L'amichevole cinefilo di quartiere

Articoli con tag ‘Blunt’

Pillole di cinema – Il cacciatore e la regina di ghiaccio

il cacciatore e la regina di ghiaccio locandina itaThor vs Æon Flux vs Regina Vittoria.

TRAMA: La perfida strega Ravenna si serve della sua bellezza e della sua magia per impadronirsi di un regno dopo l’altro.
Sua sorella Freya, dopo un grave lutto, si stabilisce in un lontano regno addestrando un esercito…

PREGI:

– È l’ennesima prova che un film non vada giudicato esclusivamente dal cast: Charlize Theron che riportatela a scazzottarsi con Tom Hardy, Emily Blunt figlia illegittima di Saruman e Donatella Versace, Jessica Chastain prezzemola delle ultime annate, Chris Hemf… Hemt… Held… vabbé, THOR formano una compagnia briscola che, pur buona sulla carta, non riesce a sollevare le sorti di questa incorreggibile ciofeca.

Il lato positivo è che per un pubblico un po’… ehm… “distratto” avente come mantra “film = cast” può essere un’occasione di apertura oculare oltre che mentale.

E nella vita si impara di più dagli errori che dalle vittorie, come diceva Sun Tzu.

O era Liedholm?

il cacciatore e la regina di ghiaccio cast

DIFETTI:

– Let it go, let it go, la copia carbone io sarò…: Una regina maestra delle arti crio-magiche che dopo aver scoperto il proprio potere si auto-esilia lontana dalla sorella.

Dov’è che ho già sentito questa storia?

Sì, esatto, l’avete capito subito anche voi.

Quella, ovviamente.

Mister Freeze di Batman.

freeze nora arkham

– Introspection for dummies: Film dalla notevole profondità emozionale, Il cacciatore e la regina di ghiaccio è un’opera che esplica atteggiamenti psicologici complessi ed estremamente maturi, tra i quali si possono elencare “Gli uomini sono cattivi”, “L’amore è brutto”, “I sentimenti sono per deboli” e “La vendetta è l’unica via”.

Ci mancano solo “Abbasso le femmine” e “I maschi non piangono” per completare il catalogo mentale-tipo della prima elementare.

Spendere una parte dei 185 milioni di dollari del budget per assumere uno sceneggiatore che NON sia quello degli Scary Movie no?

il cacciatore e la regina di ghiaccio blunt

– Perché?: Biancaneve e il cacciatore era un film brutto.

Ma MOLTO brutto.

Aveva quindi senso girarne un sequel?

Dando a Cesare ciò che è di Cesare è vero, stiamo parlando pur sempre di una pellicola che incassò nel mondo quasi 400 milioni di dollari, ma era ancora presente l’effetto traino della twilightiana Kristen Stewart con le sue numerose espressioni (sì, tutte e due), solo 155 milioni vennero dal mercato casalingo statunitense e complessivamente l’intero cucuzzaro ne costò anche 170.

Seguito con risorse pure aumentate?

Davvero?

il cacciatore e la regina di ghiaccio scena

– Ok, genere…?: Riconosco che qui ci addentriamo in una oscura selva di pignoleria, ma… a quale genere narrativo apparterrebbe questo film?

Non è propriamente una favola, perché costituisce solo un ipotetico sequel di una di esse.

Non è una pellicola d’azione, perché in 105 minuti di durata circa le sequenze di combattimento sono solo quattro e piuttosto brevi.

Non è decisamente un romance movie, perché la storia d’amore è mal rappresentata e si ricollega al secondo difetto.

Si potrebbe considerarlo un film “fantastico”, ma questo mi aprirebbe le porte ad una troppo numerosa schiera di battute sfruttando il secondo significato di questo termine, ossia sinonimo di “molto positivo e piacevole”.

No, grazie.

Consigliato o no? No.

Davvero vi aspettate una motivazione per un’opera come questa?

Annunci

Edge of Tomorrow – Senza domani

Edge-of-Tomorrow-Senza-Domani-Poster-Italia-01-716x1024Tomorrow è un altro giorno.

TRAMA: Futuro prossimo. Nella lotta contro una razza aliena un maggiore dell’esercito si ritrova in un loop temporale che lo fa ritornare in vita ogni volta che muore. Battaglia dopo battaglia, la sua esperienza aumenta, rendendolo più abile e facendolo arrivare sempre più vicino alla vittoria…
Tratto dalla light novel All You Need Is Kill di Hiroshi Sakurazaka.

RECENSIONE:

Insert Coin

Eh?

Insert Coin

Mettere un gettone per scrivere? Ma stiamo scherzando?

Insert Coin

Va bene, ok, altrimenti da qua non ci schiodiamo…

[Ta-tlac]

Level 1 – Introduction

Fantascienza + loop temporale.

Due elementi che sommati tra loro farebbero presagire una cazzata tonante, danno qui vita invece ad un film godibile e piuttosto ben riuscito, che pur lasciandosi andare talvolta alle esagerazioni tipiche dei sci-fi/action movies non risulta troppo stucchevole o esagerato.

La pellicola, che per comodità e abitudine videoludica potrei chiamare Respawn, si basa infatti sul presupposto cardine di ogni videogioco, ossia il continuare a morire e ricominciare il “livello” al fine di migliorare le proprie abilità, capire dove sono i nemici, escogitare un modo per combatterli meglio eccetera.

edge of tomorrow

Edge of Tomorrow riesce quindi ad attirare l’attenzione del target a cui è rivolto (pubblico maschile medio-giovane) presentandogli davanti agli occhi elementi che ha imparato a conoscere durante l’infanzia e l’adolescenza, risvegliando magari vecchi ricordi e riuscendo così a farlo inserire meglio nell’ambientazione e nelle meccaniche del film.

Perciò, anche se solitamente aspettarsi qualcosa di buono dai già citati presupposti sia come aspettarsi una serata coca e mignotte andando con gli scout, il film non è poi così male.

Insert Coin

Ma perché?! Non ho perso! Ammesso poi che si possa “perdere”…

Insert Coin

Va bene, va bene…

[Ta-tlac]

Level 2 – Direction and main observations

Detto in soldoni, questo film è Ricomincio da capo in salsa spara-spara.

Basta solo togliere un insopportabile meteorologo e aggiungere un inetto maggiore.

E togliere una docile marmotta aggiungendo degli alieni assassini che somigliano alle seppie di Matrix.

Ecco, forse i due film non sono proprio così simili…

Edge-of-Tomorrow-Alpha-Mimic

La regia di Doug Liman è molto funzionale all’opera.

Le frequenti scene belliche vengono girate con un misto tra l’ampio respiro tipico delle scene di guerra classiche e i campi più ravvicinati sugli attori, in modo da far immedesimare lo spettatore in un singolo soldato.
La tecnologia del futuro prossimo ha l’aspetto “futuristico” che piace tanto al pubblico senza però inventarsi baggianate di sana pianta, e quindi è abbastanza predominante il realismo.

Il montaggio aumenta la tensione dovuta alla violenza e al costante pericolo del campo di battaglia, attraverso cambi di inquadratura e stacchi piuttosto rapidi che sfruttano la maggiore quantità dei nemici e l’incognita di capire da dove possano colpire.

Nell’opera vi sono inoltre diversi momenti comici piuttosto riusciti, legati per la maggior parte alle morti e “resurrezioni” del protagonista, che aumentano il fattore disimpegno e aiutano a staccare la mente dalla drammaticità della battaglia che si svolge nel film.

edge of

Insert Coin

Ma allora mi stai prendendo in giro!

Insert Coin

Va bene, poi basta però!

[Ta-tlac]

Level 3 – Script

La sceneggiatura.

L’aspetto da cui nascono la maggior parte degli insulti, delle battute e delle considerazioni negative nelle mie recensioni.

L’aspetto su cui mi diverto di più a parlare, e che uso per evidenziare lo strapotere, nei film hollywoodiani moderni, degli effetti speciali a discapito di tutto il resto.

Qui no.

O MEGLIO, alcune piccole cazzate ci sono, ma a parte una medio-grande presente nel segmento iniziale la pellicola scorre piuttosto liscia e senza grandi buchi o cose senza senso.

E ripeto, per essere Edge of Tomorrow basato su due espedienti puttanatiferi come la fantascienza e la modifica del tempo, tale risultato è un mezzo miracolo.

edge of tomorrow guerra

Una volta stretto il patto narrativo iniziale tutto ciò che accade sullo schermo è una sua diretta conseguenza, e i personaggi non sono eccessivamente stereotipati; c’è da dire che effettivamente la pellicola non presenta un loro grande scavo psicologico, ma piuttosto che essere pretenziosi e poi centrare un risultato miserevole, va benissimo così.

La relativamente scarsa ignoranza del film potrebbe essere un deterrente per la fascia di pubblico più “terra terra”, ma Edge of Tomorrow rimane comunque una pellicola di puro intrattenimento.

Quindi poche pippe intellettuali.

Il cinquant…

Insert Coin

STRAMALEDETTA MACCHINA MANGIASOLDI, IO TI RIBALTO!!!

Insert Coin

#*&$£%§!!!

Insert Coin

[Ta-tlac]

Final Level – Cast

Dicevo.

Il cinquantaduenne Tom Cruise, il cui obiettivo principale è dimostrare attraverso le sue pellicole che la mezza età si sta spostando (preoccupantemente) in avanti, è qui il mattatore del film.

Ringraziando tutti i santi del Paradiso che ho bestemmiato poco fa, non siamo di fronte all’inarrestabile eroe ammazzatutti alla Mission Impossible e cazzate simili.

Il personaggio di Cruise subisce una mini-evoluzione, passando da pallone gonfiato snob a vero soldato, capendo quindi la cruda importanza dello scenario bellico e ciò che comporta per il destino della sua specie.

Per curiosità, il loop temporale è un’abilità fornita da Scientology?

Emily Blunt, tanto bella e tanto brava, è qui in un ruolo stile Jodie Foster sotto testosterone. Non è il personaggio principale ma riesce ad essere un’ottima spalla, anche lei quasi sempre non scadendo in esagerazioni o elementi stucchevoli.

XXX EOT-TRL2-02139.JPG D ENT

Game Complete. Congratulations!

Ma vaff****lo!!!

1) M-A-T                              7106 pts.

2) —

3) —

4) —

5) —

Se vi è piaciuto potrebbero piacervi anche: Gli action/sci-fi movies, come Blade Runner (1982), Atto di forza (1990) e cose così; oppure il 70% della filmografia di Cruise; oppure Bill Murray in Pennsylvania; oppure il remake italiano di quest’ultimo con Albanese nelle Canarie.

Tag Cloud