L'amichevole cinefilo di quartiere

Articoli con tag ‘Knight’

Bumblebee


Sei film sui Transformers? Seriamente?

TRAMA: 1987. In fuga e male in arnese, il robot alieno Bumblebee trova rifugio nella discarica di una località balneare sulle coste della California. Viene trovato da una ragazza che prova a metterlo in sesto, e che presto si accorge di avere a che fare con un’automobile fuori dall’ordinario…

RECENSIONE:


Che due maroni ‘sti robottoni giganti ho visto primo terzo e quarto e non saprei dire quale mi abbia fatto venire la gastrite peggiore ma siccome la vita è sofferenza e il cinema è pure peggio siamo oggi qui riuniti per celebrare la scomparsa della mia sanità mentale già messa a durissima prova lungo il corso di svariati anni farciti di troiate invereconde che mi sorbisco a cadenza settimanale perché amo più il cinema di me stesso non fiori ma opere di bene ok già che il regista non sia più Michael Bay vorrà dire che forse ci risparmieremo la tristissima immagine della ragazza con un’età che potrebbe essere sua figlia inquadrata a pecora sì lo so che sarebbe più corretto definirla posizione prona però dai non stiamo qua a sottilizzare alla fine sempre di mandolino in primo piano si sta disquisendo poi oh il tipo è anche quello che ha diretto Kubo e la spada magica che dici esticazzi ma fidatevi che è un film proprio bellino


quindi booom pronti via ed è già tutto uno sparare con gente totalmente a caso a mio parere francamente indistinguibili l’uno dall’altro meno male che siccome il target di pubblico è quello dei bambinotti e quindi la dobbiamo spiegare ai venti-trentenni con la mentalità di ragazzini delle medie oltre che ai suddetti pischelli facciamo che i buoni sono quelli colorati mentre i cattivi sono tutto un grigiore che oh sembrerà anche una pignoleria ma cazzo sul campo di battaglia se ti si para davanti un limone alto quattro metri sarà ben più visibile da colpire rispetto ad una ferraglia fumé però dai il concetto dei Transformers è stato creato per venire usufruito da spettatori ehm diciamo semplici quindi bon


spara che ti spara Bumblebee il nostro simpatico roito arriva sulla Terra ed è doppiato dal pallavolista Ivan Zaytsev che fin per carità sicuramente sarò stronzo io ma non comprendo il nesso logico tra schiacciare una palla a cento e passa chilometri orari ed il mondo della recitazione poi se vogliamo immergerci nella più becera polemica si potrebbe anche aggiungere che avessero scelto un calciatore apriti cielo ma non siamo qui per quello o forse sì comunque il martello non parla molto visto che come ben si sa il compagno B ha il dispositivo vocale scassato e quindi dopo aver mostrato questo interessantissimo background sull’handicap del nostro prode arrivano pure i militari ottusi perché dove ci sono pianeta Terra + alieni ci sono i militari ottusi il robot scappa e taglio su Hailee Steinfeld


che dico io capisco avrà i suoi conti da pagare però osteria te sei stata nominata all’Oscar per Il Grinta dove recitavi per i Coen con Bridges, Damon e Brolin e poi mi finisci a fare la quota vulva per i quindicenni segaioli che sì ti avviso subito su di te si spareranno un numero di raspe così alto che se i proverbiali problemi alla vista consequenziali fossero documentati medicalmente figlia mia corri ad aprire un negozio di cani-guida che incassi di Hollywood spostatevi e siccome bisogna masturbarsi fino a farsi riconoscere una percentuale di invalidità per il tunnel carpale giovanile oltre ad essere una bella tana pur fregandosene del suo aspetto la squinzia è pure appassionata di meccanica e musica rock benvenuti nel regno di Fantasilandia con la tipa che invece di passare i pomeriggi da boh Sephora Pandora o che cazzo ne so va dallo sfasciacarrozze a ravanare nella ferraglia in un’immagine che è una strizzata d’occhio così potente ai nerd che per cortesia signora Palmira non mi faccia parlare


trova ‘sto rottame parte il segnale che richiama i cattivi GESÙ CRISTO È LA STESSA TRAMA PRINCIPALE DEL REMAKE DI PREDATOR A TUTTO L’EQUIPAGGIO ABBANDONARE LA NAVE RIPETO ABBANDONARE LA NAVE momento famigliare scorreggione come pochi poi classica sequenza rimettiamo in piedi il catorcio che fa molto Herbie il maggiolino tutto matto che era matto ma non malefico in cui la tipa entra per la prima volta dentro all’auto che oh mi è venuto in mente adesso pensate fosse stato il contrario robot femmina e sbarbatello maschio che ci entra dentro che carico metaforico ci avrebbero picchiato giù insomma poi il coso giallo si sveglia e inizia a fare casini ennesimo stereotipo sull’imparare gli usi e costumi terrestri arrivano i cattivi facendo un gran bordello e accompagnati da un sottofondo di musica schitarrante tirato fuori paro paro dalla libreria license free di YouTube che fa tanto sono arrivati i cattivi e via di cazzate che servono a costruire il rapporto tra i due emarginati che mamma mia è di una pigrizia affossante


incontro tra le due fazioni di antagonisti che ah già, vi ho per caso detto che il leader dei militari è John Cena no dico John Cena you can’t see me quello che fino all’altroieri schienava degli ammassi di steroidi su un ring e mo’ gli danno pure dei soldi per sbraitare davanti allo schermo ma come ci siamo ridotti dico io vabbè tra una gag e l’altra sulla musica anni ’80 e altra acqua per far germogliare il legame vulva-maggiolone ci schiaffano pure dentro un interesse amoroso di cui sentivo la mancanza come della neve il 3 luglio e via ad introdurre un personaggio che non vale il tempo che sto sprecando per menzionarlo nel frattempo i cattivi ottengono il controllo dei satelliti terrestri che ovviamente figurati se avrà delle ripercussioni negative siamo in società di noi ti puoi fidar poi talmente a caso che pensavo fosse subentrato per errore un film diverso viene tirata fuori una gara di tuffi che è una delle metafore sul coraggio più tristi nella storia della narrazione vendetta a base del robot che non sa dosare le forze poi pure la casa sfasciata perché mamma mia che pazienza IL ROBOT NON SA DOSARE LE FORZE e dopo circa un’ora dall’ultima volta c’è lo scontro tra bestioni metallici ossia il punto nevralgico su cui dovrebbe basarsi ‘sta baracconata infame


ma forse anche no perché nonostante ci troviamo a che fare con esseri potentissimi provenienti da un altro pianeta la situazione la risolvono dei ragazzini in tempesta ormonale che ai tempi nostri se chiamava voja de scopa’ poi ovviamente salta fuori che dei tizi che si chiamano Ingannevoli ci hanno ingannati oh mio Dio Bumblebee è morto bu-hu piangiamo e invece no gli danno la scossa finché non si sveglia e io boh a questo punto mi sarei aspettato pure la lacrima magica che le scende dalla guancia e gli cade sul petto poi il robottone pacioccone diventa una fottuta macchina da guerra inizia a spaccare tutto a dimostrazione che siamo innanzi ad una pellicola per raffinati intellettuali momento Il gigante di ferro e poi via verso la scazzottata con i villain che ovviamente pur essendo in due lo attaccano uno alla volta come le note basi del duello ottocentesco e figurati se un ferrovecchio che ha subito legnate fino adesso non riesce ad abbattere due tizi molto più in forma di lui solita percentualona a cazzo che non va più avanti


solita tipa che dobbiamo trovare un modo perché dia il suo contributo ovviamente i buoni vincono perché magari ci siamo scordati che ‘sto qua è un prequel quindi come cazzo fa a crepare però vabbé, risalta fuori la questione tuffi che mi stavo giusto chiedendo come avrebbero fatto a risolverla essendo così campata per aria e poi finale banalotto che ci dobbiamo lasciare anche se ci vogliamo tanto bene perché le nostre due famiglie non vogliono ah no quello è un altro film poi sub-finale in cui la tipa non la smolla alla spalla boy inutile perché nei film se sei una donna forte devi pure essere anaffettiva che cazzo almeno un bacetto all’idiota non morivi mica secondo me poi ognuno la vede come crede.

Che film del cazzo.

Annunci

Locke

lockeAttento, Jack, perché l’Isola ha molte insidie e…
Ah, non è quel Locke?

TRAMA: Un ingegnere edile sposato e padre di famiglia viaggia di sera verso Londra per assistere al parto di una donna con cui ha avuto una scappatella mesi prima. Nel frattempo cerca di organizzare una colossale colata di calcestruzzo che avrà luogo la mattina seguente.

RECENSIONE: Scritto e diretto da Steven Knight (sceneggiatore anche del bel La promessa dell’assassino di Cronenberg), Locke è un film ben congegnato, che risulta un’opera originale e interessante.
La caratteristica che lo distingue dalle altre pellicole, infatti, è che per la sua intera durata (circa 85 minuti) il film mostra il protagonista al telefono con qualcuno mentre sta guidando.

Bene, la recensione continuerà qui sotto per tutti coloro che dopo aver letto l’ultima frase non abbiano cliccato la “X” in alto a destra.

Potrei ammorbarvi con frasi un po’ antipatiche e ad alto tasso di retorica come la regina dei semi-insulti-che-però-non-lo-sono-o-forse-sì, ossia “questo film non è per tutti”, ma credo che piuttosto di scolpire nella roccia sentenze tanto manichee sia più utile parlare del film in sé.

E non solo perché Locke è una buona pellicola, ho utilizzato questo metodo anche con Twilight, un film stupido come fermare con la testa una moneta che cade rasente a un muro.

Capisco comunque che la caratteristica principale di Locke possa essere vista da parte del grande pubblico come uno spaventoso abominio.

Un po’ come vedere una donna guidare un SUV.

Le tematiche del film sono molte, e la maggior parte di esse si trovano in rapporti di simmetria tra loro.

Abbiamo infatti la contrapposizione tra il lavoro e la famiglia (entrambi pericolosamente in bilico), quella tra l’errore di una notte di sesso e il rigore dell’organizzazione della colata, quella tra la famiglia attuale e quella che potrebbe arrivare e la solitudine dell’automobile che porta verso luoghi alieni con la compagnia data dalle voci al telefono.

Sopra a tutti questi temi abbiamo il tòpos del viaggio, come metafora di spostamento fisico attraverso cui si compie un’analisi della propria vita.

Locke – Tom Hardy

Essendo confinata nello spazio di una vettura, la regia non può presentare invenzioni visive mirabolanti.

Anche se tale affermazione è scontata come Sean Bean che crepa abbiamo comunque continui stacchi dai vari punti di vista.
Si passa così da inquadrature frontali a laterali, utilizzando primi piani sul protagonista o mostrando la strada che sta percorrendo; la telecamera butta inoltre un occhio agli elementi veri e propri dell’auto, come lo specchietto retrovisore, il sedile del passeggero, il telefono viva voce e il cruscotto (lieve product placement della BMW, ma era impossibile non inquadrare il logo).

La sceneggiatura, insieme alla già menzionata regia, crea una buona atmosfera di tensione e partecipazione emotiva, rendendoci partecipi del travaglio del protagonista, che si ritrova tra l’incudine della sua vita privata che va a rotoli e il martello dell’importante lavoro la cui preparazione dipende da lui.

Il protagonista si arrabatta in tutti i modi per cercare di far andare tutto in porto, mostrando un’abnegazione verso i suoi doveri che lo rende all’occhio dello spettatore un povero diavolo per cui in fondo simpatizzare.
Tale aspetto è molto importante, essendo lui l’unica presenza umana fisica sullo schermo, non vedendo mai i soggetti con cui dialoga, semplici voci che si perdono nell’aria.

locke scena2

L’inglese Tom Hardy (ex Bane de Il cavaliere oscuro – Il ritorno) è molto bravo e compie uno sforzo enorme, reggendo totalmente il film (per i motivi che abbiamo già visto) e catalizzando ottimamente l’attenzione dello spettatore su di lui.

Il doppiaggio italiano di Fabrizio Pucci (per quanto bravo doppiatore) ovviamente fa perdere qualcosa in fase recitativa, e personalmente non l’ho trovata una voce molto adatta all’attore; non avendo però Hardy un doppiatore italiano fisso bisogna tenere conto anche di questo.

Un buon film, originale e diverso dai soliti.

Se vi è piaciuto potrebbero piacervi anche: Per il tema “uomini soli” (no, i Pooh non c’entrano) In linea con l’assassino (2002) di Joel Schumacher, Buried – Sepolto (2010) di Rodrigo Cortés e 127 ore (2010) di Danny Boyle.

Tag Cloud