L'amichevole cinefilo di quartiere

Articoli con tag ‘Craig’

La truffa dei Logan

Un film di Peter Andrews e Mary Ann Bernard.

TRAMA: I fratelli Logan, Jimmy, Clyde e Mellie, vogliono fare un colpo che cambierà le loro vite: una rapina nel corso della Coca Cola 600, una grande gara automobilistica. Il loro asso nella manica è l’esperto di esplosivi Joe Bang: peccato che il buon Joe si trovi in prigione…

RECENSIONE:

Capisco che l’originale Logan Lucky non sia magari di immediata traduzione, ma fa abbastanza sorridere che ‘sti tizi commettano almeno venti reati e la truffa NON sia tecnicamente uno di questi.

Avrebbero potuto tradurlo in italiano diversamente, tipo, che so:

Il colpo dei Logan.

La fortuna dei Logan.

Gli scatenati Logan.

Logan non quello con gli artigli ma il tipo che si spogliava in Magic Mike il nipote emo di Darth Vader e la bella roscia di Mad Max no non quello con Mel Gibson quello con Charlize Theron monca.

No, eh?

Va beh.

Per la regia di Steven Soderbergh, La truffa dei Logan è un film estivo, dove l’attributo stagionale non assume connotazione negativa, ma la definizione più pura: un’opera di intrattenimento leggero e scanzonato da non prendersi eccessivamente sul serio e che risulta godibile per uno spettatore che miri ad un piacevole divertimento.

Una pellicola attraverso le cui gag improbabili ed i suoi personaggi comici si può quasi sentire l’odore dell’Autan, la gioia delle Feste della Birra, gli spritz alla Pensione Marilena di Riccione e i top inguinali indossati da ventenni sbarazzine.

Un heist movie leggero e quasi surreale nella sua poca ortodossia, tra redneck analfabeti e bombaroli periti chimici, baristi monchi e bambine Miss, ogni situazione si concatena all’altra riuscendo a strappare ben più di una risata al pubblico.

Ambientato tra il North Carolina e la West Virginia, in una specie di buco nero sociale della Land of Opportunities statunitense contemporanea (quest’ultimo stato in particolare ha la minor percentuale di laureati degli Stati Uniti, solo il 17% della popolazione adulta ha un Bachelor Degree), il background socio-economico-geografico risulta un vero e proprio personaggio: la Virginia Occidentale è afflitta da una cronica forma di marginalità economica e culturale, e non stupisce che proprio nei suoi collegi elettorali Donald Trump alle ultime elezioni abbia preso le percentuali in assoluto più alte di tutti gli Stati Uniti.

Il comparto tecnico riesce ad incanalarsi in questa direzione esaltando il contesto dell’opera, con una regia che sa sfruttare bene gli spazi, soprattutto interni, con inquadrature sapienti ed una fotografia vivace e luminosa che rende i colori accessi e vibranti.

Soderbergh si dimostra più che abile fotografo, riuscendo a non adagiarsi infatti su stilemi espositivi da videoclip a cui pellicole action hanno troppo spesso malamente abituato il pubblico, optando invece per una rappresentazione più impostata e consapevole dei soggetti nello spazio.
Niente montaggio ultraadrenalinico alla Fast & Furious, ma si riesce comunque a percepire l’impellente scorrere del tempo e le problematiche di una rapina piuttosto complessa metta in atto dai protagonisti.

In uno scenario con famiglie disastrate, carceri, risse da bar, padri che non hanno nemmeno i soldi per pagare le bollette dei cellulari e le cui figlie già a dieci anni pensano solo a partecipare a concorsi di bellezza infantile, Soderbergh decide di staccarsi da un’atmosfera da cinema “di denuncia”, non inquadrando il mondo del Sud dal punto di vista della sua miseria ma in funzione del suo riscatto, optando per una scelta cromatica accesa invece dei colori scuri da pellicola drammatica.

Protagonista è un’armata Bracalone di poveracci: non Fortunate Son(s) come cantano i Creedence Clearwater Revival dall’autoradio, che vengono presi in giro per essere stupidi, per vestirsi in modo volgare, per guidare macchine semplici e ammaccate; un film in cui però la working class non è più umiliata e arresa, ma mette le proprie capacità a servizio di un atto non ortodosso alla Robin Hood.

Cast piuttosto ricco, guidato da un Channing Tatum che sta dimostrando di possedere sotto il fisico bovino capacità attoriali piuttosto inaspettate, e che nella carriera può già vantare collaborazioni, oltre che con Soderbergh (suoi anche i due Magic Mike già menzionati), anche con Tarantino (The Hateful Eight) e i Coen (Ave, Cesare!).
Fa sempre piacere quando un interprete riesce a non farsi ingabbiare dalla propria marcata fisicità, riuscendo a porsi in gioco con una carriera maggiormente variegata.

Al suo fianco l’eclettico Adam Driver in un ruolo quasi totemico nella sua fissità espressiva post-trauma a metà strada tra un Droopy ed una Janine: simpatico e leggermente tardo ragazzone del Sud, un personaggio che nasconde parecchie complessità sotto un’apparenza bidimensionale.

Ruba ovviamente la scena un divertente e divertito Daniel Craig con parrucco alla Gazza Gascoigne: il suo Joe Bang è spesso l’acqua della vita per una pellicola che lo esalta senza però fargli soverchiare il focus narrativo sulla famiglia Logan.

Buona prova anche di Riley Keough, nipote di Elvis Presley, che riesce ad incarnare benissimo la giovane donna appariscente del Sud, in bilico tra volgarità di abbigliamento e sessualità più naturale in una West Virginia limitata e limitante.

I protagonisti probabilmente Trump lo avrebbero votato davvero (sono stati nell’Esercito, ascoltano il country di Loretta Lynn, indossano le magliette della Charlie Daniels Band): dopo tanto cinema del quale si dice a sproposito che rappresenti l’“America di Donald” quest’opera ce la mostra davvero.

Annunci

Spectre

spectre locandina itaCinematografiche.

Serenate, cinematografiche.

TRAMA: Un misterioso messaggio conduce James Bond in una missione che lo porta da Città del Messico fino a Roma. Lì scopre l’esistenza di una misteriosa organizzazione criminale radicata in tutto il globo e responsabile di numerosi crimini su larga scala, nota come SPECTRE.

RECENSIONE: L’agente segreto, che figata.

Agire sotto copertura per gli interessi del proprio Paese, silenziosi e impalpabili come fantasmi.

Come brezza marina, spostarsi di luogo in luogo senza lasciare traccia.
Quasi eterei.

Mantenere un basso profilo.

Rimanere nell’ombra.

E soprattutto mai, e dico MAI rivelare la propria vera identi…

Per la regia di Sam Mendes, Spectre è il ventiquattresimo film della serie cinematografica avente protagonista l’agente “segreto” più iconico, alcolizzato, donnaiolo ed improbabile al servizio di Sua Maestà; con un ritmo dalla velocità altalenante e un buon comparto visivo, questa pellicola costituisce la magna summa di tutto l’universo narrativo creato dalla penna di Ian Fleming.

Intrighi internazionali, automobili veloci, belle donne sempre pronte a cadere immancabilmente ai piedi del nostro eroe e fiumi di alcolici hanno reso immortale l’agente 007, e questi fattori sono tutti presenti nelle circa due ore e mezza di durata del film.

spectre inseguimento

Tale aspetto è sia il punto di forza di Spectre, presentando tutti gli elementi celebri di questa saga per la gioia degli appassionati, sia la sua pecca principale, dato che ad una regia di buona fattura unita ad efficaci effetti speciali nelle scene d’azione non si accompagna una sceneggiatura solida e brillante.

Una sgargiante carta da parati non riesce a sollevare più di tanto un edificio dalle fondamenta scricchiolanti, e Spectre palesa i suoi limiti in fase di costruzione narrativa.

La regia mostra una mano sapiente, sapendo quando e quanto mostrare delle varie città in cui si svolge l’azione (Città del Messico, Roma, Londra, Tangeri) e come utilizzare questi sfondi urbani per le vicende narrative.

Tra esplosioni, inseguimenti adrenalinici e corse contro il tempo non si ha l’impressione di assistere ad un banale tour esotico in giro per il globo alla Che fine ha fatto James Bond?, ed in particolare alcune scelte stilistiche, come il lungo piano sequenza d’apertura o gli ottimi titoli di testa, risultano godibili e funzionali.

james-bond-spectre-day-of-dead-mexico-opening-sequence

Come già accennato, però, la storia è piuttosto prevedibile, e sembra che gli autori abbiano pensato quasi esclusivamente a come presentare la nemesi di Bond piuttosto che ad imbastire una trama elaborata che potesse valorizzare le tematiche del film.

La SPECTRE (acronimo di SPecial Executive for Counter-intelligence, Terrorism, Revenge and Extortion) è l’organizzazione criminale per eccellenza del cinema, ed il suo leader, Ernst Stavro Blofeld, costituisce uno degli antagonisti più iconici della settima arte, dando ispirazione a numerosi altri villain di diversi media (il più evidente è la sua parodia comica Dottor Male nella serie Austin Powers, ma si può citare anche come esempio Artiglio de L’ispettore Gadget).

Questa organizzazione è simbolo del radicamento del Male. La piovra della SPECTRE controlla infatti attività criminali in tutto il globo, costituendo quindi il marcio della società civile condensato in un’unica fonte.
Purtroppo sarebbe stato auspicabile un uso più elaborato e complesso dell’arcinemico bondiano per eccellenza, perché la semplicità espositiva non rende giustizia ad elementi così importanti per la serie.

SPECTRE ring

Il quarantasettenne Daniel Craig torna per la quarta volta a vestire gli abiti sartoriali di Bond, a nove anni dalla prima in Casino Royale.

Attore dall’espressività piuttosto granitica e che non so perché mi ricordi Charles Bronson, non possiede il fascino da impeccabile gentiluomo rubacuori di Sean Connery (oddio, qui bisognerebbe chiedere alle fanciulle) ma non è nemmeno uno sfrenato donnaiolo gigione alla Roger Moore.

Il suo Bond è forse quello più provato e ferito psicologicamente, e il viso contratto ed impenetrabile di Craig fa trasparire la lotta perenne che egli ingaggia con i suoi demoni interiori; dare tale connotazione al personaggio non è una cattiva scelta, anzi, lo rende narrativamente tridimensionale e più profondo.

James-Bond1 spectre

Christoph Waltz è Blofeld, simbolo di tutto ciò che è malvagio in questo mondo (è leader di un’organizzazione criminale, non esita ad uccidere chi intralci i suoi piani, ha un gatto); calcolatore e machiavellico, purtroppo alcune dinamiche narrative che lo riguardano paiono forzate e non convincono.
In pellicole come questa, con l’eroe a farla da totale protagonista, è importante posizionare sull’opposto piatto della bilancia un nemico di un certo spessore, e, nonostante la bravura dell’interprete, in Spectre ciò non avviene, sempre a causa della sceneggiatura.

Non basta un persiano per fare un Blofeld.

spectre blofeld

Léa Seydoux è la classica fiamma bondiana piuttosto banale: passato più o meno tragico/complicato, fascino particolare, personalità forte e simil-indipendente ma che alla fine della fiera ha bisogno di essere salvata dall’eroe in Aston Martin.

Ruoli di contorno per Monica Bellucci, la cui dizione è ancor più raggelante di quanto ricordassi, e Bautista, solito scagnozzo enorme, manesco e silenzioso.

lea seydoux spectre

Tornano dalle opere precedenti il sempiterno Ralph Fiennes (Grand Budapest Hotel) come M, Naomie Harris nelle vesti di Moneypenny e Ben Whishaw (che intepreterà lo scrittore Herman Melville nel prossimo Heart of the Sea di Ron Howard) come giovane ed ironico Q, fonte di molti scambi comici con Bond/Craig.

In conclusione Spectre non è un brutto film nel senso stretto del termine, ma purtroppo è caratterizzato da un grosso e deleterio dislivello tra l’ottimo ambito visivo ed una sceneggiatura piuttosto scontata e povera di inventiva, che lo rende un’occasione un po’ sprecata per chiudere col botto il binomio Mendes-Craig.

Peccato.

Skyfall

J.B. is back.

TRAMA: Mentre James Bond risulta disperso, l’identità degli agenti segreti della NATO è stata resa nota. Nel momento di maggior bisogno d’aiuto Bond ricompare e viene incaricato di cercare il responsabile: il pericoloso criminale Raoul Silva.

RECENSIONE: 23° capitolo della saga dell’agente segreto al servizio di Sua Maestà, nato nel 1952 dalla penna dello scrittore inglese Ian Fleming, il terzo con protagonista Daniel Craig dopo Casino Royale (2006) e Quantum of Solace (2008). Il film festeggia degnamente le 50 candeline del personaggio, risultando un bell’ action – spy – movie con un ritorno agli elementi cardine della saga e allo stesso tempo con un’innovazione tecnologico-sociale resasi ovviamente necessaria; in questo caso gli stereotipi non sono un male, in primis perché come già detto contribuiscono a creare l’effetto “ritorno alle origini”, e poi perché grazie a Dio mancano quelli più irritanti (tipo il classico personaggio secondario afroamericano che muore a metà film): come direbbe il buon Proust è come annusare il celebre drink di Bond, un Martini secco agitato non mescolato con bicchieri ghiacciati non assiderati, preparato da un barista indonesiano, non polinesiano, con le cannucce di plastica, ma non pieghevoli, e immergersi nei ricordi. La regia di Sam Mendes (5 Oscar, tra cui miglior regia per American Beauty (1999), Era mio padre (2002)) si destreggia sia nelle sequenze d’azione, numerose ma non stancanti come è stato in alcuni casi per la saga di Mission: Impossible (l’ultimo capitolo è da evitare come la peste) sia nei dialoghi con primi piani a go-go e battute taglienti, riuscendo a mantenere al film un contegno senza abbandonarsi a inutili sbrodolate o iperboli senza senso logico. Craig (presente anche in Millennium – Uomini che odiano le donne di Fincher, Le avventure di Tintin di Spielberg e Cowboys & Aliens di un cialtrone) non ha la classe di Sean Connery e non è un allegro puttaniere alla Roger Moore, ma in una versione moderna della saga ci sta come il cacio sui maccheroni, nonostante le perplessità iniziali di critica e pubblico dopo essere stato scelto per far ripartire la serie: zompa, spara, corre, schiva, potenzia l’arma, sale di livello e arriva al checkpoint. Il suo avversario è il biondo crinito Javier Bardem (Carne tremula (1997), Mare dentro (2004), Oscar come non protagonista per Non è un paese per vecchi (2008)), avvezzo ormai alle capigliature improbabili, che nonostante la sua prima apparenza alla Enzo Paolo Turchi incarna un personaggio con tantissime sfaccettature interiori, riuscendo però a rappresentare allo stesso tempo l’icona del cattivo alla James Bond: ricco come zio Paperone, cattivo come Montero e con alle spalle un machiavellico piano a più livelli. Naomie Harris (ex sacerdotessa Tia Dalma nei capitoli 2 e 3 della saga Pirati dei Caraibi) riscatta in parte il ruolo iper maschilista della Bond girl, il cui unico scopo da decenni è farsi chiavare dalla spia, con un personaggio femminile forte e che non ha funzione di soprammobile. Judi Dench riprende il ruolo di M, capo di Bond, brevi apparizioni di Albert Finney e Ralph Fiennes, che prima si scrollerà di dosso il personaggio di Voldemort meglio sarà. Fotografia di Roger Deakins, che ha lavorato a tutti i film dei Coen, con un ottimo uso delle varie location del film, e musiche dell’esperto Thomas Newman che fanno da buon corollario all’aspetto visivo della pellicola. Adatto ad appassionati e non.

Tag Cloud