L'amichevole cinefilo di quartiere

Crimson Peak

Crimson-Peak locandinaTheir house is a museum
When people come to see ‘em
They really are a scream in
del Toro’s filmography.

TRAMA: Inghilterra, fine XIX secolo. La giovane Edith si innamora di un affascinante nobiluomo, Sir Sharpe. I due convolano presto a nozze e Sharpe la conduce nella gigantesca villa di famiglia, dove egli vive con la sorella Lucille. La magione nasconde indicibili segreti…

RECENSIONE: Per la regia del messicano Guillermo del Toro, che per ora abbandona la trashata Robot vs MostriCrimson Peak è una pellicola gotica piuttosto ordinaria e ordinata, che riesce a fare un sunto degli elementi caratteristici del genere senza sbavare ma non aggiungendo nemmeno elementi di particolare novità.

Attraverso le atmosfere tardovittoriane viene narrata una storia lugubre e pastosa come il catrame, basata particolarmente su dicotomie.

Temporalmente si ha infatti un continuo rimando al confronto tra passato e presente, con ciò che è avvenuto che diventa radice e sorgente degli avvenimenti attuali, e da cui ci si fatica a liberare.
Più che verso un futuro incerto, i personaggi sembrano segnati da ciò che è successo loro anteriormente, e questa àncora è alla base della maggior parte dell’introspezione psicologica dei personaggi.

crimson-peak fantasma

Dal punto di vista cromatico, in Crimson Peak c’è anche un interessante simbologia legata al bianco e al rosso.

Il primo è il colore puro e virginale per eccellenza, e simboleggia il candore e l’incorruttibilità; il rosso viceversa è il colore delle passioni e dell’amore; così forti e incontrollabili da essere violenti e possenti come onde del mare, tali elementi sono presenti nel film come macchie ineliminabili.

Questo confronto è dato anche dagli elementi materiali basati su questi colori: il bianco è la neve, che cade fredda e copiosa sul terreno dall’alto, come avesse carattere mistico o salvifico, mentre rossi sono l’argilla, che viceversa tenta di risalire emergendo dal terreno fino al pavimento della casa, e il sangue degli uomini, che ribolle e li qualifica come esseri viventi.

crimson peak neve argilla

La casa inoltre è da sempre uno dei temi principali dell’horror e del fantastico. Le sensazioni di timore ed inquietudine infatti scaturiscono quando le persone si sentono minacciate, ed è particolarmente efficace utilizzare come mezzo in tal senso qualcosa che si reputi sicuro o innocuo (feci già un discorso simile QUI)

La vecchia dimora, inoltre, a contatto con la vita assume una connotazione quasi umana, come un consumato vestito indossato per molti anni si adatta alla figura che lo porta, formando un legame inscindibile con chi vi abita nel presente o lo ha fatto nei tempi trascorsi.

crimson-peak casa

Protagonista l’australiana Mia Wasikowska  del pessimo Alice in Wonderland, qui meno monoespressiva che in film precedenti e abbastanza adatta al ruolo della ragazza pura e assennata travolta dal vortice dell’amore; nonostante la sua prova non sia oggettivamente malvagia, ella viene però sovrastata nettamente dagli altri due coprotagonisti.

crimson-peak-mia-wasikowska

Jessica Chastain (InterstellarThe Martian) riesce ad alternare in maniera efficace passaggi sopra e sotto le righe risultando magnetica e inquietante, ottimi elementi per un personaggio in un’opera di questo genere.
Più misurato e nei binari Tom Hiddleston, che riesce a connotare il suo Sir Sharpe con una perenne nota dolente negli occhi che lo rende interessante allo spettatore, curioso di sapere cosa possa avere come fardello.

jessica-chastain-tom-hiddleston-crimson-peak

Hiddleston con questo film tenta di staccarsi dal Loki di Jötunheim della Marvel, personaggio grazie al quale ha avuto successo e fama da parte del grande pubblico e che interpreta molto bene.

Per darvi un’idea di come questo tizio possieda il ruolo:

Tirando le somme Crimson Peak non è certamente una pellicola male orchestrata, ma paga negativamente la sua mancanza di scintille di originalità, unita ad una sceneggiatura relativamente prevedibile.

Più che la creazione di un artista come è del Toro, esso pare un progetto scolastico basato sulla ricerca all’interno di un particolare genere narrativo, e questo forse (anche) perché per la nostra moderna cultura il gotico potrebbe non avere più nulla da offrire in termini di novità.
La sua buona qualità (da segnalare in particolare l’ottima fotografia) non lo rende quindi insufficiente, ma nemmeno particolarmente memorabile a lungo termine.

Annunci

Commenti su: "Crimson Peak" (2)

  1. Io invece, come ho scritto da me, l’ho amato molto. E’ vero che non introduce alcun elemento di novità nel genere, ma non credo fosse questo l’obiettivo di Del Toro: piuttosto quello di raccontare una storia di passione, di sesso e di morte, usando i luoghi e i dettami del gotico. E secondo me ce l’ha fatta alla grande: il film l’ho trovato spettacolare, così come la regia di Del Toro. Un saluto.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Tag Cloud

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: