L'amichevole cinefilo di quartiere

Articoli con tag ‘Baldwin’

Zona d’ombra

zona d'ombra locandinaThere’s someone in my head, but it’s not me.

TRAMA: La storia del dottor Bennet Omalu, neuropatologo nigeriano che scoprì la CTE (encefalopatia cronica traumatica, malattia degenerativa che colpisce il cervello dopo i ripetuti colpi subiti alla testa) e della sua battaglia contro la NFL (National Football League), accusandola di dare poca importanza alla salute dei giocatori.
Basato sull’articolo Game Brain del 2009, scritto da Jeanne Marie Laskas per la rivista GQ.

RECENSIONE: Scritto e diretto da Peter Landesman, Zona d’ombra (eccessivamente metaforica trasposizione del più crudo titolo originale Concussion) è un film cucinato, servito e digerito apposta per gli Oscar, a cui però non è approdato a causa di una qualità sufficiente ma non eccelsa in nessuno dei suoi elementi.

La pellicola infatti emerge subito come una storia piuttosto classica che va a ricalcare due materie tipiche al cinema a stelle e strisce: il sogno americano e le contraddizioni degli Stati Uniti.

Per il primo abbiamo un protagonista straniero in terra straniera (Omalu è nigeriano, e può lavorare sul terreno statunitense grazie ad un permesso di soggiorno) che riesce ad emergere grazie a bravura ed impegno.
Le numerose lauree e la sua mente brillante lo rendono il protagonista ideale di opere come questa, dato che il pubblico può riversare tutta la sua simpatia nei confronti di un tizio che si trova, quasi da solo, a combattere contro una potenza economica come la Lega Nazionale del Football.

zona d'ombra football

Le seconde sono diretta conseguenza del primo punto.

Gli Stati Uniti di Zona d’ombra sono una grande terra d’opportunità, e permettono a chiunque abbia delle buone capacità di raggiungere un livello soddisfacente nel proprio campo di interesse professionale; nonostante ciò si premurano anche di ostacolare in tutti i modi gli Icari che per avvicinarsi al sole vadano ad ostacolare interessi ben più grandi.

Il metaforico dito accusatore della pellicola viene dunque ad essere puntato contro il denaro ed il capitalismo yankee, che la NFL incarna in quanto leviatano in grado di muovere annualmente enormi capitali, sia economici (diritti televisivi, sponsor, costruzione e mantenimento delle strutture di gioco) che umani (bambini e famiglie che puntano sull’attività sportiva del football come veicolo di riscatto sociale).

zona d'ombra

Il problema della pellicola è che sceglie un approccio eccessivamente verboso e “parlato” piuttosto che visivo ed emozionale, nonostante i suddetti temi ben si presterebbero a quest’ultima declinazione.

Ogni sequenza viene spiegata per filo e per segno, senza offrire allo spettatore il pathos che sarebbe richiesto da una storia così classica e americana. Anche i brevi segmenti in cui si sceglie di dare spazio alle immagini (come le azioni del football viste alla televisione, lo stato di salute degli ex giocatori o alcuni passaggi medici dalla comprensione relativamente immediata) vengono corredati da specifiche spiegazioni, che se da un lato assicurano il recepimento degli input narrativi da parte anche dello spettatore più superficiale, dall’altro affossano l’opera nella mediocrità, senza consentirle guizzi di leggerezza espositiva che avrebbero sinceramente giovato ad un film di due ore secche.

zona d'ombra medici

Smith non recita male, ma la sua performance è letteralmente piagata da un accento nigeriano così marcato da risultare addirittura macchiettistico.

Ciò è una zavorra non di poco conto, essendo Concussion un biopic dalle tinte fortemente drammatiche e dai già menzionati risvolti sociali: sarebbe stato auspicabile in questo caso piegare il realismo narrativo e fornire il dottor Omalu cinematografico di un’inflessione più sfumata in virtù della salvaguardia seriosa del film.

Il resto del cast è troppo dipendente dal protagonista per essere giudicato appieno; si nota un minimo sviluppo in più per quanto riguarda la moglie, ma anch’essa non riesce ad imporsi come una spalla dotata di funzione propria.

Non un brutto film, ma non molto oltre il 6 politico.

Pillole di cinema – Mission: Impossible – Rogue Nation

mission impossible locandinaCome sempre, se tu o qualche altro lettore doveste annoiarvi o infastidirvi, il blogger negherà di essere al corrente della recensione.
Questo post si autodistruggerà entro cinque secondi.

TRAMA: L’agente Ethan Hunt si ritrova braccato dal Sindacato, un’organizzazione di assassini altamente addestrati che vogliono smantellare la IMF; con l’aiuto della sua squadra dovrà affrontarlo e distruggerlo, a qualsiasi costo.

PREGI:

Tom Cruise: Il mondo è in pericolo?

È in atto un letale balletto di spie in cui molti fanno il doppio gioco?

La sicurezza mondiale è appesa ad un filo?

Nessun problema: il nostro Super Saiyan di Scientology preferito torna a quattro anni dal precedente Protocollo fantasma per una nuova avventura a base di acrobazie improbabili, tour in giro per il globo e tanta azione scanzonata.

mission impossible cruise

Tom Cruise (che recentemente mi ha fatto scialacquare gettoni su gettoni) è ormai esperto in questo ruolo e lo interpreta sempre con molto vigore, eliminando la sensazione presente altrove del tizio senza alcuna abilità che sgomini i cattivi; essendo Mission: Impossible un concerto per violino solista, aver già visto Crociera in azione più volte contribuisce a rendere la vicenda passabile.

Perché, sì, in questa pellicola le leggi della fisica fanno la fine di Cappuccetto Rosso di fronte a una nonna dalle orecchie preoccupantemente grandi.

E, sì, facendoci attenzione si perde il conto di quante volte Hunt sarebbe realisticamente più che defunto.

mission impossible scena

Premesso che lamentarsi del poco realismo di questi film sia sensato come protestare perché Radio Maria non trasmette i Black Sabbath, considerando la totale ignoranza riguardo alla resistenza agli urti del corpo umano una componente che non possa mancare, si è visto di peggio.

Cast di supporto: Ma hai appena detto cheSì, lo so cosa ho appena detto, torna nella tua recensione.

Se si ha come protagonista il classico good guy immortale ammazza-tutti, il modo migliore per non annoiare lo spettatore è quello di circondare tale personaggio da un supporting cast caratterizzato (talvolta anche stereotipato) che possa dare al pubblico un’impressione di maggiore coralità.

Qui ciò è stato fatto:

C’è Simon Pegg come spalla comica esperta di tecnologia, utile per alleggerire i toni e protagonista della maggior parte delle gag.

C’è Jeremy Renner come “maschio beta” di Cruise, utile per spalmare gli umori delle spettatrici su due fustacchioni e che rende meglio quando non si trova in una città che sta volando mentre affronta un esercito di robot con un arco e delle frecce, visto che nulla di tutto quello ha senso.

C’è Rebecca Ferguson come bella gnocca, utile perché è una bella gnocca.

Sì, Hollywood conferma di non creare dei gran personaggi femminili, ma dato che ho già menzionato il concetto nell’ultima recensione, evito di ripetermi.

mission impossible ferguson

Solo un appunto: perché nella maggior parte dei film action bisogna far vedere una donna di spalle che si spoglia?

Perché è un bel vederAncora qua sei?

Premesso che la mia eterosessualità non mi fa disprezzare le donnine discinte, anzi, non si potrebbe per una volta costruire narrativamente un personaggio femminile sfaccettato e complesso, con un ruolo determinante ai fini della storia?

Un ruolo non basato prevalentemente sull’avvenenza, e che non abbia una funzione meramente ancillare del protagonista?

Un ruolo che poss…

mission impossible scena 2

Seh, buonanotte…

DIFETTI:

Antagonista: Mission: Impossible è una saga basata più sull’estremizzazione atletica e tecnologica che sul creare un universo narrativo che abbia come vertice un villain di spicco, per cui non mi aspetto il Dr. No, Blofeld o altri leader della SPECTRE.

Devo però ammettere che Sean Harris, per quanto interpreti un personaggio crudele, mi è sembrato un po’ carente di quel carisma che contribuisce a rendere il villain memorabile anche oltre la conclusione della pellicola.

mission impossible harris

Consigliato o no? In fin dei conti sì. Mission: Impossible è una saga di puro disimpegno, e questo quinto capitolo credo sia uno dei migliori, se non IL migliore tra i quattro seguiti.

Rock of Ages

I wanna rock!

TRAMA: Los Angeles 1987. Sherrie, una ragazza originaria dell’ Oklahoma, arriva in città in cerca di fortuna. Nel celebre locale Bourbon Room conosce e si innamora dell’aspirante rockstar Drew, mentre qualcuno in città trama per eliminare la musica rock.

RECENSIONE: Musical corale per la regia di Adam Shankman, che ritorna al musical dopo Hairspray (2007), la cui immagine di John Travolta grasso e vestito da donna ha accompagnato i miei incubi; il fatto che Shankman oltre a regista sia anche ballerino e coreografo è utile ai fini dei numeri musicali, qui curati e ben fatti, con attori principali e comparse che contribuiscono a creare delle sorte di quadri viventi ancheggianti e rockeggianti che per lo spettatore risultano carini ed entusiasmanti.

La sceneggiatura di Justin Theroux, che ha sceneggiato anche il sottovalutato Tropic Thunder (2008), è un canovaccio tipicamente da musical, cioè formato da varie tappe che mostrano l’evoluzione dei personaggi, come succede ad esempio nell’ highlander Grease (1978) o nel più recente Mamma mia (2008), il musical che ha incassato di più della storia del cinema, mica pizza e fichi: i personaggi hanno un carattere basic e lo implementano evolvendolo con le esperienze fatte all’interno della storia.
In questo caso Theroux e gli altri sceneggiatori creano una trama fluida e snella, contribuendo con battute, gag e situazioni surreali a divertire lo spettatore, che si ritrova immerso in un mondo di locali, grande musica e donnine (come minimo) allegre.

Come già detto il cast è molto nutrito e vede la presenza di Diego Boneta e Julianne Hough, giovani e freschi protagonisti con esperienze musicali, circondati da uno stuolo di personaggi secondari.
Oltre alla divertente coppia Alec Baldwin e Russell Brand, gestori del locale, spiccano un Paul Giamatti viscido e baffuto e una Malin Ackerman sexy e profonda. Menzione d’onore per Catherine Zeta-Jones, il cui ultimo film degno di tale nome è The Terminal (2004), nel ruolo della bigotta e scassapalle moglie del sindaco determinata a far chiudere il locale e scacciare la satanica musica rock da Los Angeles, e Tom Cruise, meraviglioso e divertentissimo nei panni del rocker Stacee Jaxx, alcolizzato, drogato, sessuomane, decadente e scimmia-munito (mica male). Essendo un classe ’62 dovrebbe forse iniziare a concentrarsi più su personaggi non eroici e abbatti – palazzi alla Mission Impossible ma a piccole caricature, come ha fatto in maniera più che buona in Magnolia (1999) Collateral (2004) e Tropic Thunder (2008).

Colonna sonora cantata dagli attori con (tra gli altri) Def Leppard, la cui canzone Pour some sugar on me è bene interpretata da Cruise, Pat Benatar, Poison, Twisted Sisters e Joan Jett.

Nel complesso un buon film.

Tag Cloud