L'amichevole cinefilo di quartiere

Archivio per 16 febbraio 2020

Madre!


Dimmi, Jean Claude.


TRAMA: Quando un celebre poeta e la sua giovane moglie accolgono in casa due ospiti inattesi, iniziano a verificarsi episodi inquietanti e il loro rapporto idilliaco si trasforma in un incubo infernale.

RECENSIONE:

Se per capire se ti sia piaciuto o meno un film devi rifletterci sopra la mattina seguente credo sia un bene a prescindere, perché significa che ciò che hai visto la sera prima ti ha lasciato qualcosa.

Madre!, oltre a fornire ulteriore prova che Darren Aronofsky dovrebbe sniffare molto meno Viakal (o molto di più), offre una rappresentazione metaforica della Genesi di indubbio impatto visivo, anche se sicuramente potrebbe risultare indigesta ad un pubblico poco partecipe.

La pellicola richiede infatti un’attenzione al simbolismo interno non indifferente, dovuta sia alla scelta di rendere piuttosto scarna la trama fattuale in sé, sia per la presenza di dialoghi asciutti e talvolta relativamente criptici.

La Creazione, il frutto proibito, il circolo uroborico di vita e morte collegate ciclicamente ed il rapporto tra un Dio produttore e un’umanità che è sia prodotto stesso che fruitrice si delinea attraverso scelte visive potenti e sicuramente azzeccate.

La casa come Terra, a delineare il parallelismo tra l’abitazione più piccola e intima di un essere umano e quella più enorme e generica, è un vero e proprio personaggio dotato di vita propria, in un rapporto simbiotico con la sua curatrice non a suo agio vista la presenza di soggetti estranei visti come intrusi invasori.

I dialoghi presentano un’alternanza di conoscenza ed ignoranza che è tipica non solo dell’umanità in sé, ma anche del nostro rapporto con il trascendente.
Il Dio di Javier Bardem si trova talvolta ad avere informazioni celate alla Terra di Jennifer Lawrence, mentre al contrario ignora totalmente le motivazioni che spingano le folle a comportamenti deviati.

La divinità scrittrice, che offre con intenti positivi un prodotto alla massa, ne subisce poi l’eccessivo fanatismo e la tracimazione delle loro debolezze che esso comporta: l’Uomo infatti non è in grado di apprezzare il Bello di per sé, perché odio, egoismo ed avidità lo corrompono impedendogli di trovare la serenità in un bene condiviso con i suoi simili.

Madre! è un’opera sicuramente ambiziosa, che in quanto tale non ha trovato nè l’approvazione generale della “poca” critica (spaccata in due), nè il supporto al botteghino del “grande” pubblico (costato 30 milioni di dollari, non è arrivato a 45).
Nonostante ciò un film che merita sicuramente la visione, se non altro per la sua prepotente ricchezza tematica e per la particolarità dell’idea alla base.

Cloud dei tag