L'amichevole cinefilo di quartiere


Hai un amico in me,
Un grande amico in me!
Se la strada non è dritta e ci sono duemila pericoli
Ti basta solo ricordare che,
Che c’è un grande amico in me!

TRAMA: Per il compleanno del figlio, una giovane madre regala al ragazzino una bambola, ignorando la natura malefica e pericolosa del giocattolo.

RECENSIONE:

Reboot di una celebre saga horror.

Paura, eh?

Basterebbe questa prima riga per genuflettere le nostre menti al terrore, visti i precedenti “ritorni sulle scene” di mostri o killer vari, scongelati sovente per delle imperdonabili cazzatone che pencolano tra l’orrendo e l’imbarazzante.

Invece questo La bambola assassina si dimostra un tentativo di ripartenza decente, che pur non raggiungendo (per ovvi motivi storici e pop) i fasti dell’originale, riesce almeno ad erigersi qualitativamente rispetto ai precedenti sette (!) seguiti.

Magari non che ci volesse molto, però intanto è un risultato che viene portato a casa.

Si tenta giustamente non una ripresa pedissequa di quanto già narrato in precedenza, che avrebbe poco senso vista l’enorme offerta di genere, ma optando invece per una rivisitazione che tenga conto dei tre decenni trascorsi dal primo film, aggiungendo quindi derivazioni tecnologiche al classico schema horrorifico, un quid necessario alla sua ribalta e rinascita.

Il terribile Chucky viene infatti fornito della possibilità di un controllo delle apparecchiature elettroniche casalinghe e non (alla Alexa, per intenderci, anche se con una domotica ancora maggiore), che lo rendono esponenzialmente molto più pericoloso rispetto ad un pur inquietante bambolotto rubizzo armato di coltello.

Viene mantenuto ovviamente l’elemento spaventoso del personaggio, derivante da un principio tanto semplice quanto efficace: infondere di malignità ciò che noi consideriamo genericamente innocuo.
Il terrore scaturisce perciò non dall’esagerazione di un elemento già presente (es. il mostro o il killer armato), ma dal contrasto tra apparenza e comportamento: la bambola è infatti ciò a cui affidiamo la compagnia e i sogni dei nostri bambini, memori di quando a nostra volta avevamo nel pupazzo un compagno di giochi.

Caricata di un fattore omicida, si ottiene appunto un ribaltamento manicheo, al pari di altre figure innocue e pacifiche che la letteratura o l’arte hanno talvolta votato al male, quali il clown (Pennywise, il Joker), il bambino (Omen, Il villaggio dei dannati) o la donna (strega, sirena, gorgone).

La bambola ci intimorisce proprio perché non dovremmo averne paura: la sua ostilità violenta è vissuta dalla parte irrazionale della nostra mente come un tradimento di un rapporto di fiducia implicito, la violazione di un patto di non belligeranza (unilaterale, ça va sans dire) in cui siamo la parte ingannata.

Nonostante la scelta di inserire una giovane madre single serva a livello di trama fino a mezzogiorno.
Per quanto la relativamente piccola differenza di età tra genitore e figlio potrebbe essere usata al massimo per indicare l’assenza di potere/protezione genitoriale, ombrello metaforico per i piccini, Aubrey Plaza ci si cala comunque decentemente, se non altro senza dare l’idea allo spettatore di attendere passivamente l’arrivo del bonifico sul conto corrente.

Molto bravi invece i ragazzini guidati dal classe 2004 Gabriel Bateman, aficionado dell’horror dopo Annabelle e Lights Out; solitamente punto debole del genere, nel caso in cui gli attori siano troppo piccoli per aver già sviluppato una tecnica recitativa passabile, qui invece si difendono egregiamente.

Menzione d’onore per il diabolico Chucky, doppiato in lingua originale da Mark Hamill e sostituito in italiano dall’ottimo Loris Loddi.

Si riscatta pure Lars Klevberg dopo il pessimo Polaroid.

Meritevole di una possibilità.

Annunci

Commenti su: "La bambola assassina (2019)" (6)

  1. Alla fin fine posso dire che questo è stato un buon remake. Rispetto a quelli usciti per Non aprite quella porta e Nightmare questo è una ventata d’aria fresca. Il design di Chucky non mi piace per niente però apprezzo il cambiamento della sua origine e il fatto che in certi punti trovi pietà per lui dato che non capisce il confine tra bene e male. Ottimi le morti, sanguinose e fantasiose, un po’ un peccato per il finale che poteva essere più truculento. Un film che comunque mi ha soddisfatto. L’unico vero fastidio sono state le persone rumorose e fastidiose in sala. Più gli dicevamo di stare zitti e più continuavano. Odiose.

  2. La tua analisi dei motivi per cui le bambole assassine ci inquietano così tanto è davvero ottima. Aggiungo che nei film a ribaltare il rapporto di fiducia di cui parli non sono soltanto le bambole, i clown, i bambini e le donne, ma anche i robot: da loro ci aspetteremmo che siano degli schiavetti al nostro servizio e totalmente obbedienti alle leggi di Asimov, e invece…
    Inoltre, tra i film sui bambini malefici il più sconvolgente in assoluto è L’innocenza del diavolo, perché lì il bambino non si comporta male perché posseduto (come ne L’esorcista e in tanti altri film), ma perché sceglie razionalmente di stare dalla parte del male. E questo lo rende ancora più inquietante.
    Riguardo ad Aubrey Plaza, il nome mi suonava familiare, così l’ho Googlata per capire dove l’avevo già vista. Ha recitato in 2 film così pessimi che li ho mollati prima della fine (10 Years e Charlie Countryman deve morire) e in uno che mi ha fatto pisciare dalle risate, Nonno scatenato: se te lo sei perso recuperalo, perché è uno dei pochissimi casi in cui il film è così trash da fare il giro e diventare strepitoso.

    • Io l’ho detestato, purtroppo non mi va giù questo De Niro sputtanato 😀

      Sì, anche i robot sono un ottimo esempio, avrei voluto pensarci io.

      • In effetti proprio il casting di De Niro è il motivo principale per cui questo film è tanto odiato, e proprio per il motivo che hai detto tu: i suoi fan non riescono ad accettare di vederlo in un film tanto trash. Ma va detto che con un attore meno celebre di De Niro questo film avrebbe racimolato a stento un decimo degli incassi che ha ottenuto. Grazie mille per i complimenti e per la risposta! 🙂

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

Cloud dei tag

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: