L'amichevole cinefilo di quartiere

The Irishman


I heard you paint houses.

TRAMA: Un uomo ricostruisce il suo possibile coinvolgimento nell’uccisione di Jimmy Hoffa, il controverso sindacalista statunitense accusato di complicità con la mafia e morto in circostanze misteriose.

RECENSIONE:

1) La CGI per il ringiovanimento degli attori funziona soprattutto nella seconda parte del film. Nel segmento iniziale denota alcuni momenti scricchiolanti, in parte per l’ovvia maggiore differenza d’età, in parte per la tipologia di scene in cui alcuni personaggi sono coinvolti.

2) Ciò porta ad una lieve opacità espositiva per quanto riguarda i piani temporali, che essendo sovrapposti e vedendo partecipe questo camuffamento d’età artificiale, non sempre sono chiarissimi.

 

 

Escludendo questi due punti, uno dei migliori film che io abbia mai visto.

 

 

Questa è la recensione più consona che mi sia venuta in mente.

Commenti su: "The Irishman" (3)

  1. SPOILER WARNING
    De Niro è riuscito a rendere benissimo il dolore straziante che prova il suo personaggio nel dover uccidere il suo migliore amico. Va detto comunque che quest’evento è un colpo di scena fino a un certo punto: infatti il personaggio di De Niro si ritrova molto presto a dover essere servo di 2 padroni, e quindi era facilmente prevedibile che ad un certo punto si sarebbe ritrovato a dover scegliere tra l’uno e l’altro. Lui decide di schierarsi col più forte e buttare a mare il più debole: una scelta cinica ma non indolore, e viste le conseguenze (ovvero la distruzione del già freddo rapporto con la figlia) neanche così saggia.
    A proposito della figlia: fossi stato io in Scorsese l’avrei fatta riappacificare col padre. Scorsese ha avuto paura del lieto fine, ovvero la paura più assurda che possa avere un narratore.

    • SPOILER:
      .
      .
      .
      .
      .
      .
      Io non l’ho vista come una cattiva scelta, alla fine è un modo per comunicare che il “solo” fatto di essere vecchi e malati non implica obbligatoriamente una redenzione per i peccati commessi in gioventù, o comunque una riappacificazione famigliare.

      • Hai ragione, forse c’era la volontà di far passare questo messaggio. Colgo l’occasione per dirti che ho appena sfornato un nuovo post… spero che ti piaccia! 🙂

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

Cloud dei tag

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: