di così imperdonabile.

La cosa

la cosaNo, non mi riferisco al bestione di pietra.

TRAMA: Antartide. Un team di scienziati scopre un blocco di ghiaccio con all’interno una strana creatura. Una volta scongelata, si scoprirà che la “cosa” altro non è che un alieno mutante, che inizierà a spargere morte e terrore nella base.

RECENSIONE: Film del 1982 diretto da John “arrivano i mostri” Carpenter, La cosa è un bel film, un horror movie con elementi fantascientifici e carico di una notevole tensione mantenuta per tutti i suoi 96 minuti.

Prima di girare questa pellicola il buon JC ha dato al cinema horror uno dei suoi personaggi più famosi, quel Michael Myers di Halloween, la notte delle streghe del 1978, e un piccolo grande cult come 1997: fuga da New York del 1981, sempre con Kurt Russell protagonista. Il suo Snake (Jena per la versione italiana, Dio sa perché) Plissken è entrato di diritto nel lungo elenco di antieroi di cui la storia del cinema si può fare vanto, e anche se visto nel 2013 può risultare molto ingenuo rimane comunque un film ben realizzato. Oltre a queste pellicole sono da citare ottime opere di generi diversi, come la fanta-commedia dai toni scanzonati Grosso guaio a Chinatown del 1986 (non indovinerete mai chi è l’attore protagonista), film addirittura profetici e che sembrano scritti oggi come Essi vivono, che festeggia le 25 candeline proprio nell’Anno Domini 2013, oppure pellicole psicologiche come Il seme della follia, con protagonista Sam Neill post-Jurassic Park.

Ne La cosa ci sono tutti gli elementi che in una pellicola di questo genere non dovrebbero mai mancare. Tanto per cominciare un gruppo di personaggi che formano un coro ben assortito, ognuno con le proprie peculiarità caratteriali e psicologiche, senza essere però troppo sviluppati per non togliere spazio al mostro, che risulta quindi il vero protagonista del film. Tra i personaggi oltre al principale Kurt Russell, eroico ma allo stesso tempo abbastanza realistico per non sembrare un Rambo dei poveri, da ricordare un buon Keith David (tra l’altro al suo esordio) comparso nel recente Cloud Atlasmentre gli altri non hanno avuto una carriera molto conosciuta a sud delle Alpi.

La sceneggiatura costituisce il modello da cui hanno copiato e ancora oggi copiano tutti i film dello stesso genere: luogo chiuso e claustrofobico + mostro/serial killer molto forte e resistente + un sacco di gente da uccidere; diciamo che parecchi registi e sceneggiatori sanno a chi dovrebbero offrire una cena. La regia è brava ad indugiare sulle trasformazioni legate ai trucchi (curati da Rob Bottin, un altro grande al suo esordio) e valorizzate dalla buona fotografia di Dean Cundey; tutto ciò contribuisce a provocare la sensazione di tensione ed ansia provocata dal film stesso, aumentando l’immedesimazione da parte del pubblico. Tocco di gran classe le musiche del Maestro Morricone.

La pellicola è liberamente tratta dal racconto horror-fantascientifico La “cosa” da un altro mondo di John W. Campbell, già alla base del film La cosa da un altro mondo (1951). Esiste anche uno scialbo prequel del 2011 (anch’esso chiamato La cosa), ambientato tre giorni prima rispetto alle vicende di questo film.

Tag Cloud