L'amichevole cinefilo di quartiere

My daddy was the family bassman
My mamma was an engineer
And I was born one dark gray morn
With music coming in my ears
In my ears.

TRAMA: Baby è un giovane ma abilissimo autista che lavora per un’organizzazione criminale alquanto strampalata capitanata dal ricco e misterioso Doc. Dopo aver conosciuto una dolce e bella cameriera, Baby medita sempre più seriamente di smettere con le rapine; proprio quello che potrebbe essere l’ultimo colpo metterà in pericolo il suo amore e la sua stessa vita.

RECENSIONE: Scritto e diretto da Edgar Wright, Baby Driver è un action movie pimpante e scanzonato, che riesce a spiccare in un genere piuttosto saturo grazie ad un approccio più easy e frizzante della media ed al ruolo preponderante della colonna sonora.

Il regista britannico, celebre per opere molto divertenti come la cosiddetta “Trilogia del Cornetto” (composta da L’alba dei morti dementi, Hot Fuzz, La fine del mondo) e Scott Pilgrim vs the World, riesce infatti ad incanalare la musica nella pellicola rendendone parte integrante in modo talmente massiccio ma allo stesso tempo azzeccato che essa risulta un vero e proprio personaggio.

Di qualità generale ottima, con pezzi tra gli altri di Queen, Blur, Barry White, Simon & Garfunkel, Beck, Beach Boys e Commodores, la musica si adatta infatti precisamente all’umore del protagonista ed al mood delle diverse scene, completandole efficacemente affrancandosi quindi da essere semplice “rumore di sottofondo”, fondendosi invece con le sequenze stesse arricchendole.

Musica che inoltre nel film non solo è semplicemente “ascoltata”, ma anche menzionata, discussa attraverso aneddoti e ricordi, caricata di significati che vanno oltre il mero abbinamento di note e testi.

Attraverso espedienti tecnici intelligenti (come le parole di un testo che compaiono su muri ed insegne mentre il protagonista cammina, i proiettili che vengono sparati a ritmo), lo spettatore si immerge nel mondo di Baby (un bravo Ansel Elgort, già visto in Colpa delle stelle) indossando i suoi auricolari, coperta di Linus contro la violenza intrinseca del suo lavoro e coniugando immagini e suoni.

Senza un buon comparto visivo però lo sforzo della soundtrack sarebbe inutile, e Wright riesce ad imbastire sequenze scene action adrenaliniche senza sfociare troppo in demenziali esagerazioni alla Fast & Furious, comunque spingendosi oltre il limite mantenendo però buonsenso.

Inseguimenti e scontri a fuoco risultano inoltre ben realizzati poiché il punto di vista focale rimane sempre quello dell’autista: ciò che non succede in sua presenza non esiste, è fuori dalla sua portata sensoriale, e si aumenta in questo modo l’immedesimazione del pubblico in ciò a cui sta assistendo senza perdersi in troppe soggettive che servirebbero solo ad appesantire il meccanismo di prosecuzione della pellicola.

Colonna sonora e sapienza nelle scene action riescono a conferire personalità vivace al film,  che si esalta nonostante una trama di base piuttosto ordinaria (criminale vuole uscire dal giro a causa dell’amore per una donna), e rendendo Baby Driver un piacevole unicum.

In una realtà gravida di scavezzacollo sopra le righe, l’amore è il salvagente che permette a Baby di non affogare nel pantano morale in cui suo malgrado è rimasto invischiato.
La colonna sonora diventa qui “rosa con i brillantini” (cit.), esaltandosi attraverso canzoni che veicolino il più positivo dei sentimenti e che si aiutano con gli stessi nomi dei personaggi, sostituendosi ai dialoghi.

Cast azzeccato anch’esso, che riesce a creare buona coralità pur mantenendo in primo piano il protagonista.

Se di Elgort, come già accennato, si può apprezzare la bravura e la capacità di essere credibile come tipo taciturno, solitario e “bravo ragazzo” nonostante la professione, il resto della crew è variegato e piacevolmente sopra le righe.

Dal “Pazzo” di Jamie Foxx, al “Buddy” di Jon Hamm, alla “Darling” di Eiza González, ogni pedina si muove su una scacchiera di piombo, musica ed adrenalina creando un interessante microcosmo di umanità perduta.
Menzione speciale per il sempre ottimo Kevin Spacey, nei panni di un boss criminale sui generis e breve apparizione del bassista dei Red Hot Chili Peppers Flea.

In un panorama cinematografico in cui molti registi/sceneggiatori action pare non abbiano superato lo stadio evolutivo dei crostacei, una pellicola veramente di buona qualità, piacevole e divertente.

Colonna sonora eccezionale.

Consigliato.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Tag Cloud

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: