L'amichevole cinefilo di quartiere

Articoli con tag ‘documentario’

Punto di non ritorno – Before the Flood

punto-di-non-ritorno-before-the-floodTRAMA: Documentario. Attraverso immagini naturalistiche ed interviste da parte dell’attore Leonardo DiCaprio, vengono evidenziate cause e conseguenze del cambiamento climatico che sta colpendo la Terra.

RECENSIONE: Il film mostra DiCaprio visitare varie regioni del globo esplorando l’impatto del riscaldamento globale di origine antropica, commentando incontri e filmati d’archivio.
L’attore fa riferimento più volte al trittico di Hieronymus Bosch Il Giardino delle delizie (1480-1490 circa), che usa come analogia del presente corso della Terra verso la potenziale rovina come raffigurata sul pannello finale.

La pellicola è stata presentata il 9 settembre 2016 al Toronto Film Festival, in cui è stato annunciato che il documentario avrebbe debuttato in televisione sul canale del National Geographic il 31 ottobre 2016.

Before the Flood
 è stato anche distribuito in un numero limitato di sale negli Stati Uniti a partire dal 21 ottobre 2016.

In Italia è stato trasmesso il giorno prima, 30 ottobre, sempre su National Geographic Channel.

È stato inoltre disponibile per pochi giorni sui relativi canali ufficiali YouTube, sia inglese che italiano, venendo successivamente impostato come “video privato”.

Annunci

Bianconeri, Juventus Story – Il film

bianconeri-juventus-story-locandinaTRAMA: Documentario. Attraverso la voce di Giancarlo Giannini e con l’ausilio delle musiche, tra gli altri, di Ennio Morricone, il film ripercorre decennio dopo decennio la storia che lega la Juventus alla famiglia Agnelli.

RECENSIONE: Per la regia dei fratelli Marco e Mauro La Villa, Bianconeri, Juventus Story è un documentario che mostra per sommi capi il fil rouge tra la famiglia Agnelli e la loro squadra di calcio, vista come un’appendice della dinastia ed inscindibile da essa.

Focalizzandosi prevalentemente sulla duplice leadership dei fratelli Gianni, il celebre “Avvocato” (1921 – 2003), e Umberto (1934 – 2004), viene mostrato lo sforzo fatto dai due magnati nel corso dei decenni per rendere la Juventus una squadra sempre competitiva, e di come essa venga trattata con un rapporto quasi filiale.

bianconeri-gianni

La pellicola mantiene una struttura di tipo duale: oltre ai già citati Gianni/Umberto, la duplicità emerge anche dal confronto tra la loro generazione e quella successiva (formata da Andrea, attuale presidente bianconero, e dai fratelli John e Lapo Elkann), così come ovviamente dal succedersi di vittorie e sconfitte e dal rapporto tra campo e vita privata, concentrandosi quindi su due filoni narrativi intrecciati in una matassa inestricabile, ossia il lato sportivo e quello umano.

Attraverso immagini di repertorio ed articoli di giornale nel corso del Novecento, si punta l’attenzione su calciatori e personaggi che hanno reso celebre la Juventus; in particolare nel primo segmento narrativo emerge Michel Platini (cinque anni a Torino e tre volte Pallone d’Oro), mostrato con dovizia di immagini relative ai suoi goal migliori.

bianconeri-platini

Se per tale focus l’occhio di bue è sulla forza della squadra attraverso i vari cicli sportivi, per la narrazione parallela e manageriale si utilizza un linguaggio maggiormente ricco di descrizioni personali introspettive, che tentano quasi di scavare nella psicologia di personaggi facenti parte della famiglia considerata da alcuni “i Kennedy d’Italia” e che ha avuto ruolo di primo piano nell’imprenditoria del nostro Paese.

Vengono perciò narrate storie di vittorie e di grandi successi, ma anche di delusioni e di profonde incongruenze.

Grandi risultati sportivi uniti a dammi umani importanti.

Si indugia infatti su pagine dolorose per la famiglia, come la vita difficile ed il successivo suicidio a soli 46 anni di Edoardo, figlio dell’Avvocato, e la morte per tumore a soli trentatré anni di Giovanni, figlio di Umberto e fratellastro di Andrea.

Fiat honorary chairman Giovanni Agnelli (L) watches a soccer match at Turin's Delle Alpi's stadium with his son Edoardo in this undated file picture. Edoardo, 46, was found dead in open country near the Turin-Savona motorway. There were no immediate details about the cause of death, the second tragedy in four years to hit the Agnelli clan, often described as the equivalent of Italy's royal family. REUTERS/Claudio Papi

Attraverso tali cenni si crea una maggiore vicinanza tra il pubblico e i personaggi narrati dal film; essi non vengono quindi descritti solo come miliardari proprietari della squadra di calcio più tifata e detestata d’Italia, ma anche come uomini.

E proprio questo è l’elemento cardine del documentario: mostrare che la storia della Juventus è stata fatta da Uomini prima che da presidenti, dirigenti, allenatori o dirigenti.

Sul versante calcistico si segue un andamento ondivago in relazione alle fortune della squadra: dai grandi successi del quinquennio d’Oro (1930-35), all’appannamento di fine presidenza Boniperti unita all’emergere dei grandi avversari sportivi, con un enfasi sulle spese folli di Silvio Berlusconi prima e Massimo Moratti poi.
Le due Coppe dei Campioni (tra cui non si tralascia la vicenda Heysel, una delle pagine più dolorose della storia del calcio) e la fallimentare gestione Maifredi, la stella Platini e Calciopoli, il ritorno sul podio italiano e i due settimi posti consecutivi, fino al ritrovato trionfo con mister Conte.

bianconeri-anfield

bainconeri-5-maggio

bianconeri-moggi

bianconeri-juve-scudetto

Il film non è esente da difetti, o per meglio dire “omissioni”.

Pur considerando che il tema è incentrato su di una squadra di calcio fondata nel 1897 (secondo team più vecchio in Italia dopo il Genoa) e che quindi un documentario che ne citi ogni aspetto storico dovrebbe durare ben più di queste due ore, in Bianconeri non sono però citati alcuni elementi che un’opera di questo tipo avrebbe dovuto menzionare.

Mantenendo la struttura duale, in ambito sportivo mancano infatti i successi di Boniperti (da giocatore), Omar Sìvori e John Charles a cavallo degli anni ’50 e ’60; inoltre è assente lo stretto ed importantissimo rapporto tra la Juventus e la Nazionale italiana (nella finale vinta di Spagna ’82 sei titolari su undici erano bianconeri), oltre al ciclo di vittorie nazionali ed europee degli anni ’80.

Sul versante umano, nonostante io sia troppo giovane per averlo visto in vita credo che per il suo contributo sportivo Gaetano Scirea avrebbe meritato una necessaria menzione.

In conclusione un documentario indirizzato ad un pubblico ovviamente di fede bianconera, sia per l’argomento che per i toni dichiaratamente di parte e volti all’esaltazione della squadra, ma che potrebbe risultare interessante anche per semplici appassionati del calcio italiano.

Dal film è stato tratto anche un libro di 352 pagine intitolato Bianconeri. Juventus Story edito dalla Rizzoli che racconta l’intera storia del club facendo ricorso, tra le altre cose, a materiale inedito proveniente dagli archivi privati della società bianconera.

Fahrenheit 9/11

fahrenheit-911-locandina-del-filmLa temperatura a cui la libertà brucia.

TRAMA: Documentario che verte sui legami segreti tra la famiglia Bush e la famiglia Bin Laden, ponendo l’accento su quelle che, a detta del film, sono state le strumentalizzazioni politiche degli attentati dell’11 settembre 2001, con le seguenti campagne militari americane in Afghanistan e Iraq.

RECENSIONE: In questa pellicola del 2004, scritta e diretta da Michael Moore, si assiste ad un’inchiesta di due ore imbevuta in un acido e pungente sarcasmo. Le immagini di repertorio di Bush jr, dell’ex Segretario della Difesa Donald Rumsfeld e dell’ex Segretario di Stato Condoleezza Rice vengono mostrate senza alcun tipo di filtro allo spettatore, che assiste a scene entrate loro malgrado nella storia, come la (inesistente) reazione di Bush alla notizia dell’attacco alle Torri, il quale trovandosi in una scuola preferisce rimanere a leggere una fiaba con i bambini, rimanendo in stato quasi catatonico.

Proprio l’inadeguatezza della classe politica repubblicana risalta dal film, in quanto vengono evidenziati interessi e legami nascosti proprio tra la famiglia Bush e i Bin Laden, entrambe consociate nel gruppo Carlyle, appaltatore di oleodotti che si sarebbe arricchito a dismisura nel caso di una guerra in Iraq. L’ex presidente viene raffigurato come uno stupido bambolotto piazzato in quel ruolo per fini superiori e poco chiari, e dipinto come in assoluto uno dei peggiori leader della storia degli Stati Uniti d’America.

Almeno a lui il Premio Nobel per la pace non l’hanno dato…

Viene evidenziato inoltre il ruolo dei mass media (così come avveniva in Bowling a Columbine del 2002), che hanno l’enorme responsabilità di influenzare milioni di persone e che spesso esercitano questo potere superficialmente solo per fomentare le folle. La trasparenza e la completezza dell’informazione è fondamentale per avere un’idea chiara di ciò che sta succedendo intorno a noi, evitando di curare solamente i propri interessi e avere così una visione più ampia.

Emergono le profonde contraddizioni della politica di sicurezza americana, con innocue associazioni di anziani monitorate per le loro opinioni personali, la sicurezza di decine di chilometri di coste di competenza di un solo uomo e il controsenso del divieto di portare su un aereo liquidi quando possono essere imbarcati e tenuti con sé accendini e fiammiferi.

Molto interessante anche la parte dedicata ai soldati, ragazzi e ragazze inviati in zone di guerra a morire e che raccontano davanti alla telecamera alcune loro esperienze.

Ovviamente negli Stati Uniti Fahrenheit 9/11 è stato molto amato, tanto da essere prima bloccato dalla sua stessa casa di distribuzione, ossia la Walt Disney Company, e poi acquistato solo dopo le pressioni dovute alla vittoria della Palma d’oro al Festival di Cannes. Viva la lungimiranza. Viva la libertà di espressione.

Costato circa 6 milioni di dollari, ne ha incassati in tutto il mondo più di 220.

Se vi è piaciuto potrebbero piacervi anche: gli altri documentari di Michael Moore e quelli di Morgan Spurlock.

Lost in La Mancha

La sagra della sfiga.

TRAMA: Documentario sulla realizzazione di The Man Who Killed Don Quixote, film di Terry Gilliam del 2000 mai completato a causa della serie infinita di intoppi durante la sua lavorazione.

RECENSIONE: Quando decidiamo di andare al cinema noi paghiamo il biglietto, prendiamo i pop corn e ci sediamo in sala per guardare uno spettacolo su uno schermo. Ma cosa c’è dietro alle immagini che vediamo? C’è il lavoro di tantissime persone, che sono uomini e donne prima che professionisti. L’emblema di quanto possa essere complicata, lunga e frustrante dal punto di vista tecnico e umano la realizzazione di una pellicola è ben rappresentata da questo intelligente documentario.

Terry Gilliam (Le avventure del Barone di Munchausen, Paura e delirio a Las Vegas, Parnassus – L’uomo che voleva ingannare il diavolo), ex membro del gruppo comico Monty Python (Dio li benedica) ha sempre avuto come tallone d’Achille paradossalmente il suo più grande pregio: la ricchezza delle sue idee unite a una mente vulcanica. Essendo così entusiasta riguardo ad un progetto (a questo in particolare) la difficoltà più grande per i suoi collaboratori è riuscire a stargli dietro e a capire come materialmente le sue idee possano prendere forma. Unendo questo a un uso del budget piuttosto disinvolto con sforamenti notevoli e quasi abituali, il risultato è il lavorare ad un film stando sempre sul filo del rasoio. Come alcuni suoi collaboratori affermano, “Terry vuole fare un film di Hollywood senza [i soldi di] Hollywood, ed è impossibile”; “Fare un film con Terry è come cavalcare un pony senza sella”.

Come nuvola nera di Fantozzi abbiamo attacchi di panico e problemi di salute del protagonista Jean Rochefort, contratti stipulati in maniera difficoltosa con altri attori, condizioni meteo “ballerine” per usare un eufemismo, improvviso taglio del budget di un quinto (da 40 milioni a 32) per la fuga all’ultimo minuto di uno dei produttori, jet che sorvolavano l’area e che rendevano l’audio incomprensibile e dulcis in fundo una sceneggiatura ambiziosa (anche troppo) con tanto di viaggi temporali. Il risultato: pochissimi minuti di girato con Rochefort e Johnny Depp (scelto come coprotagonista); per la cronaca Vanessa Paradis, scelta come coprotagonista femminile, ha solo fatto una prova costumi.

Un interessante documentario sia per gli addetti ai lavori sia per i semplici curiosi che vogliono sapere cosa stia dietro ad un film. Lost in La Mancha, una pellicola di sul cinema.

La voce narrante è dell’attore Jeff Bridges.

Tag Cloud