L'amichevole cinefilo di quartiere

Articoli con tag ‘guerra’

La battaglia di Hacksaw Ridge

hacksaw-ridge-locandinaBrothers in arms that share my fears,

Time to protect what you hold dear.

TRAMA: Seconda Guerra Mondiale. Desmond T. Doss, cresciuto secondo la fede degli avventisti del settimo giorno, si arruola all’età di 23 anni.
Cosa lo distingue dagli altri soldati? È un obiettore di coscienza, e si rifiuta di usare qualsiasi tipo di arma.
Tratto da una storia vera.

RECENSIONE: Diretta da un redivivo Mel Gibson che torna alla regia dieci anni dopo ApocalyptoHacksaw Ridge è una pellicola che pur avendo il merito di evidenziare una storia reale ma poco conosciuta purtroppo scade ben presto nel già visto, risultando paradossalmente molto più convenzionale e ordinaria di quanto dovrebbe essere.
Al di là della particolarità, per non dire bizzarria, di un soldato che non impugna fucile, il leitmotiv del film è comunque l’underdog catapultato in una situazione di estremo pericolo, un eroe sui generis che ostinatamente mette le proprie convinzioni prima delle convenzioni belliche.

hacksaw-ridge-processo

Legando credo religioso e necessità di servire orgogliosamente il proprio Paese in un conflitto armato, il film risulta inoltre piuttosto retorico; rapporto padre-figlio, guerra e religione, giusto o sbagliato sono temi molto cari al cinema di guerra, e qui non vi sono purtroppo elementi che facciano spiccare la pellicola rispetto ad altre, nonostante come già detto il tema possa apparire in principio originale.

Narrativamente l’opera divide la storia del protagonista sotto le armi in due tronconi separati in modo molto netto, ricordando in tal senso il kubrickiano Full Metal Jacket.

Di tale capolavoro si riprende inoltre in modo abbastanza simile il primo tempo focalizzato sull’addestramento: il duro sergente interpretato da Vince Vaughn con i soprannomi politicamente scorretti affibbiati ai membri della truppa, il training massacrante e le frizioni che si vengono a creare tra Doss ed i suoi commilitoni (i quali mal vedono le sue convinzioni etico-religiose, temendo che egli non li potrebbe aiutare in caso di bisogno) strizzano infatti più di un occhio a chi conosca questo film.

Il secondo tempo, invece, in cui viene rappresentata la battaglia in terra giapponese vera e propria, presenta per struttura e stile visivo diverse somiglianze con lo sbarco in Normandia nella sequenza iniziale dell’arcinoto Salvate il soldato Ryan di Spielberg: la crudezza del conflitto, le gravi ferite dei soldati e l’intensità dello scontro sono mostrate senza sconti di sorta in pieno stile gibsoniano (il già menzionato ApocalyptoLa passione di Cristo), prediligendo l’oggettività della violenza ad un eventualmente edulcorato solfeggio.

hacksaw-ridge-guerra

Tali somiglianze non sono di per sé un male, ma risultano un po’ scontate se al posto di un velato omaggio ci si ritrovino sequenze pressoché identiche, che mutano il ragionamento da “è simile a ciò che si vede in…” a “quello l’ho già visto in…”.

Alla buona ma non eccezionale qualità del film contribuisce una fotografia non disprezzabile nei suoi colori grigi o terrosi, ma penalizzata da una CGI di sfondo che per gli standard hollywoodiani è stranamente piuttosto scadente e visibilmente posticcia, che in un war movie basato su una storia vera di uomini, armi e sangue ha il pesante difetto di evidenziarne la finzione.

Buona interpretazione di Andrew Garfield, il cui personaggio risulta però meno sfaccettato di quanto il film si sforzi a far credere, e che talvolta appare persino troppo idealista fino a sfiorare l’ingenuità.

hacksaw-ridge-love

Personaggi secondari già visti in moltissimi film del medesimo genere, dal già citato sergente ai commilitoni la cui caratterizzazione è smussata con l’ascia fino all’amata in trepidante attesa del proprio uomo o i genitori sofferenti.

Hacksaw Ridge è in conclusione una pellicola non disprezzabile e pienamente sufficiente, ma che pecca nell’adagiarsi in una banale consuetudinarietà espositiva che forse fa a pugni con la nomea di Gibson.

Nonostante le ben sei candidature ai prossimi Oscar, l’ho trovato senza infamia e senza lode.

Annunci

Pillole di cinema – Fury

fury locandinaBrad Pitt che se ne va in giro per la Germania nazista ammazzando tedeschi?
Pensa se Tarantino ci facesse un film, che figata!

TRAMA: Aprile 1945: gli Alleati stanno avanzando in profondità nella Germania nazista. Tra i numerosi veterani ci sono anche il sergente Collier e il suo equipaggio, i quali combattono a bordo del loro carro armato, un M4 Sherman dal nome di battaglia Fury.

PREGI:

– Ambientazione: Pellicola tetra e fangosa che si svolge nel plumbeo ed ostile territorio teutonico, Fury crea nell’animo dello spettatore una cappa opprimente catapultandolo nella crudezza del conflitto bellico.
La molta si attacca ai vestiti quasi a simboleggiare i cadaveri rimasti a terra, sfortunati eroi/pedine nel gioco della Storia.

– Fotografia: Legata al punto precedente, i colori grigi e terrei contribuiscono ad aumentare la durezza della guerra e a raffreddare le emozioni manifestate nell’opera.
Il prevalente grigio-verde diurno, in contrapposizione al nero-rosso notturno crea un ottimo contrasto ottico, legato inoltre al già menzionato tema bellico.

– Montaggio: Buono sia negli scontri a fuoco, dove il ping-pong di inquadrature aumenta la tensione dovuta allo scambio di proiettili, sia nelle scene dialogate all’interno del carro, creando una dimensione angusta e al tempo stesso protettiva nei confronti dei membri dell’equipaggio.

– Brad Pitt: Pur avendo già visto un tipo del genere in Bastardi senza gloria, Pitt rende il suo Don “Wardaddy” Collier un personaggio ben riuscito.
Un capo coriaceo ma giusto con i suoi sottoposti, che riesce ad affermarsi nella pellicola grazie alla sua notevole presenza scenica, corroborata da ciò che dice e ciò che tace.
Il sergente e i suoi uomini vagano come Apostoli di morte, avvolti da uno Spirito Santo di lamiera e portatori del Verbo del ferro e del sangue; grazie a ciò catalizzano efficacemente l’occhio del pubblico.

The crew of Fury: Boyd "Bible" Swan (Shia LaBeouf), Norman (Logan Lerman), Wardaddy (Brad Pitt), Trini "Gordo" Garcia (Michael Pena) and Grady "Coon-Ass" Travis (Jon Bernthal) in Columbia Pictures' FURY.

DIFETTI:

– Secondo tempo: Al giro di boa, purtroppo, Fury crolla come un castello di carte.

Tutte o quasi le sue componenti, infatti, si deteriorano come frutta lasciata al sole: gli stereotipi si fanno più evidenti, i dialoghi si retoricizzano eccessivamente, la battaglia che infuria assume connotazioni preoccupantemente simili ad una schermaglia spaziale di Guerre Stellari (troppi muzzle flashes) e molti snodi narrativi vengono telefonati troppo presto e con troppa veemenza.

Questa è veramente una grossa pecca, soprattutto confrontando tra loro le due metà del film, dato che tanto la prima parte è ben realizzata ed efficace, tanto la seconda pare sbrodolata e lanciata verso l’eccessiva spettacolarizzazione.

– “Oh, say can you see, by the dawn’s early light…” : Fury è un film americano di guerra.

Sì, ma su una guerra che gli americani hanno vinto.

Ci siamo già capiti.

fury pitt lerman

CONSIGLIATO O NO? Se uscite dalla sala all’intervallo, sì.

American Sniper

american sniperOne shot, one kill.

TRAMA: Il Navy SEAL Chris Kyle, inviato più volte in missione in Iraq, diviene una leggenda tra i tiratori scelti delle Forze Armate statunitensi.

RECENSIONE: Per la regia di Clint Eastwood, American Sniper è un’opera cruda e molto asciutta, in cui vengono mostrate le esperienze di un uomo inserito in un contesto estremamente difficile e permeato di morte.

Tratto dall’autobiografia di Kyle (American Sniper: The Autobiography of the Most Lethal Sniper in U.S. Military History), nella pellicola non è presente il lirismo talvolta stucchevole di molte opere dedicate all’unico svago dei potenti a cui i sudditi prendono parte, ma si preferisce mostrare la realtà per quella che è, senza quindi dilungarsi in orpelli inutili o sviolinate melense.

American Sniper è un film profondamente virile e profondamente americano, non solo perché i suoi protagonisti sono uomini statunitensi, ma anche (e soprattutto) perché virili e americani sono i valori che li muovono: la difesa della propria patria da un nemico lontano, gli Stati Uniti come “nazione più bella del mondo”, gli altri soldati che diventano fratelli acquisiti con cui coprirsi le spalle a vicenda e la famiglia come cosa più importante da proteggere ad ogni costo.

american sniper soldati

Il tiratore scelto è un elemento ambivalente, poiché nonostante faccia ovviamente parte dell’esercito è anche individuo a sé stante: non solo fisicamente (sta prevalentemente da solo, o al massimo supportato da uno spotter), ma anche per il suo potere decisionale (egli deve sovente scegliere autonomamente sul da farsi) e psicologicamente (l’orrore di abbattere bersagli su bersagli da grosse distanze, che possono anche non stare sparando direttamente contro di lui o essere civili usati per scopi di guerriglia).

american sniper scena

Lo sniper ha inoltre sulle spalle la responsabilità della vita dei commilitoni, dovendo proteggerli e supportarli; in tale aspetto vi sono alcune similitudini tra questo film e The Hurt Locker di Kathryn Bigelow, vincitore dell’Oscar come Miglior film nel 2010 e incentrato sulla figura dell’artificiere.
In entrambe le pellicole, infatti, il protagonista è un individuo la cui attività si può definire borderline, essendo caratterizzata dal già citato elemento di supporto.

American Sniper Movie

Il regista dagli occhi di ghiaccio lascia che siano le immagini a parlare per lui, non ha bisogno di abbandonarsi ai ghirigori della macchina da presa; tolti pochi movimenti di camera (solitamente ad enfatizzare elementi psicologici) o un montaggio che evidenzi alcune simmetrie tra le due fazioni del conflitto, lo stile si mantiene il più concreto e oggettivo possibile.

In questo modo il film ha il sapore della sabbia, del metallo e del sangue, e non ci si abbandona a voli pindarici sulla giustizia o meno dei conflitti bellici.

american sniper cecchino

Tale elemento è in parte esaltato dalla fotografia di Tom Stern, verdastra nei campi stretti e negli interni militari, cupissima nelle scene notturne e giallo-sabbia di giorno, aumentando realismo ed intensità emotiva delle scene mostrate.
Ciò è fondamentale in quanto il soldato è un individuo che data la partecipazione a situazioni molto drammatiche può suscitare una grande gamma di emozioni nello spettatore, che vengono in tal modo accentuate.

Bradley Cooper è un protagonista piuttosto granitico, sia fisicamente (per interpretare questo ruolo è diventato enorme) sia psicologicamente.
Kyle svolge il proprio dovere mosso da nobili ideali, e facendo questo tende a chiudersi ermeticamente nei confronti dei suoi cari in modo da non far trasparire paura, tensione e inquietudine, nonostante ne abbia da vendere.
Questo tipo di personaggio si riallaccia alla già più volte citata concretezza a livello narrativo, che spinge lo spettatore a “scavare” in ciò che vede e a non adagiarsi troppo su da dialoghi ridondanti o eccessivamente didascalici.

sniper cooper kyle

In un film dal machismo imperante, l’unico ruolo femminile degno di nota è quello della moglie del protagonista, interpretata da Sienna Miller, che però, pur non essendo bidimensionale, non riesce a ritagliarsi granché spazio, incarnando un po’ troppo gli stereotipi da moglie del soldato.

American-Sniper sienna miller

A parte i due protagonisti, poco spazio viene dato ad altri personaggi, dato che comunque ci si trova di fronte ad una biografia e in quanto tale il focus deve essere il protagonista.
In generale un film di buona fattura, che può a volte peccare nel non essere molto amalgamato nelle sue varie sequenze (prediligendo quindi un racconto più di tipo episodico) e in una concretezza che può sfociare nello sbrigativo.

Edge of Tomorrow – Senza domani

Edge-of-Tomorrow-Senza-Domani-Poster-Italia-01-716x1024Tomorrow è un altro giorno.

TRAMA: Futuro prossimo. Nella lotta contro una razza aliena un maggiore dell’esercito si ritrova in un loop temporale che lo fa ritornare in vita ogni volta che muore. Battaglia dopo battaglia, la sua esperienza aumenta, rendendolo più abile e facendolo arrivare sempre più vicino alla vittoria…
Tratto dalla light novel All You Need Is Kill di Hiroshi Sakurazaka.

RECENSIONE:

Insert Coin

Eh?

Insert Coin

Mettere un gettone per scrivere? Ma stiamo scherzando?

Insert Coin

Va bene, ok, altrimenti da qua non ci schiodiamo…

[Ta-tlac]

Level 1 – Introduction

Fantascienza + loop temporale.

Due elementi che sommati tra loro farebbero presagire una cazzata tonante, danno qui vita invece ad un film godibile e piuttosto ben riuscito, che pur lasciandosi andare talvolta alle esagerazioni tipiche dei sci-fi/action movies non risulta troppo stucchevole o esagerato.

La pellicola, che per comodità e abitudine videoludica potrei chiamare Respawn, si basa infatti sul presupposto cardine di ogni videogioco, ossia il continuare a morire e ricominciare il “livello” al fine di migliorare le proprie abilità, capire dove sono i nemici, escogitare un modo per combatterli meglio eccetera.

edge of tomorrow

Edge of Tomorrow riesce quindi ad attirare l’attenzione del target a cui è rivolto (pubblico maschile medio-giovane) presentandogli davanti agli occhi elementi che ha imparato a conoscere durante l’infanzia e l’adolescenza, risvegliando magari vecchi ricordi e riuscendo così a farlo inserire meglio nell’ambientazione e nelle meccaniche del film.

Perciò, anche se solitamente aspettarsi qualcosa di buono dai già citati presupposti sia come aspettarsi una serata coca e mignotte andando con gli scout, il film non è poi così male.

Insert Coin

Ma perché?! Non ho perso! Ammesso poi che si possa “perdere”…

Insert Coin

Va bene, va bene…

[Ta-tlac]

Level 2 – Direction and main observations

Detto in soldoni, questo film è Ricomincio da capo in salsa spara-spara.

Basta solo togliere un insopportabile meteorologo e aggiungere un inetto maggiore.

E togliere una docile marmotta aggiungendo degli alieni assassini che somigliano alle seppie di Matrix.

Ecco, forse i due film non sono proprio così simili…

Edge-of-Tomorrow-Alpha-Mimic

La regia di Doug Liman è molto funzionale all’opera.

Le frequenti scene belliche vengono girate con un misto tra l’ampio respiro tipico delle scene di guerra classiche e i campi più ravvicinati sugli attori, in modo da far immedesimare lo spettatore in un singolo soldato.
La tecnologia del futuro prossimo ha l’aspetto “futuristico” che piace tanto al pubblico senza però inventarsi baggianate di sana pianta, e quindi è abbastanza predominante il realismo.

Il montaggio aumenta la tensione dovuta alla violenza e al costante pericolo del campo di battaglia, attraverso cambi di inquadratura e stacchi piuttosto rapidi che sfruttano la maggiore quantità dei nemici e l’incognita di capire da dove possano colpire.

Nell’opera vi sono inoltre diversi momenti comici piuttosto riusciti, legati per la maggior parte alle morti e “resurrezioni” del protagonista, che aumentano il fattore disimpegno e aiutano a staccare la mente dalla drammaticità della battaglia che si svolge nel film.

edge of

Insert Coin

Ma allora mi stai prendendo in giro!

Insert Coin

Va bene, poi basta però!

[Ta-tlac]

Level 3 – Script

La sceneggiatura.

L’aspetto da cui nascono la maggior parte degli insulti, delle battute e delle considerazioni negative nelle mie recensioni.

L’aspetto su cui mi diverto di più a parlare, e che uso per evidenziare lo strapotere, nei film hollywoodiani moderni, degli effetti speciali a discapito di tutto il resto.

Qui no.

O MEGLIO, alcune piccole cazzate ci sono, ma a parte una medio-grande presente nel segmento iniziale la pellicola scorre piuttosto liscia e senza grandi buchi o cose senza senso.

E ripeto, per essere Edge of Tomorrow basato su due espedienti puttanatiferi come la fantascienza e la modifica del tempo, tale risultato è un mezzo miracolo.

edge of tomorrow guerra

Una volta stretto il patto narrativo iniziale tutto ciò che accade sullo schermo è una sua diretta conseguenza, e i personaggi non sono eccessivamente stereotipati; c’è da dire che effettivamente la pellicola non presenta un loro grande scavo psicologico, ma piuttosto che essere pretenziosi e poi centrare un risultato miserevole, va benissimo così.

La relativamente scarsa ignoranza del film potrebbe essere un deterrente per la fascia di pubblico più “terra terra”, ma Edge of Tomorrow rimane comunque una pellicola di puro intrattenimento.

Quindi poche pippe intellettuali.

Il cinquant…

Insert Coin

STRAMALEDETTA MACCHINA MANGIASOLDI, IO TI RIBALTO!!!

Insert Coin

#*&$£%§!!!

Insert Coin

[Ta-tlac]

Final Level – Cast

Dicevo.

Il cinquantaduenne Tom Cruise, il cui obiettivo principale è dimostrare attraverso le sue pellicole che la mezza età si sta spostando (preoccupantemente) in avanti, è qui il mattatore del film.

Ringraziando tutti i santi del Paradiso che ho bestemmiato poco fa, non siamo di fronte all’inarrestabile eroe ammazzatutti alla Mission Impossible e cazzate simili.

Il personaggio di Cruise subisce una mini-evoluzione, passando da pallone gonfiato snob a vero soldato, capendo quindi la cruda importanza dello scenario bellico e ciò che comporta per il destino della sua specie.

Per curiosità, il loop temporale è un’abilità fornita da Scientology?

Emily Blunt, tanto bella e tanto brava, è qui in un ruolo stile Jodie Foster sotto testosterone. Non è il personaggio principale ma riesce ad essere un’ottima spalla, anche lei quasi sempre non scadendo in esagerazioni o elementi stucchevoli.

XXX EOT-TRL2-02139.JPG D ENT

Game Complete. Congratulations!

Ma vaff****lo!!!

1) M-A-T                              7106 pts.

2) —

3) —

4) —

5) —

Se vi è piaciuto potrebbero piacervi anche: Gli action/sci-fi movies, come Blade Runner (1982), Atto di forza (1990) e cose così; oppure il 70% della filmografia di Cruise; oppure Bill Murray in Pennsylvania; oppure il remake italiano di quest’ultimo con Albanese nelle Canarie.

300 – L’alba di un impero

300 l'abla di un impero“Questa è blasfemia! Questa è pazzia!”
“QUESTO! È! CI-NEMA!!!”

TRAMA: Il film racconta gli eventi avvenuti durante la battaglia marittima di Capo Artemisio tra i Greci (comandati dall’ateniese Temistocle) e i Persiani di re Serse I, svoltasi quasi contemporaneamente alla battaglia delle Termopili.
Ispirato in parte alla graphic novel Xerxes di Frank Miller.

RECENSIONE: Sequel (ma sarebbe più corretto midquel) di una delle pellicole più virili e allo stesso tempo omosessuali della storia del cinema (300 di Zack Snyder, uscito nel 2007), questo film segue un’opera i cui meriti principali sono l’aver aumentato di un buon 20-30% le iscrizioni nelle palestre e aver creato una manica di esaltati, che per caricarsi prima di qualsiasi incombenza (partita di calcetto, gara di shottini, fila alle Poste) sbraitano discorsi motivazional-guerreschi con la stessa energia di Mussolini dal balcone di Piazza Venezia.

Al posto di Snyder, che ha declinato il progetto per dirigere L’uomo d’acciaio (complimenti, bella scelta) e che qui è in veste di sceneggiatore e produttore, abbiamo in cabina di regia Noam Murro, regista con molta esperienza pubblicitaria ma con alle spalle un unico lungometraggio (Smart People, 2008).

Purtroppo si vede.

300 – L’alba di un impero è infatti un film piuttosto scialbo, che si limita a sfruttare l’onda lunga del suo predecessore senza fare aggiunte degne di note alla struttura cinematografica dell’opera stessa.
Il risultato è una copia carbone mediocre di una pellicola di sette anni fa che hanno visto praticamente tutti.
Beh dai, buono.

300 temistocle

No, Temmy, non mi guardare così…

Ma andiamo con ordine: recensire questo film senza fare un paragone con la pellicola precedente è praticamente impossibile, e dato che 300 è un’opera arcinota i cui elementi costitutivi sono ben delineati, tale confronto è molto utile per valutare appunto il sequel.

Nel primo film la regia puntava molto sull’azione, esaltandola grazie ad un uso massiccio della slow motion (che abbracciava circa un terzo del film e senza la quale 300 sarebbe durato più o meno tre quarti d’ora); la fotografia era caratterizzata da colori saturi e filtri molto decisi, e la colonna era basata su musica metal.
Qui è lo stesso. Murro si limita al compitino (ma proprio -ino -ino) ed è ulteriormente penalizzato da una sceneggiatura (come già detto, di Snyder stesso) che ricalca in maniera pedissequa gli avvenimenti del primo film, cambiandone eventualmente solo alcuni piccoli dettagli.
Il risultato è che se 300 vi è piaciuto moltissimo non sarà forse un problema per voi rivedere le stesse scene quasi identiche una seconda volta, ma i più potrebbero stufarsi ed avere una fastidiosa sensazione di déjà vu perenne.

Anche il background narrativo è bene o male lo stesso: nell’opera precedente c’erano 300 uomini che combattevano contro lo sterminato esercito del re/dio/drag-queen, costituendo quindi un archetipo “pochi contro tanti” somigliante ad un realistico e iperviolento “Asterix e Obelix”; qui anche se abbiamo due eserciti veri e propri il numero dei Persiani è comunque nettamente superiore a quello degli ellenici, quindi…
Sì, insomma, sempre la solita solfa.

Una differenza tra le due pellicole è che in 300 i gusti sessuali… ehm… “difficilmente inquadrabili” degli antichi greci erano celati (anche grazie ad alcune brevi scene di nudo femminile), ma nonostante ciò alcuni segmenti sfioravano il ridicolo (in)volontario; qui invece l’eterosessualità è più marcata, grazie anche alla presenza di un personaggio femminile sexy e provocante con uno spazio narrativo maggiore.

"Inginocchiati davanti ai miei piedi." Eh-ehm...

“Inginocchiati davanti ai miei piedi.” Ok, vi lascio soli…

Dal punto di vista strettamente tecnico si notano i costumi di Alexandra Byrne (Oscar nel 2008 per Elizabeth: The Golden Age) e il fatto che gli sfondi siano talmente realistici da sembrare dipinti su un muro: integrazione con le figure umane quasi zero.

L’australiano Sullivan Stapleton (doppiato in italiano da Simone Mori e apparso in Gangster Squad) sostituisce Gerard Butler (voce di Roberto Pedicini e visto negli ultimi anni in Giustizia privata Comic Movie) come attore protagonista.
Il suo Temistocle è un guerriero diverso da Leonida: più stratega e scacchista e meno ossessionato dalla morte e dall’uccidere, si comporta come un vero generale più che come un comandante.
Eva Green come assetata di sangue Artemisia interpreta un personaggio femminile forte anche se troppo stereotipato, e la sua prorompente sessualità (traduzione per il volgo: è tanta, ma tanta roba) non riesce a salvarla dall’effetto macchietta.
Il brasiliano Rodrigo Santoro torna negli imponenti e sessualmente ambigui panni (anche pochi, a dir la verità) del sovrano divinizzato Serse, una specie di Shaquille O’Neal gay con il vocione da oltretomba di Alessandro Rossi.
David Wenham e Lena Headey riprendono i personaggi di Delios e Gorgo.

300 artemisia

Se vi è piaciuto potrebbero piacervi anche: 300 (2007) e in generale tutti i film di guerra antica con protagonisti dei culturisti improbabili.
O anche Almodóvar e Özpetek…

Fahrenheit 9/11

fahrenheit-911-locandina-del-filmLa temperatura a cui la libertà brucia.

TRAMA: Documentario che verte sui legami segreti tra la famiglia Bush e la famiglia Bin Laden, ponendo l’accento su quelle che, a detta del film, sono state le strumentalizzazioni politiche degli attentati dell’11 settembre 2001, con le seguenti campagne militari americane in Afghanistan e Iraq.

RECENSIONE: In questa pellicola del 2004, scritta e diretta da Michael Moore, si assiste ad un’inchiesta di due ore imbevuta in un acido e pungente sarcasmo. Le immagini di repertorio di Bush jr, dell’ex Segretario della Difesa Donald Rumsfeld e dell’ex Segretario di Stato Condoleezza Rice vengono mostrate senza alcun tipo di filtro allo spettatore, che assiste a scene entrate loro malgrado nella storia, come la (inesistente) reazione di Bush alla notizia dell’attacco alle Torri, il quale trovandosi in una scuola preferisce rimanere a leggere una fiaba con i bambini, rimanendo in stato quasi catatonico.

Proprio l’inadeguatezza della classe politica repubblicana risalta dal film, in quanto vengono evidenziati interessi e legami nascosti proprio tra la famiglia Bush e i Bin Laden, entrambe consociate nel gruppo Carlyle, appaltatore di oleodotti che si sarebbe arricchito a dismisura nel caso di una guerra in Iraq. L’ex presidente viene raffigurato come uno stupido bambolotto piazzato in quel ruolo per fini superiori e poco chiari, e dipinto come in assoluto uno dei peggiori leader della storia degli Stati Uniti d’America.

Almeno a lui il Premio Nobel per la pace non l’hanno dato…

Viene evidenziato inoltre il ruolo dei mass media (così come avveniva in Bowling a Columbine del 2002), che hanno l’enorme responsabilità di influenzare milioni di persone e che spesso esercitano questo potere superficialmente solo per fomentare le folle. La trasparenza e la completezza dell’informazione è fondamentale per avere un’idea chiara di ciò che sta succedendo intorno a noi, evitando di curare solamente i propri interessi e avere così una visione più ampia.

Emergono le profonde contraddizioni della politica di sicurezza americana, con innocue associazioni di anziani monitorate per le loro opinioni personali, la sicurezza di decine di chilometri di coste di competenza di un solo uomo e il controsenso del divieto di portare su un aereo liquidi quando possono essere imbarcati e tenuti con sé accendini e fiammiferi.

Molto interessante anche la parte dedicata ai soldati, ragazzi e ragazze inviati in zone di guerra a morire e che raccontano davanti alla telecamera alcune loro esperienze.

Ovviamente negli Stati Uniti Fahrenheit 9/11 è stato molto amato, tanto da essere prima bloccato dalla sua stessa casa di distribuzione, ossia la Walt Disney Company, e poi acquistato solo dopo le pressioni dovute alla vittoria della Palma d’oro al Festival di Cannes. Viva la lungimiranza. Viva la libertà di espressione.

Costato circa 6 milioni di dollari, ne ha incassati in tutto il mondo più di 220.

Se vi è piaciuto potrebbero piacervi anche: gli altri documentari di Michael Moore e quelli di Morgan Spurlock.

Tag Cloud