L'amichevole cinefilo di quartiere

Doctor Sleep (2019)


– In effetti, come film non è pesante. L’unica cosa è che si può sentire un forte senso di isolamento durante la visione.

– Be’, se può farle piacere è quello che stavo cercando: un po’ di isolamento. Perché… perché sono lì-lì per partorire una recensione e quindi due ore e mezza di film sono proprio quello che ci vuole.
– Mmh, sono contento, Serenate. Mi preoccupavo perché per molte persone l’isolamento e la solitudine, a volte, possono rappresentare un problema.
– Non per me.

TRAMA: Dopo i fatti dell’Overlook Hotel, Dan Torrance ha provato a vivere una vita normale. L’incontro con una ragazza dotata come lui del potere della luccicanza, però, rimette in discussione ogni cosa.
Tratto dall’omonimo romanzo di Stephen King e sequel di Shining.

RECENSIONE:

A distanza di sei anni dalla sua pubblicazione, anche questo romanzo del Re ottiene una trasposizione cinematografica: Doctor Sleep è un film dalla discreta fattura, che non tenta voli pindarici sul lato tecnico/narrativo ma riesce a mantenere un profilo di buona qualità nei suoi (talvolta prolissi) centocinquanta minuti di durata.

La regia di Mike Flanagan, già incrociato a King per Il gioco di Gerald e che si è distino positivamente in film come Oculus e Hush (oltre alla fortunata serie Netflix Haunting), riesce a staccarsi dai crismi tipici del maestro Kubrick (ed era piuttosto prevedibile) riuscendo però al contempo a riproporne qualche dettaglio, che aumenta decisamente il legame tra le due opere aggiungendo piacevolmente continuità alla narrazione.

Se Shining è infatti un film eccellente, comunemente considerato tra i picchi del genere grazie alla sua complessa profondità tematica e alla raffigurazione di una lenta ma inesorabile discesa nel delirio che culmina in una contrapposizione famigliare tra il padre degenere da un lato e moglie succube/figlio puro dall’altro, Doctor Sleep riprende lo stesso tema di confronto generazionale ma in una versione di più ampio raggio.

Il contrasto qui è infatti tra una gioventù dotata ed ancora ingenua relativamente alle proprie potenzialità e un clan di adulti parassiti, che attraverso pratiche cannibalesche si nutrono del potere altrui per preservare la propria bellezza e forza.
La metafora è quasi classista, con i soloni disposti anche ad aggrapparsi disperatamente a pratiche empie onde mantenere il proprio status quo a discapito di individui più rampanti e positivi, in una battaglia tra vecchi ruderi vetusti e nuovo che avanza, con una lotta che impoverisce il gruppo sociale nella sua totalità, non permettendo di svilupparsi e progredire efficacemente.

Appropriarsi dell’energia vitale altrui per rinsaldare la propria è un concetto ovviamente legato al vampirismo, una delle pratiche orrorifiche per antonomasia che trae la sua paura essendo devianza mostruosa del più generico furto, in cui l’estraneo assume quindi connotazione di sospetto, sfiducia e tradimento.

Altro tema portante della pellicola è la forza della mente.

Se come diceva il famoso illusionista Harry Houdini “il cervello è la chiave che mi rende libero”, in Doctor Sleep la mente è un mondo a parte dentro di noi, che può risultare arma, bunker o archivio in base a come ognuno di noi decida di utilizzarla.
La semplicità o complessità del nostro animo, la bontà o malvagità delle nostre intenzioni e il modo in cui ci relazioniamo con le altre persone derivano dal regno esistente nella nostra testa, la cui potenza ci permette tanto di essere utili per il prossimo, quanto di resistere o abbattere quelli altrui.

La lotta non è perciò solo fisica, ma anche interiore e psicologica, con un battaglia legata a quanto possa essere salda la mente di un individuo, portando il confronto su un piano tanto apparentemente immateriale e fuggevole quanto in realtà squisitamente profondo e complesso.

Cast capitanato da un Ewan McGregor che offre una prova solida e sfaccettata, risultando credibile sia come personaggio a sé stante in questo lungometraggio sia considerandolo la versione adulta del piccolo Danny.

Tormentato e dubbioso nel segmento iniziale quanto risoluto seppur a malincuore con il susseguirsi degli eventi, Dan sa quale sia la cosa giusta da fare: non come un eroe o un Übermensch calato dall’alto a guisa di angelo, ma come individuo che a sua volta conobbe malvagità e corruzione, e per questo desideroso di proteggere una giovane che, come lui a suo tempo, si trova di fronte un male apparentemente al di sopra delle proprie possibilità.

Rebecca Ferguson nei panni dell’antagonista offre una prova decisamente buona; alla luce di questa performance cresce l’idea che l’attrice svedese dovrebbe magari considerare una direzione di carriera più definita qualitativamente, invece di cadere troppo frequentemente nelle scempiaggini (vedere alle voci Men in Black: International, Life, Hercules: il guerriero).

Brava anche la giovane Kyliegh Curran, della quale si nota in positivo anche un doppiaggio italiano efficace e sul pezzo da parte dell’altrettanto in erba Ginevra Pucci.

Curiosità sul cast: uno degli antagonisti secondari, Nonno Smilzo, è interpretato dell’olandese Carel Struycken, celebre per aver prestato il suo altissimo fisico al maggiordomo Lurch nelle due trasposizioni di Sonnenfeld de La famiglia Addams.

Doctor Sleep è in definitiva un film che, pur non potendo ovviamente competere con Shining, riesce a ritagliarsi un senso di esistenza grazie ad una costruzione narrativa interessante unita ad un’accoppiata regia-recitazione sul pezzo.

Consigliato.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

Cloud dei tag

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: