L'amichevole cinefilo di quartiere

Articoli con tag ‘Daniels’

Pillole di cinema – Steve Jobs

jobs locandinaiMovie.

TRAMA: Uno spaccato sulla vita dell’informatico e imprenditore Steve Jobs (1955 – 2011) attraverso il lancio di alcuni dei prodotti-chiave della Apple Inc., azienda da lui fondata: il Macintosh 128K del 1984, il NeXT Computer del 1988 e nel 1998 l’immissione sul mercato del primo iMac.

PREGI:

– Non è un incondizionato e melenso omaggio al protagonista: Una delle peggiori tipologie di biopic è quella in cui il personaggio storico su cui verte il film è immerso in una dorata e celestiale aura di perfezione e incorporeità.

Beh, pensate un po’: anche le persone famose hanno difetti caratteriali, e questo perché sono, appunto, persone.

Steve Jobs è un film sull’essere umano Steve Jobs, non sul Gesù Cristo degli utenti Mela maggiormente invasati: nell’opera emergono infatti le pecche umane ed imprenditoriali di Jobs, e viene evidenziata inoltre la differenza tra l’immagine pubblica e la vita privata.
Ciò è fondamentale per conferire profondità alla pellicola che risulta quindi matura ed obiettiva, e non una servile serenata al chiaro di luna.

steve jobs

– Michael Fassbender: è già la seconda volta consecutiva che nella recensione di un film con protagonista questo attore lo inserisco tra i pregi.

Che ci posso fare, è molto bravo.

Geniale, arrogante, sicuro di sé oltre ogni umana sopportazione, scontroso e freddo, Fassbender è ottimo nell’interpretare un personaggio chiave della società occidentale degli ultimi decenni, i cui prodotti sono entrati in un ammontare innumerevole di case, uffici e scuole.

Una lieve pecca può essere costituita dalla sua somiglianza estetica col personaggio non particolarmente stretta, soprattutto in gioventù (già meglio nell’ultimo terzo della pellicola), ma al di là di questo elemento, forse troppo da puristi, sicuramente si ha di fronte una performance recitativa assai valida.

jobs fassbender

– Effetto “dietro le quinte”: avete presente quando osservate un’opera e vi interesserebbe sapere cosa ci sia dietro alla sua realizzazione?

Ecco, Steve Jobs si basa su questo.

L’evoluzione tecnologica e il rapporto tra i vari personaggi vengono evidenziati attraverso la preparazione del lancio sul mercato di prodotti commerciali; ciò consente di osservare sia i cambiamenti oggettivi e cronologici legati a un determinato settore industriale, sia l’evoluzione delle interazioni personali tra i soggetti.

Inoltre vengono rappresentati su schermo varie figure che hanno circondato Jobs nel corso degli anni e che sono state importanti, in un modo o nell’altro, alla sua carriera (come il co-fondatore della Apple Steve Wozniak, l’amministratore John Sculley o il programmatore Andy Hertzfeld) e che contribuiscono a focalizzare l’attenzione non solo sul protagonista in sé, ma anche sulle relazioni con altri individui.

Steve Jobs

DIFETTI:

– “Stop ta-ta-talking that / Blah blah blah”: Il pregio precedente ha come rovescio della medaglia che il film si basi pesantemente sui dialoghi, pieni di botte e risposte e di spiegazioni su come funzioni questo o quel componente informatico, questa o quella strategia economica.

Diciamo che bisogna stare un attimo con le antenne collegate, e che tale elemento proposto per due ore potrebbe risultare indigesto ad un pubblico non particolarmente ferrato in materia.

steve jobs scena3

– Regia che sì, ma anche no: In un biopic solitamente la regia dovrebbe contribuire a mostrare ed eventualmente esaltare la vita che viene raccontata attraverso le immagini, qui invece risulta talvolta un po’ troppo invasiva ed eccessivamente carica nella rappresentazione di eventuali metafore o nell’accompagnamento ai dialoghi.

Perciò se spesso nei film si richiede una presenza del director più incisiva, in Steve Jobs forse sarebbe stata una scelta migliore mantenere un maggior distacco ed un apporto più asciutto.

steve jobs razzo

Consigliato o no? Nel complesso sì. Che abbiate in casa un iPad, iPhone, iMac, iMisonofattomale o che comunichiate mediante piccioni viaggiatori, Steve Jobs è un film più che sufficiente su una figura arcinota della storia occidentale recente.

Annunci

Scemo & + scemo 2

Scemo_e_piu_Scemo2_posterScemo è chi questi film fa.

TRAMA: Vent’anni dopo gli eventi di Scemo & + scemo, Harry e Lloyd intraprendono un viaggio per conoscere la figlia di Harry, avuta anni prima e della quale egli non era a conoscenza.

RECENSIONE: Avete presente quando alle riunioni di famiglia il nonno o lo zio iniziano a vantarsi che da giovani saltavano i fossi per il lungo (espressione delle mie parti) e vi vogliono dimostrare a tutti i costi di essere ancora gagliardi nonostante l’età?
E voi siete allo stesso tempo imbarazzati e spaventati, perché temete che possano coprirsi di ridicolo, procurarsi lesioni gravi o entrambe?

Ecco, questa sensazione dilatata per un’ora e cinquanta potrebbe essere validamente succedanea di Scemo & + scemo 2, film diretto dai fratelli Bobby e Peter Farrelly e di cui sentivo la mancanza come della reunion tra Robbie Williams e i Take That.

Cioè zero.

Far uscire nelle sale un secondo episodio a vent’anni di distanza dal primo è un’idea imbecille ed inutile quasi quanto realizzarne un prequel.

scemo e più scemo prequel

Appunto…

Dato che l’attività del cinefilo è un pendolo che oscilla tra la noia e le boiate ci si cucca l’ennesimo sequel assai tristanzuolo, grazie al quale ci si convince ancora di più della cronica mancanza di idee in quel di Hollywood.

Una domanda, per curiosità: se voi registi/sceneggiatori realizzate una pellicola che diventa un cult, in maniera oltretutto piuttosto insperata e casuale come in quel caso, potreste gentilmente ringraziare gli déi per la vostra fortuna e NON spremere ancora di più la rapa tentando di cavarne del sangue?

scemo e più scemo primo

Ma certo che no: i fratelli Farrelly (ripetetelo velocemente dieci volte, vi sfido) danno un seguito al loro vecchio film, all’epoca diventato celebre per essere caratterizzato da una comicità in stile “tre marmittoni” (di cui non a caso i Farrelly hanno realizzato un remake), ma più sboccata e irriverente, ripetendo stancamente le gag della prima pellicola e aggiungendone poche altre; queste ultime però non forniscono novità, risultando infatti trite e ritrite all’occhio di un pubblico che sia non dico sveglio, ma nemmeno in totale coma cerebrale.

L’obiettivo dei due registi è inoltre probabilmente quello di spappolare le cornee agli spettatori: non si spiegherebbe in altro modo, infatti, la scelta di usare dei tagli di montaggio (elemento curato da Steven Rasch) sfumati, dolci e delicati come una sprangata sul collo, soprattutto negli stacchi da una scena all’altra.

Stacchi che solitamente hanno sul pubblico l’impatto di un’automobile da crash test contro un muro.

scemo e più scemo

Come già accennato, quest’opera è la copia carbone dell’originale.

Ed è proprio questo il problema.

Scemo & + scemo 2 è lo stesso identico road movie con lo scopo di trovare una persona che era Scemo & + scemo, con le solite tappe, difficoltà e gag comiche che però “comiche” non sono, risultando infatti sia divertenti come darsi una martellata sul pollice sia utili come imparare l’inglese attraverso i porno.
Nemmeno i parecchi rimandi al film del 1994 riescono a sollevare la qualità dell’opera, poiché fanno molto “effetto ’74-’75“, di cui avevo già scritto riguardo a I mercenari (e a cui vi rimando per non ripetere lo stesso identico concetto anche qui).
La comicità è basata su battute politicamente scorrette, equivoci verbali, riferimenti scatologici e gag potenzialmente omicide: ciò non solo è scontato, noioso e prevedibile, ma è anche coperto da una cappa di ritardo mentale maggiore di quella di una puntata di Uomini e donne.

Gli ultracinquantenni Jeff Daniels (1955) e Jim Carrey (1962) inseriti in tale contesto fanno seriamente tristezza nonostante si trovino a loro agio in tali panni, dimostrando quale sia la differenza tra attori che si divertano e attori che divertano gli altri.

Cioè la differenza tra Johnny Depp e Bill Murray.

scemo e più scemo carrey daniels

Piccole parti per Kathleen Turner (che contribuisce alla malinconia per i bei tempi andati di quando Aleandro Baldi vinceva Sanremo con Passerà) e Laurie Holden, ex Andrea in The Walking Dead.

In conclusione la mancanza di originalità, la sceneggiatura uguale al primo film e la scarsa vena degli attori rendono Scemo & + scemo 2 un film ignorante come Jon Snow, sensato come un albero di Natale il 10 luglio e positivo per il cinema come Yoko Ono per i Beatles.

Evitatelo come i monatti.

The Butler – Un maggiordomo alla Casa Bianca

the butlerAmbrogio, avverto un leggero languorino.

TRAMA: Tratto dalla vera storia di Eugene Allen (il cui nome nel film è stato modificato in Cecil Gaines), maggiordomo afroamericano che ha lavorato alla Casa Bianca dal 1952 al 1986, sotto otto diversi Presidenti degli Stati Uniti d’America.

RECENSIONE: Per la regia dell’afroamericano Lee Daniels, che nel 2009 aveva diretto l’intenso Precious (no, non quello di Gollum, quello di Gabourey Sidibe), The Butler è una buona (ma non ottima) pellicola, che rappresenta il percorso professionale e personale di un individuo correlandolo ai fatti che hanno segnato la storia della sua nazione, in un continuo ping pong tra la dimensione interiore e quella sociale.

Per spiegare più chiaramente il film penso che prima di farne una recensione vera e propria sia utile paragonarlo ad un’altra pellicola americana a 24 carati, uscita l’anno scorso e che (come probabilmente toccherà a The Butler) ha fatto incetta di nomination agli Oscar, ossia Lincoln.

Il punto in comune è evidente: entrambe sono pellicole storiche. Lo è più marcatamente l’opera di Spielberg, ovviamente, perché la sua dimensione storiografica costituisce il cuore del film stesso, mentre come già detto The Butler ha una grande simmetria con un singolo uomo comune,  a contatto con il nucleo della politica (per via del suo lavoro) e allo stesso tempo estraneo ad esso data la sua funzione di mero servitore la cui opinione non deve mai trasparire.

Ma The Butler è migliore di Lincoln.

Il tallone d’Achille di Lincoln, per quanto sia una buona opera, è la sua imponenza pachidermica dal punto di vista storico-narrativo. Fatti, personaggi ed azioni sono mostrati con un dettaglio tale da essere accessibili solo ad un preparato pubblico americano; gli europei, per una mera questione di ignoranza scolastica e culturale, faticano a digerire un’opera così verbosa e minuziosa. I personaggi, magari anche importanti per il susseguirsi degli eventi, rischiano di diventare quindi un confuso e torbido miscuglio di visi senza una ben chiara connotazione su ognuno rispetto a chi sia e faccia cosa.

Per quanto riguarda The Butler è ovvio che la conoscenza della storia americana della seconda metà del Novecento è importante per la comprensione della pellicola, ma è altrettanto vero che ci si limita (aiutati dall’estensione temporale pluridecennale del film stesso) ai pochi e grandi cardini delle relative vicende storiche.
Per fare un esempio molto banale, quindi, è piuttosto improbabile che un europeo (o peggio, un italiano) conosca la composizione dei partiti repubblicano e democratico nel 1865, è più facile che sappia chi fossero le Pantere Nere.
O almeno spero.

Nonostante l’ennesimo sottotitolo italiano imbecille, che sembra il nome di una sit-com di Disney Channel con le risate registrate in sottofondo, The Butler è un buon film, che pecca sovente di eccessiva retorica (come molte pellicole americane che abbiano la politica come argomento principale) ma che riesce a dare quei due-tre affondi (non troppi, per la verità) alle coscienze che piacciono tanto al grande pubblico e all’Academy.
Sarà interessante vedere se l’onda lunga dell’amore per il Presidente Obama porterà ad un’incetta di Oscar, anche in base ovviamente a quali saranno le altre pellicole pluricandidate.
Non ti preoccupare, Leonardo, la statuetta non la vincerai neanche quest’anno. 

Forest Whitaker torna finalmente ad un’opera degna di lui dopo alcune pellicole mediocri e/o ignoranti e riprende quel fil rouge iniziato con L’ultimo re di Scozia del 2007. Intenso e dignitoso, il suo personaggio è il punto d’incontro tra macro e micro, tra Stato e famiglia (le due principali aggregazioni di persone) e offre una buona prova attoriale, risultando probabilmente la cosa migliore della pellicola.

Molto imponente il resto del cast, con David Oyelowo (già presente in Lincoln), il rocker Lenny Kravitz, l’opinion leader Oprah Winfrey, Cuba Gooding Jr. (recente comparsata in Machete Kills) e Terrence Howard. Personaggi i loro talvolta eccessivamente stereotipati ma che danno una buona visione d’insieme, quindi su alcuni cliché penso si possa soprassedere.

Molto interessante il punto di vista sui vari presidenti americani, i cui ritratti sono talvolta riusciti (il viscido Nixon di John Cusack e il totemico Reagan di Alan Rickman) altre volte meno (lo stucchevole Kennedy di James Marsden, il caricaturale Johnson di Liev Schreiber), ma che rendono complessivamente un buon contributo al film. Attraverso loro lo spettatore può entrare in un mondo ovattato, una torre d’avorio dalla cui sommità si vigila sugli eventi che accadono in un grande Paese.

Non eccelso e probabilmente sarebbe potuto riuscire meglio, ma si è visto di molto peggio.

Se vi è piaciuto potrebbero piacervi anche: Per il lato maggiordomi L’impareggiabile Godfrey (1936) e Quel che resta del giorno (1993). Per la politica americana J. Edgar (2011) e Lincoln (2012)

Tag Cloud