L'amichevole cinefilo di quartiere

Archivio per la categoria ‘Reboot/Remake/Sequel’

Justice League

Io sono la Giustizia.

Davanti a me sono tutti uguali.

Io sono la Giustizia.

Nei giorni dispari e in quelli pari.

TRAMA: Dopo la morte di Superman, Bruce Wayne decide di formare una squadra di supereroi metaumani per difendere la Terra da una terribile minaccia imminente. Così, chiama a sé Flash, Wonder Woman, Aquaman e Cyborg.

RECENSIONE:

Io ho un problema con la Justice League.

Sarà forse la mia naturale ritrosia per i film sui supereroi?

Sarà magari il fatto che verrà considerata la copia degli Avengers marveliani, nonostante su carta sia nata nel 1960 mentre i corrispettivi di Stan Lee comparvero solo tre anni dopo?

Mmmh, no.

Il mio problema è The Pro.

Per chi non la conoscesse, The Pro è una storia a fumetti scritta nel 2002 da Garth Ennis (creatore anche di Preacher); la trama verte su una prostituta di strada che riceve dei superpoteri, venendo poi reclutata nella celeberrima Lega dell’Onore e trovandosi ad affrontare dei villain sopra le righe.

Il tono del fumetto è di presa in giro dissacrante nei confronti dei tipici crismi dei supereroi americani classici: Superman/The Saint è un bonaccione ingenuo, Lanterna Verde John Stewart/The Lime è lo stereotipo del nero sacrificabile, Batman e Robin/The Knight e The Squire hanno una velata relazione in stile “antichi greci” e così via.

Il tutto ironizzando anche su come una persona comune con comuni difetti (una ragazza madre egoista, annoiata, cinica, sboccata…) possa comportarsi se investita di enormi responsabilità non volute.

Avendo letto questa storia (che vi consiglio, se amate le trame sopra le righe), quando si parla di Justice League non penso all’onore, al coraggio e alla sete di giustizia che i suoi componenti permeano.

Penso ad una zoccola che pratica del sesso orale a Superman.

Chiudendo questa colorita parentesi, Justice League è né più né meno un gigantesco fumettone trasposto da carta a schermo.

Come Spectre di Sam Mendes era un po’ la summa di ogni elemento tipico della cinematografia su James Bond, questa pellicola racchiude in sé ogni fattore relativo al genere supereroistico di appartenenza: la conseguenza è che lo spettatore potrà apprezzarlo moltissimo quanto detestarlo con la medesima forza, in base al suo soggettivo apprezzamento non verso l’opera specifica, ma verso il settore artistico generico.

Come giudicarla, quindi?

Beh, sono partito da The Pro, quindi continuiamo su questa via.

Ossia con i PRO.

Justice League riesce a fornire un buon intrattenimento senza risultare troppo di grana grossa; punto focale per un blockbuster, l’azione è chiassosa ma ben gestita, non apparendo ridondante per gli standard e coreograficamente efficace nella sua esecuzione pratica.
Lo spirito di gruppo si mantiene evidente visivamente nel modo in cui i protagonisti affrontano l’antagonista, in modo da trasmettere bene allo spettatore l’idea di coesione alla base del film.
Di ottima fattura in particolare le scene ambientate a Themyscira, patria delle Amazzoni e teatro di una sequenza dal notevole impatto adrenalinico.

Ben Affleck e Gal Gadot si confermano adatti nei rispettivi ruoli, dando corpo ad un Bruce Wayne maturo ed attento e ad una Diana Prince generosa e fiera; alle new entries viene fornito un background narrativo che, pur scarno, non li rende dei cartonato bidimensionali, ma contribuisce a disseminare elementi che possano essere riconosciuti dai fan e che chiariscano il personaggio anche ai neofiti.

Particolare menzione anche per la sequenza dei titoli di testa, la cui impostazione ricorda quella di Watchmen, sempre con Zack Snyder regista, e con l’ottimo connubio audiovisivo grazie a Everybody Knows di Leonard Cohen interpretata dalla svedese Sigrid.
Non la solita esagerazione di simboli fallici e qualche inquadratura inutile di troppo alle terga di Gal Gadot, ma direi che si possa soprassedere.

Apprezzabili anche i piccoli riferimenti a personaggi non presenti nel film, che contribuiscono ad alimentare l’idea di universo narrativo donando ampio respiro a trama ed ambientazione.

Ora le NOTE DOLENTI.

Prima di tutto la trama è la solita menata già vista e stravista: oh mio Dio, stanno arrivando gli alieni da un altro mondo, c’è un cattivone uber-super che è dalla notte dei tempi vuole distruggere tutto, uniamo le forze per sconfiggerlo.

Tipo Space Jam, ma senza rubare il talento a Charles Barkley.

Devi affrontare un gruppo di supereroi? Obbligatorio l’elmo cornuto.

Il compito narrativo di alcuni personaggi nell’economia della storia è inoltre piuttosto basilare, e mi riferisco in particolare a Flash ed Aquaman.

Se il primo è un comic relief troppo estremizzato (pur non arrivando comunque ai livelli prescolari della Marvel, anche se non ci manca molto), il secondo ha subito un restyling avente come unico target quello di non farlo più essere l’eroe della comunità LGBT, ma rendendolo virile e figaccione.

Mi rendo conto che Jason Momoa sarebbe carismatico anche se recitasse Riccioli d’oro e i tre orsi nella parte della protagonista, ma su look e caratterizzazione psicologica è stata veramente calcata la mano, facendolo risultare stereotipato nel senso opposto.

Cioè è paradossalmente troppo figo per non stonare.

Ariel me la ricordavo diversa.

Sul lato tecnico, pur non esagerando nella slow motion tipicamente snyderiana, si assiste ad una CGI di un pataccame unico; come il pendolo di Schopenhauer oscilla tra dolore e noia, il green screen di Justice League oscilla tra il mediocre ed il raccapricciante, con fondali verosimili quanto cartoline pastello e sequenze acquatiche ahimè malfatte e banalmente sfruttate.

Si registra anche qui il momento-puttanata tipico delle precedenti opere DC, la sequenza cioè in cui al momento della scrittura agli sceneggiatori si chiude una vena del cervello.

Se ne L’uomo d’acciaio era Jonathan Kent trasportato nel meraviglioso mondo di Oz, in Batman v Superman era il Martha-time, in Wonder Woman il combattimento finale e in Suicide Squad l’intero film, qui abbiamo una idiozia che non posso spoilerare, ma che, pur essendo necessaria per il plot ha una modalità di svolgimento che mi ha fatto accapponare i capelli.

Senza rovinarvi la sorpresa (tutti dobbiamo soffrire), mi limito a dire che è un passaggio fondamentale per la trama e nella pellicola viene esposto in riferimento ad un celebre romanzo di Stephen King.

Chi lo ha già visto ha capito.

Tirando le somme, quale può essere il giudizio complessivo?

Beh, personalmente credo che pregi e difetti si elidano a vicenda, risultando in una giusta sufficienza finale per questo quinto episodio dell’universo DC.

Non eccezionale ma nemmeno così disprezzabile, considerando anche l’Orrore da Kurtz nella giungla di tre degli altri quattro film.

Fit iustitia.

Annunci

Thor: Ragnarok

Ragnarǫk: nella mitologia norrena, la battaglia finale tra le potenze della luce e dell’ordine e quelle delle tenebre e del caos, in seguito alla quale l’intero mondo verrà distrutto e quindi rigenerato.

TRAMA: La Dea della Morte, Hela, ha un potere tale da ridurre in frantumi il mitico martello di Thor. L’eroe asgardiano, con l’aiuto di vecchi e nuovi amici, tenterà il tutto per tutto per fermarla.

RECENSIONE: “Recensione” è, in fin dei conti, un modo chic di definire un insieme di opinioni più o meno personali e di considerazioni oggettive relative a qualcosa.

Personalmente quando scrivo cerco di impostare il mio pensiero in modo che sia sì il più chiare possibili, ma al contempo legato ad un procedimento esplicativo tecnico, in modo da parlare di cinema in linguaggio cinematografico.

Ovviamente non è detto che io ci riesca, però ci provo.

Mi dispiace, quindi, che la frase seguente non vada propriamente a trasporre un eloquio cinematografico precipuo, ma non trovo diverso modo per esprimere il mio giudizio nei riguardi di questo film.

Thor: Ragnarok è una puttanata col fischio.

Tanto colorato e vivace nella forma quanto borioso e approssimativo nella sostanza, il terzo episodio incentrato sul dio del Tuono della Marvel è un’opera raffazzonata ed infantile, pregna di un’ironia fin troppo basilare e che non riesce ad impostare una direzione narrativa stabile.

In un’atmosfera colorata, fracassona ed ultrapop, che pur mal sposandosi con la solennità dei personaggi asgardiani potrebbe essere apprezzata in chiave Marvel (ovviamente non così esagerata e applicata ad altri contesti, stile Guardiani della Galassia), si muovono personaggi con uno spessore narrativo paragonabile al domopak.

Quella che d’ora in poi verrà qui definita piuttosto coraggiosamente “sceneggiatura”, scritta tra un sorso di pejote e l’altro da ben sei (SEI) mani è infatti, ahinoi, un’accozzaglia di stereotipi, insulsaggini, facezie e dialoghi da fase peri-anale simpatici quanto un felino domestico avvinghiato alle gonadi.
Ciò rende il film un’opera errabonda, che si trascina fiaccamente senza un target preciso, non sapendo scegliere tra l’azione, la comica, il buddy movie o il supereroismo puro.

Oltre a ricordare una sbiadita copia del già citato GotG, uno dei difetti più imperdonabili di questo aborto su pellicola è di utilizzare una profusione di spunti ironici fuori contesto ed improvvisi (una sorta di jumpscares comici), che oltre ad essere di un’idiozia piuttosto imbarazzante contribuiscono a spezzare terribilmente il già esiguo ritmo del film.

Chiamateli jumplaughsjumpgags o come vi piaccia, un espediente imbecille anche con un altro nome conserva sempre la sua idiozia; tale scelta fa da traino ad un montaggio eccessivamente tranchant anche per gli standard di un comic movie, disorientando fastidiosamente lo spettatore invece di entusiasmarlo.

Tra un Grandmaster versione Mika goes full gay, cazzottoni, Hemsworth tanto per cambiare in topless ed una colonna sonora che stupra due gran canzoni come Immigrant Song dei Led Zeppelin e Pure Imagination di Gene Wilder (la scena che rimanda a Willy Wonka e la fabbrica di cioccolato è da persone senza una dignità), il film orbita ben lontano dalla stella del buongusto, mettendo troppa carne sul fuoco e, ciliegina sulla torta, sminchiando in maniera siderale le varie sottotrame presenti, che diventano meno che abbozzi da due linee di dialogo e via.

Spiace particolarmente il trattamento riservato a Banner ed Hulk, con il primo la cui introspezione psicologica viene totalmente abbandonata, rendendolo ormai palesemente inutile ai fini dell’universo fumettistico (è ormai il Tony Stark del discount, ed un piccolo risvolto della trama lo afferma involontariamente), mentre il secondo ha il concept di inarrestabile colosso verde “arricchito” con quello di bambinone quattrenne oggetto di alcune scene di rara pateticità.

Rendere Hemsworth ed il suo compare di turno (Ruffalo o Hiddleston) come Abbott e Costello è deprimente, considerando anche la ripetitiva stupidità fattuale del plot principale:

Thor è potente e sicuro di sè, poi perde Asgard e lotta per ritrovarla.

Bella sequenza di eventi, se non fosse che è la STESSA trama del primo episodio.

Praticamente Il risveglio della Forza versione Marvel.

Capitolo Loki: apprezzo Tom Hiddleston come attore sia in generale che nello specifico del ruolo, ma la Marvel sta gestendo da cani un buon personaggio.

Un conto è raffigurare una personalità profondamente ambigua tra Bene e Male con in più la caratterizzazione manzoniana del vaso di terracotta costretto a viaggiare in compagnia di molti vasi di ferro, un conto è spiattellare un trickster senza arte né parte che cambia bandiera sei volte a film tanto repentinamente da perdersi in se stesso.

– “Io recito più sopra le righe di te.”
– “No, IO recito più sopra le righe di te!”

Cate Banchett nei panni della dea Hela, il cui nome ricorda una celebre marca di budini, va ad infilarsi in una categoria attoriale che personalmente adoro: i grandi interpreti che pur immersi in cagate equine invereconde, si impegnano seriamente come stessero recitando in un film vero.

Vai, Cate, pensa al cachet.

Completano il cast una valchiria ubriacona di cui si sentiva la mancanza come di un dolcevita a ferragosto, una sfilza di comprimari che paiono appena usciti da Kung Fu Panda ed un Jeff Goldblum che evidentemente era così preoccupato di poterlo fare che non ha pensato se lo doveva fare.

Benedict Cumberbatch ritorna come Dottor Strange in una sequenza talmente messa a caso che è quasi riuscita a farmi dimenticare la bontà del suo film, mentre Sir Anthony Hopkins veste di nuovo i panni di Odino perché la demenza senile è una brutta bestia.

Spicca l’assenza di Natalie Portman, che dopo due giri di giostra ne aveva evidentemente piene le balle di ‘ste cazzate.

Beata lei.

Evitatelo come i monatti.

Blade Runner 2049

I’ve seen things.

TRAMA:
Los Angeles, 2049. Un agente della polizia cittadina, K, fa una scoperta che rischia di gettare nel caos totale quello che resta di una società ormai in rovina. Tale disvelamento lo porta sulle tracce di un ex-cacciatore di replicanti, Rick Deckard, scomparso dalla circolazione da circa 30 anni.

RECENSIONE:

Per la regia del canadese Denis Villeneuve, ancora operante nel genere fantascientifico dopo il più che buon Arrival della scorsa annata, Blade Runner 2049 è un ottimo film che riesce a non sfigurare al cospetto di uno dei più grandi cult della cinematografia moderna, superando così a pieni voti la prova del salto nel buio dovuta appunto al mettere le mani su una pellicola tanto importante.

Pellicola basata sensorialmente sulla vista, con l’occhio che diventa portale di scambio di informazioni a doppio senso, Blade Runner 2049 riesce a sfruttare questo tema anche per quanto concerne l’elemento scenico, andando a creare sequenze che fondono ottimamente elementi filosofico-politici di per sé astratti con una loro efficace rappresentazione visiva.

Attraverso gli occhi vengono innanzitutto identificati i replicanti, tanto a causa del posizionamento del loro numero identificativo quanto tramite il test di Voight-Kampff del primo capitolo; il veicolo sensoriale maggiormente usato per relazionarsi al mondo che ci circonda, in una società basata sulla sempre più galoppante digitalizzazione (internet, media, pubblicità…) nell’universo di Blade Runner è Lettera Scarlatta della propria natura, umana o artificiale che sia, indirizzando quindi il proprio destino verso un orizzonte di prospera autonomia o di preda cacciata dalla comunità stessa.

Fotografia che fa giustamente la voce grossa, con un uso del colore quasi pittorico nel suo sfruttare la stessa pigmentazione di base declinata però in molteplici quantità di toni differenti riuscendo a creare delle inquadrature tanto virtuose quanto eleganti.
L’arancione, il blu, il verde, il bianco si scompongono in moltissime variazioni di loro stessi creando inquadrature suggestive e sensazionalmente vivide. Ogni scena pare un affresco, risultando tanto granitica nella disposizione spaziale degli elementi, spesso statici e talvolta rigidamente mastodontici, quanto fluida e liquida grazie ad un colore cangiante e ad una luce che accompagna a braccetto i corpi con l’efficacia di rotaie parallele.

Importantissima tematica del film è ovviamente il rapporto tra uomini e macchine, che non sono però divisi mediante una separazione duale manichea, ma si ha la presenza di un avanzamento tecnologico su vari substrati.
Oltre ai replicanti veri e propri, distinti in base a modelli di serie in un’ottica paragonabile agli attuali telefoni cellulari, abbiamo infatti macchinari di vario tipo, ologrammi e figure che si avvicinano chi più chi meno alla “qualifica” di essere umano.

Come nella Creazione di Michelangelo, in cui le dita di Adamo e Dio sono vicinissime senza tuttavia toccarsi, così lo spazio di manovra e distinguo tra replicanti e nati umani si assottiglia sempre più, creando interessanti questioni etiche e narrative.

Tra le creazioni artificiali vi sono coloro che anelano profondamente essere considerate umane, mentre sull’altro fronte alcuni umani hanno la funzione di mantenere intatto il muro tra i due mondi; echi sottilmente (ma nemmeno tanto) politici e classisti in cui considerando, come già detto, l’enorme quantità di variabili presenti in “vita”, vengono a crearsi numerose zone grigie tra una fazione e l’altra.

Ryan Gosling sfrutta la recitazione misurata e tra le righe che lo caratterizza attorialmente offrendo un’interpretazione totemica che ben si confà al personaggio.

Serio, conciso e diretto all’obiettivo, il K di Gosling è un individuo lavorativamente senza fronzoli che nasconde però una complessità che si manifesta in modo evidente con il prosieguo della trama.
Un elemento di scompiglio in un mondo sull’orlo di una crisi devastante, che entrerà in contatto con esseri dell’uno e dell’altro schieramento nel corso di un’indagine assai complessa e dalle particolari conseguenze morali.

Jared Leto come imprenditore-santone cieco (anche qui ritorna il tema dell’occhio) il quale sopperisce alla mancanza sensoriale grazie ad una “vista” assai lunga sul futuro che gli consenta di cambiare società ed economia stesse.

Era necessario produrre questo sequel?

No.

Sono personalmente favorevole a Capitoli 2 a distanza di decenni?

Men che meno.

Ma devo ammettere che Blade Runner 2049 mi abbia colpito molto positivamente.

 

P. S. Per meglio comprendere la trama di Blade Runner 2049 si consiglia, oltre ovviamente alla visione del primo capitolo, anche di recuperare i tre cortometraggi rilasciati dalla Warner prima dell’uscita del film, e che fungono a collegamento tra gli eventi presentati nelle due pellicole.

Spider-Man: Homecoming

A forza di reboot, mi sarei aspettato zio Ben interpretato da Tobey Maguire.

TRAMA: Dopo il suo incontro con gli Avengers, Spider-Man/Peter Parker è tornato a New York e sotto la guida del suo nuovo mentore, il miliardario Tony Stark, tenta di trovare un equilibrio tra i suoi impegni di supereroe e la vita di un normale adolescente.

RECENSIONE: Tornate a casa dopo una giornata di lavoro.

Siete fuori da dieci-dodici ore ed avete addosso una stanchezza da mettere K.O. un alce.

Entrate. Vi togliete le scarpe. Vi sistemate.

E bevete un bicchiere d’acqua fresca.

Vi svolta la giornata? Vi ristora tutto di un colpo dalla vostra fatica? Vi sentite persone nuove e rinvigorite?

No.

Però è piacevole e vi dà sollievo.

Spider-Man: Homecoming è un bicchiere d’acqua fresca.

Non è un capolavoro. Ha dei difetti. Il rapporto con la fonte artistica originaria è talvolta piuttosto “conflittuale”.

Ma è un film carino.

E tanto basta.

Il tanto discusso ringiovanimento di Peter Parker fa sì che ad un personaggio immediatamente apprezzabile dal pubblico (il bravo ragazzo sfigatello dal cuore d’oro che salva la gente sotto mentite spoglie) si aggiunga il grande tema del cambiamento adolescenziale.

Niente inizio classico con la morte di zio Ben e grandi responsabilità derivanti da grandi poteri, ma un giovane uomo in divenire che cerca di trovare il proprio posto del mondo mettendo a disposizione le proprie capacità in favore del prossimo; compiendo errori, agendo con avventatezza, facendo “pratica” con le sue stesse potenzialità e non valutando talvolta appieno le conseguenze delle proprie azioni, ma sempre con il Bene come obiettivo.

La pellicola riesce a cavalcare questi temi con metodo, alternando ordinatamente le diverse fasi narrative mantenendo un giusto equilibrio.
Sequenze scolastiche in cui Peter attraversa esperienze comuni per un ragazzo della sua età (la cotta, i bulli, le materie, il rapporto con il migliore amico) si susseguono a quelle più tradizionalmente supereroistiche (scoperta delle potenzialità del costume, combattimenti, salvataggio delle persone) riuscendo a centrare il bersaglio su entrambe, non stancando troppo lo spettatore affossandosi su una di esse ma dando loro la giusta consistenza nello storytelling.

Nonostante, come già accennato, vengano bypassate le origini del personaggio, in Homecoming il superhero movie viene a fondersi efficacemente con il viaggio di formazione, mostrando quindi lo sbocciare, attraverso esperienze brillanti e negative, dell’uomo quanto dell’eroe.

Passando ad elementi più classici, l’azione è adrenalinica ed efficace, sfruttando tutte e tre le dimensioni dello spazio grazie alle peculiari abilità di eroe ed antagonista: vengono perciò a crearsi duelli aerei ben orchestrati da regia e montaggio, che riescono a rendere l’altezza parte integrante degli scontri.

Una fotografia colorata e vivida contribuisce inoltre alla piacevolezza dell’opera, e dato che, ovviamente, in questa tipologia di pellicole l’occhio vuole la sua parte il risultato generale è in tal senso più che accettabile.

L’ironia tipica della Marvel è presente, seppur in quantità positivamente minore e più focalizzata sull’imbranato/scanzonato protagonista che sul farcire la pellicola di vagonate di battutine più o meno sceme; si ride perciò meno ma si (sor)ride meglio, con gag e momenti brillanti maggiormente omogenei e che causano reazioni molto meno sguaiati rispetto ad opere precedenti.

Forse un po’ troppo abusato da Hollywood il ruolo piuttosto sterile del “ciccione buontempone” qui incarnato dal Ned di Jacob Batalon, ma come spalla ilare tutto sommato ci può anche stare.

I difetti del film risiedono principalmente nei cambiamenti che esso ha portato rispetto alla visione ultra-classica dell’universo narrativo dell’Uomo Ragno.

Capisco che ringiovanendo il protagonista anche la carta d’identità di zia May ne guadagni, ma la cinquantatreenne Marisa Tomei, pur in versione ingenua e protettiva, è forse troppo giovanile per il ruolo, elemento accennato inoltre dal fatto che raramente venga chiamata con il suo ruolo di parentela, ma molto spesso semplicemente per nome.
Stona inoltre il Flash Thompson guatemalteco interpretato dal remissivo Zero di Grand Budapest Hotel Tony Revolori, presenza più stupida che intimidatoria quale dovrebbe essere.

Buona prova per Michael Keaton nei panni di Adrian “Avvoltoio” Toomes, ben doppiato da Luca Biagini.
L’attore della Pennsylvania, già “animale volante” nei due Batman di Burton e nel meraviglioso Birdman di Iñárritu, riesce a conferire una buona rappresentazione di uno dei cattivi più sfigati ed inutili minori dello spara-ragnatele senza risultare macchiettistico o banale.

Spider-Man: Homecoming è in conclusione un buon film, che permette a Peter Parker di ritornare alla casa madre dopo il pessimo secondo Amazing; scommessa fin qui vinta, per una pellicola che delle sei finora dedicate al personaggio si pone qualitativamente sotto solo al secondo film di Raimi.

Carino lo stile registico dell’inizio, così come la sequenza dei titoli di coda.

La mummia (2017)

Aridatece Boris Karloff.

TRAMA: Un gruppo di archeologi e militari inviato nel deserto nordafricano profana una tomba millenaria, risvegliando la creatura sepolta al suo interno, la Principessa Ahmanet. Il suo nome è collegato alla dea Caos: destinata a guidare l’Egitto, la giovane reggente venne accecata da poteri oscuri. Tornata in vita, Ahmanet intende servirsi di uno dei membri della spedizione per riacquistare i suoi poteri.

TRAMA – QUELLA VERA:

– Per il cosiddetto “Dark Universe”, un’idea che non meritiamo né di cui abbiamo bisogno che riunirà tutti i mostri classici attraverso questo ed altri film, è stato creato un logo che riprende in maniera pedissequa quello della Universal, casa di produzione di tali pellicole.
Com’è che si dice in arabo “fantasia portami via”?

– Il logo successivo è quello della Perfect World, ossia uno in cui questo film non esiste.

– La morte è una nuova vita, la morte è un passaggio, i neri hanno il ritmo nel sangue, Venezia è bella ma non ci vivrei.

– “Inghilterra – 1127”, minuto 1 ed abbiamo già un’accoppiata continente-periodo storico alla cazzo di cane, ottimo!

– “Inghilterra – Oggi”: vedi sopra.

– Gli scavi per la costruzione di una nuova metropolitana a Londra vengono interrotti a causa della scoperta di una tomba.
Indiana Jones 5 – La vendetta della Metro C.

– Niente conferisce gravità drammatica ad una scena quanto Russell Crowe con il fisico del Mago Oronzo che blatera una fila di puttanate sul rapporto tra passato e presente.

– Interminabile spiegone di Luca Ward sulla principessa egiziana.
OVVIAMENTE bellissima, OVVIAMENTE scaltra, OVVIAMENTE spietata, lo prende OVVIAMENTE in quel posto a causa della successione agnatica:
Sei figlio di un sovrano? Meglio avere un pene.

– Cliché del patto con un demone/mostro/entità maligna che rende a sua volta dei mostri.

– Cliché del demone/mostro/entità maligna che ha bisogno di un mortale come veicolo per portare morte e distruzione sul mondo.

– Sofia Boutella in versione cosplay di Frodo post-Shelob.

– Hai un demone di cui ti vuoi liberare? Ficcalo nelle profondità della terra.
Tipo le scorie nucleari.

– “Iraq”. Già più vicino, ma ancora continente sbagliato.

– Tom Cruise vestito come un Jawa prima taglia la borraccia d’acqua al suo amico, poi lo ficca in uno scontro a fuoco tra i vicoli del villaggio di vattelapesca. Lo avvisa inoltre di una granata DOPO averla lanciata, si incazza con lui per aver chiesto un attacco aereo di copertura e lo illude di star pensando ad un piano per poi uscirsene con “sto pensando che forse moriamo”.
IL NOSTRO EROE, SIGNORE E SIGNORI.

– Furto, sciacallaggio, ricettazione… porca puttana, persino Jack Sparrow ha più dignità di ‘sto tizio!

– Aridatece Brendan Fraser.

– Non sono un raffinato egittologo, ma che tale popolo considerasse il mercurio un deterrente contro gli spiriti maligni tanto da farcirci le tombe mi sa, così ad orecchio, di poderosa cazzatona.
Attendo umilmente eventuali smentite.

– Due lampade di merda e la tomba egizia è illuminata come San Siro la sera del derby.

– Cliché del “subire la cosa X è un destino peggiore della morte”.

– Tom Cruise arrapato da una tizia vecchia cinquemila anni. Se esiste una categoria pornografica al riguardo, preferisco non saperlo.

– Tantissimi uccelli sono attratti dalla mummia. Capisco che Sofia Boutella sia una bella ragazza, ma così mi pare esagerato.

– L’amico di Cruise dopo essere stato morso da un ragno presenta febbre, deliri e colorito terreo.
Tipo me durante la visione del film.

– Credevo che la scena in cui l’aereo di ‘sti quattro cialtroni viene abbattuto dallo stormo di corvi sembrasse girata male e montata peggio a causa della restrizione del trailer.
Invece no, è proprio fatta coi piedi.

– Altro spiegone sulla trama, a ‘sto punto mi compravo l’audiolibro.

– “Penso che abbiamo fatto adirare gli dei”. Realizzando questo film poco ma sicuro.

– Cruise ha visioni del suo amico morto tipo la versione discount di Un lupo mannaro americano a Londra. 
Non male, soprattutto considerando che quella era una pellicola con venature comico-grottesche mentre questa dovrebbe essere drammatica.

– “Tu sei maledetto”. Vedi cosa succede ad abbracciare Scientology?

– Uno dei difetti principali di questa ignobile pila di letame fumante è di essere piena di momenti pseudo-comici troppo imbecilli per essere divertenti e troppo mal fatti per sembrare intenzionali.
Quando a metà della sua durata il film non ha ancora deciso il proprio tono è abbastanza preoccupante.

– Aridatece Arnold Vosloo.

– Cliché della fanciulla pesante 50 chili vestita invernale che resiste tranquillamente ad una lunghissima serie di urti in grado di sbriciolare le ossa a un’alce.

– Cliché dell’antagonista che raggiunge i protagonisti distanti chilometri semplicemente camminando.

– Questo film ha la stessa fisica dei Looney Tunes.

– Spiegone di Russell Crowe che BASTA, PER CARITÀ DI DIO.

– Adoro come gli sceneggiatori di questa fiera dell’idiozia chiamino un personaggio “DOTTOR HENRY JEKYLL” e si comportino come se gli spettatori non conoscessero UNO DEI PERSONAGGI PIÙ FAMOSI NELLA STORIA DELLA LETTERATURA.

– Benvenuti nel Prodigium, un luogo dal nome latino perché siamo dei poveri ignoranti convinti che un appellativo nella lingua morta per eccellenza renda intelligente ciò che non lo sarebbe nemmeno in un remoto universo alternativo.

– “Il nostro lavoro è distruggere il Male”. È appena uscito Transformers 5, se vi interessa.

– Al prossimo ennesimo flashback della stessa solita scena vomito.

– Dopo il lottatore di wrestling di Van Helsing, l’incrocio tra Quasimodo ed André The Giant de La leggenda degli uomini straordinari, John Malkovich in Mary Reilly e il disgraziato scienziato di Mary Shelley’s Frankenhole, sono curioso di vedere come avranno reso qui il temibile Edward Hyde.

Il temibile Edward Hyde è Russell Crowe con pupille e pelle di colore diverso.

Ottimo.

– Qualcuno informi Hollywood che i vetri rotti sono molto taglienti, non hanno la consistenza vaporosa dello zucchero a velo.

– Cliché di Tom Cruise che corre.

– Signore e signori, hanno osato farlo: DEUS EX MACHINA DEL MORTO.
Siete senza vergogna.

– Proteggersi chiudendo una porta funziona con gli alieni di Signs, non con un’entità malefica millenaria.
Essere più furbi di Shyamalan non vi rende comunque un film migliore.

– Cliché della capacità di respirazione sott’acqua sovrumana.

– Cruise che ammazza la gente baciandola tipo Poison Ivy.

– Cruise che resuscita la gente urlando “Svegliaaaaa1!1!1!” tipo i complottisti su internet.

– Ennesimo sproloquio para-filosofico sul bene, sul male e sulla sete di soldi a Hollywood.

Che filmaccio imbarazzante.

Wonder Woman

Saffo sofferente!

TRAMA: Diana di Themyscira, principessa delle Amazzoni, è cresciuta amata dalla madre Hippolyta e dal suo popolo su un’isola lontana dalla civiltà. Quando l’umano Steve Trevor compie un atterraggio di fortuna su Themyscira, fa scoprire a Diana l’esistenza di una terribile guerra mondiale che sta sconvolgendo il mondo.
Convinta di essere in grado di fermare il conflitto, Diana lascia per la prima volta la sua casa, pronta a riportare la pace.

RECENSIONE: “Diana Prince”, chi era costei?
La cosiddetta “Wonder Woman” è un personaggio nato nel 1941 dalla mente di William Moulton Marston, ed è una guerriera amazzone caratterizzata da un paio di bracciali indistruttibili, un lazo che obbliga chi vi viene intrappolato a dire la verità, un gonnellino inguinale ed un aeroplano invisibile.

Sì, i fumettisti negli anni Quaranta si drogavano a bestia.

Tutte queste caratteristiche rendono la Donna Meraviglia il personaggio più irrealistico della Triade DC; bene ma non benissimo, visto che gli altri due sono un alieno petrofobico che porta le mutande sopra le braghe ed un miliardario traumatizzato che esce di notte per picchiare a sangue i cattivi vestito da chirottero.

Diretto dalla Patty Jenkins di Monster, Wonder Woman è un buon film che riesce ad imbastire una origin story a tratti piuttosto convenzionale, ma non trascurata nelle sue componenti.

Ad una parte iniziale comprensibilmente piuttosto lenta e noiosa (pecca non rara in questa tipologia di pellicole, dato che bisogna introdurre un sacco di elementi non dando per scontato che lo spettatore già li conosca), seguono due successivi terzi più agili e in cui meglio si sfrutta il personaggio sia sul lato introspettivo, con un maggiore sviluppo caratteriale, che combattivo, con un maggiore uso del menare le mani.

Ma non è questo il pregio principale del film.
Poi ci arriviamo, ve lo dico dopo.

La regia e la fotografia non sono disprezzabili, riuscendo a dare aria visivamente all’opera per quanto si possano notare talvolta dei fondali un po’ finti e pataccosi (specie in una breve sequenza iniziale con Diana bambina, quasi a livelli dei fondali a scorrimento di Superman del 1978) a causa dell’ovvio e spropositato uso del green screen.

Lo stesso corpo di Diana pare talvolta un po’ troppo “rimbalzoso”: grazie a Dio non si raggiungono i livelli di infamia del famigerato Hulk di Ang Lee in cui l’alter ego di Bruce Banner pareva un’enorme pallina da ping pong verde, ma avrei personalmente preferito una resa della fisicità più… ehm… “fisica”.

Nonostante ciò credo che il film abbia un ottimo pregio.

Dopo ve lo dico.

La sceneggiatura come già accennato è piuttosto ortodossa e convenzionale.

L’eroina scopre il mondo fuori dalla sua oasi felice, arriva in un luogo in cui deve imparare a vivere da “persona normale” adattandosi a quelle che per noi sono convenzioni mentre per lei forzature, dimostra di avere una marcia in più rispetto agli altri e poi giù un sacco di eroiche legnate.

A parte dei dialoghi piuttosto banali ed esageratamente manichei (il combattimento finale pare Dragon Ball), la scrittura del film non risulta fastidiosa o scemotta come in altri comic movies, ed il pubblico sentitamente ringrazia.

Ma il vero pregio del film è un altro, poi ci arriviamo.

Gal Gadot non mi aveva impressionato (per usare un eufemismo) con il suo cameo allungato in Batman v Superman, (probabilmente non riesco ad apprezzarla perché mia madre non si chiama Ippolita), ma avendo qui due ore abbondanti di film dedicati a lei devo dire che la mia opinione sia parzialmente cambiata.

Continuo a sostenere che le sue doti recitative possano essere ampiamente migliorabili, e la sua personificazione di Wonder Woman in alcune sequenze appare più un cosplay non particolarmente brillante che una vera e propria incarnazione, però nel complesso risulta sufficientemente credibile negli striminziti panni di un personaggio che di credibile non ha quasi un tubo.

Sul supporting cast poco da dire.

Chris Pine, che di raffa o di raffa gli fanno sempre guidare una motocicletta, non sfigura come soldatino motivato, regalando inoltre alcune espressioni impagabili quando la modella israeliana gli fa lo spiegone su amazzoni, divinità e altre per lui assurdità varie.

Le uniche due guerriere che spiccano oltre la protagonista solo l’Ippolita di Connie Nielsen e l’Antiope di Robin Wright, ma entrambe hanno troppo poco spazio su schermo per essere sviluppate.
Discorso simile per i compari di Pine (tra cui l’Ewen Bremner di Trainspotting) e per Danny Huston, ancora una volta militare cattivone dopo quella volta in cui ha imprigionato Wolverine e creato il Deadpool del discount.

Ma l’aspetto migliore del film è un altro.

Volete sapere quale?

VIENE FINALMENTE RAPPRESENTATO IN UN BLOCKBUSTER UN MODELLO POSITIVO PER LE DONNE.

Questo film potrà anche non essere il massimo della memorabilità, ma ha il gigantesco pregio di offrire in un prodotto ultra-mainstream un personaggio femminile che possa essere da esempio per il pubblico, appunto, femminile.

Dato che nella maggior parte dei casi tali characters sono scritti uno più orribilmente dell’altro, penso sia una buonissima cosa ciò che si vede qui: una donna determinata, che compie delle scelte per il bene delle altre persone pensando prima a loro che a se stessa, che non esita a combattere per il giusto e che, pur non essendo infallibile, cerca comunque di rimediare ai propri errori.

Non è una bambolina da salvare.

Non è una psicopatica irrazionale.

Ci voleva così tanto per vederla al cinema???

Meno Bella Swan, più Diana Prince.

Baywatch

Scollature, panettoni
Rigoglio sano di femminili ormoni
Colline bianche e solchi misteriosi
dove si appuntano gli sguardi dei golosi
perché al mondo, al mondo
ci sono troppe poppe, poppe, poppe.

TRAMA: Il guardaspiaggia Mitch è impegnato ad addestrare nuove reclute, tra cui Matt, un nuotatore professionista. Contemporaneamente, coinvolge i ragazzi in una serie di folli indagini su un probabile traffico di droga che coinvolge la proprietaria di un esclusivo club…

RECENSIONE: È mio dovere avvisarvi: questo film ha un enorme difetto.

Non è per tutti.

Come ogni opera a tinte fortemente intellettuali, infatti, la profondità dei suoi contenuti non è immediatamente raggiungibile dalla comune mente umana; al contrario, essa necessita di una concentrazione non indifferente e di un impegnativo sforzo psicologico da parte dello spettatore, che rischia di perdere le più sfuggenti sfumature dell’esperienza narrativa a cui si trova innanzi.

Amo il cinema da che ne ho memoria e credetemi, penso di non peccare di arroganza affermando che abbiamo qui raggiunto una vetta difficilmente avvicinabile da parte dei futuri prodotti cinematografici, che avranno in Baywatch un confronto purtroppo per loro impari e, temo, perso in partenza.

Un film pregno di contenuti filosofici, metaforici ed introspettivi.

Come Bergman, ma più tettoso.

Come Tarkovskij, ma con più addominali.

Come Godard, ma con più battute sui peni.

Novello Virgilio, con i miei umili mezzi cercherò di accompagnarvi in questa esperienza sensoriale e farvi comprendere attraverso i miei scritti quanto questo film, questa pellicola, questa… magna opera costituisca non solo una delle pietre miliari della storia del cinema, ma anche una delle fondamenta della cultura occidentale.

Partiamo dall’ovvio: le donne del film.

Questi angeli dalle forme giunoniche scesi da un iperuranio lontano e trascendentale non sono, come solo uno stolto potrebbe pensare, un espediente per attirare frotte di pubblico maschile dall’ormone birichino, ma fungono da chiaro richiamo al concetto più puro di femminilità: la maternità da cui tutti noi deriviamo.

Per quanto possiamo essere cresciuti a livello psico-fisico, ognuno di noi proviene dal grembo materno e dal seno, che allattandoci ha fornito a noi pargoli il primo nutrimento e la prima fonte di energie per affrontare il mondo.

Il continuo ed ipnotico sballonzolamento di tali enormi seni mediante una slow motion che oltrepassa di gran lunga il mediocre Matrix rappresenta nello specifico l’aspetto più imprevedibile della femminilità: la donna è un essere in continuo cambiamento ed evoluzione, un mondo in movimento da scoprire, ogni giorno sempre nuovo.

Quale genialità, quale meraviglia, quale epifania inoltre nell’ammirare la donna a contatto con l’acqua, immagine in cui solo i più ignoranti possono non cogliere il chiaro trait d’union con La nascita di Venere, capolavoro quattrocentesco del Botticelli a cui la pellicola strizza chiaramente l’occhio.

Ma Baywatch, da masterpiece quale è non si limita ad una delle metà del cielo.

No, sarebbe troppo facile: anche l’uomo deve essere innalzato.

The Rock non è semplicemente un omone simpatico usato per fare da piacione.

Zac Efron non è semplicemente il ragazzetto caruccio che gli faccia da spalla comica.

No, i loro fisici scultorei sono chiaro richiamo alle forme maschili perfette: essi sono dei David di Michelangelo, degli uomini vitruviani le cui carni spinte fisicamente al massimo fanno giustamente vergognare il maschio comune, il cui fisico assume la connotazione di quello del maestro Pregadio in confronto all’Übermensch samoano ed al golden boy di High School Musical.

Focalizzandosi sulle gag comiche, sotto un abilissimo travestimento da sgangherate puttanate esse celano un sottotesto dalla profondità filosofica e narrativa tranquillamente paragonabile al misticismo di Osho.

Zac Efron vestito da donna non è per nulla un patetico tentativo di risata facile tramite il trito espediente dell’uomo en travesti, ma anzi è diretto esempio del superamento della ormai limitante separazione tra i sessi.
Prima di distinguerci tra uomini e donne siamo innanzitutto persone: Efron donna è un messaggio di pace ed uguaglianza di grande memorabilità e spessore umano, un po’ la versione moderna dell’Ich bin ein Berliner di Kennedy o dell’I have a dream di Martin Luther King.

Le continue battute su peni e tette nascondono un evidente retrogusto amaro, che freudianamente si può estrinsecare nella difficoltà del corteggiamento e nello scontro tra razionalità sociale ed istinto animalesco, il tutto condito da un alone malinconico che non può non ricondurre la mente al comico ma allo stesso tempo triste vagabondo impersonato da Charlie Chaplin.

Ma Baywatch non si accontenta di scavare nella profondità dell’intelletto, vuole sfidare il pubblico, tendendogli una trappola.

La CGI del film è infatti veramente orribile: uno spettatore poco accorto potrebbe pensare “Porca puttana, ma questi effetti speciali sono lammerda! Sembrano fatti con Windows 98!”

Ed è lì che casca l’asino: è ovvio che tale scarsa cura sia voluta, e questa è una sottile quanto sagace critica all’industria hollywoodiana stessa, che punta troppo sulla forma e poco sulla sostanza.

Come Ned Ludd a fine Settecento, Baywatch compie una coraggiosa opera di distruzione nei confronti della tecnologia, in quanto essa non è più servitrice dell’uomo, ma suo feticcio anti-sociale.

Quale mirabile inventiva.

Sugli attori, penso che dilungarsi sulle loro performance sarebbe offensivo verso Stanislavskij, Strasberg, Chekhov e gli altri grandi maestri della recitazione.

Se Efron e Dwayne Johnson hanno un’alchimia che supera di gran lunga quelle delle grandi coppie del passato (spazzati via Lemmon e Matthau, Martin e Lewis, Redford e Newman), il cast femminile offre interpretazioni la cui cristallina qualità trascende nettamente i limiti umani.

Se la bionda Kelly Rohrbach, che non riesco a comprendere come sia solo una modella di Sports Illustrated tanto è brava e naturale (ve la butto lì: siamo di fronte alla nascita della nuova Marilyn?) richiama sapientemente con i suoi infiniti primi piani sulle terga la celebre Venere Callipigia, la mora Alexandra Daddario conferma le straordinarie doti recitative già mostrate nell’eccellente serie tv True Detective.

Enormi doti recitative.

Così come il movimento impressionista si separò dai canoni artistici tradizionali dell’arte ottocentesca, così Baywatch traccia una netta linea di demarcazione nei confronti della Settima Arte come eravamo abituati a conoscerla.

C’è stato un prima di questo film e ci sarà un dopo questo film.

Capolavoro.

 

 

 

P.S. Dopo la recensione faceta, qualche nota più seria.

Per quanto il film sia costituito da due ore di scempiaggini, ammetto che la loro totale imbecillità ed il mai prendersi sul serio mi abbiano strappato ben più di una risata.

Efron e Johnson come coppia comica hanno un’alchimia migliore di quanto mi aspettassi.

I personaggi femminili sono dei tettuti soprammobili bidimensionali (a parte le poppe). Se siete maschietti non sarà un brutto vedere, ma anche i due fustacchioni citati sopra possono sollazzare l’occhio delle fanciulle.

Le battute sono talmente tante che per la legge dei grandi numeri qualcuna per forza va a segno; la maggior parte sono simpatiche, dai.

La CGI è terrificante.

Come film trash-demenziale non neanche male.

Tag Cloud