L'amichevole cinefilo di quartiere

baywatch

– Si apre con un cartello recante la scritta “RESCUE”, ossia “Salvataggio/Soccorso”.
Consideratelo uno spoiler del leitmotiv ironico di una mia futura ed eventuale recensione.

– Prima tizia in costume che esce dall’acqua con un’apparizione erotico-mistica in stile Ursula Andress. Secondi di trailer trascorsi: UNO.
Record mondiale di fanservice raggiunto.


– L’élite dell’élite. Butterei un élite² ma sarebbe una perla ai porci.

– Piacenti fanciulle che zompano felici sulla sabbia al secondo CINQUE. Non ci state nemmeno provando.

– La carrellata sulle tre bonazze seguite da un The Rock a torso nudo che saltella come una vispa Teresa samoana è una delle immagini più bizzarre e (in)volontariamente ridicole che abbia visto negli ultimi tempi.

– “Noi proteggiamo quando le altre persone non vogliono proteggere”, MAGARI PERCHÉ È IL VOSTRO MESTIERE???

Scusa Roccia, ma a salvare le persone dall’annegamento chi ci deve pensare, la S.W.A.T.??

– Considerato che Dwayne Johnson ha una cassa toracica delle dimensioni del mio sgabuzzino, avrei pensato che spegnesse l’incendio sulla barca soffiandoci contro come il Lupo dei Tre Porcellini.
Dopo San Andreas questo ed altro.

– Tizia salvata si offre sessualmente al proprio salvatore mentre tecnicamente il salvataggio non è ancora completato.
Comprendo che il nostro eroe sia un bel fustacchione e che questo film sarà probabilmente un abominio artistico, però signorina calmi gli ormoni.


– Ok che gli Stati Uniti stiano attraversando un periodo non felicissimo dal punto di vista economico, ma che taglino i fondi ad un dipartimento di soccorso in spiaggia basato su UOMINI E DONNE DAI PETTI ENORMI mi sembra un patto narrativo dalla difficile accettazione.

Non hai i soldi per mantenerli? Raccogliete fondi attraverso il loro aspetto estetico!

Sfilate in spiaggia, gare di sollevamento pesi, Miss Maglietta Bagnata… FATE QUALCOSA!!

do-something

– Pronti via ed il nuovo arrivato si presenta fissando le tette alla Daddario, che costituiscono tra l’altro due dei motivi principali che spingeranno la gente ad andare a vedere questa roba. NON FARE DEL FACILE MORALISMO FILM, SEI COMPLICE!

A proposito, #TeamDaddario

– Commentare che le “boobs” di una donna sono particolarmente vicine al suo viso può essere considerato un complimento, perché sta a significare che il suo seno non è cadente.

Ovviamente no, è solo un mio tentativo per giustificare razionalmente uno dei dialoghi più idioti ed irrealistici dai tempi del risotto con le erbette di Tomba.

– Zac Efron si toglie la maglietta in slow motion, rispettate le quote rosa.

In questo caso, azzurre.

– Ma un manzo che si toglie la T-shirt è davvero l’immagine più erotica pensata per le donne? Capirei Twilight, che era un film evidentemente indirizzato alle quindicenni, ma questo è Baywatch!

Un film evidentemente indirizzato ai quindicenni.


– Zac Efron ha vinto delle medaglie d’oro. Per la precisione due, una per ogni film osceno che ha girato con Robert De Niro.

– Sfottere un tizio enorme che potrebbe aprirti in due usando solo i muscoli delle sopracciglia per non avere vinto nessuna medaglia d’oro è un comportamento candidato d’ufficio ai prossimi Darwin Awards.

– “Abbiamo un corpo morto sulla nostra spiaggia.” Dai, va bene che Kelly Rohrbach è una modella di Sports Illustrated, però criticare così la sua recitazione mi sembra eccessivo.

baywatch-kelly

– The Rock ed Efron discutono su ciò che viene comunicato loro dai propri testicoli. Efron imita la voce degli attributi in modo flebile venendo insultato da Johnson, a cui ribatte affermando la saggezza dei suoi zebedei.

Dato che per questa scena le possibilità di commento sono infinite, non voglio tarpare le ali a nessuno.
Lascerò quindi che sia la mente di ognuno di voi a pensare la battuta più appropriata.

– “Benvenuti a Triste ed inutile remake non pornografico di un’innocua serie cult anni ’90“.

– Un gioco di parole sul termine “beach” seguito da due tizie in costume che ancheggiano sarebbe come sparare sulla Croce Rossa.

– The Rock ed Efron su uno scooter rosa che… no, dai, non ce la posso fare.


– Slow motion di scene a caso inframmezzate da inquadrature in cui appaiono le solite abusate gag fisiche, Efron truccato da donna, l’ennesima femmina popputa con una scollatura che non piacerebbe a suo padre, elicotteri e salvataggi con presa da wrestling (??) il tutto affogato in una CGI abbastanza squallida.

Ottima chiusura, complimenti.


– Battuta che presumo possa essere un gioco di parole tra “You people” e “You peep all”, ma che non penso di aver capito o di voler capire.

Baywatch, un film che risponde ad una domanda che nessuno ha posto.

Annunci

Commenti su: "Impressioni di trailembre – Baywatch" (3)

  1. Disamina INAPPUNTABILE.
    Eppure, proprio per tutto questo, secondo me siamo in zona c a p o l a v o r o !

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Tag Cloud

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: