L'amichevole cinefilo di quartiere

Pillole di cinema – Everest

everest locandina«Perché vuole scalare l’Everest?»
«Perché è lì.»

George Mallory (1886 – 1924), alpinista che ha fatto parte delle prime tre spedizioni inglesi per la conquista della cima del monte Everest.

TRAMA: Le avversità del viaggio di due diverse spedizioni alla scalata del monte Everest, tra ostacoli ai limiti delle possibilità umane e lotta per sopravvivere.
Ispirato ad una storia vera raccontata nel saggio Aria sottile (1997).

PREGI:

Ambientazione: Il pregio principale del film che ha aperto la  72ª edizione del Festival di Venezia è indubbiamente la location. Uno dei luoghi più pericolosi per la sopravvivenza dell’homo sapiens diventa teatro di una lotta dell’uomo contro le avversità di Madre Natura, che martella incessantemente le membra e lo spirito come un fabbro instancabile.

everest panorama

Il freddo, le tempeste e la mancanza di ossigeno, condizioni particolari in altri luoghi, sono lì la norma, rendendo la scalata una titanica sfida alla propria resistenza avente come obiettivo il superamento dei limiti umani.

“L’essere umano non è fatto per funzionare alla quota di crociera di un 747”.

everest scena

Cast: Ricco e vario, riunisce molti attori noti creando un dipinto corale e collettivo, che aiuta lo spettatore a non focalizzarsi solo sul classico “protagonista”, ma a prestare attenzione alle condizioni dei vari membri delle spedizioni, ognuno con un proprio carattere e background.

Abbiamo infatti Jason Clarke (recentemente John Connor in Terminator Genisys), Jake Gyllenhaal (pugile in Southpaw), Josh Brolin (Sin City – Una donna per cui uccidere), Emily Watson (La teoria del tutto), Keira Knightley (The Imitation Game) e molti altri interpreti di ottimo livello.

everest cast

DIFETTI:

Ritmo lento: È ovvio che per raccontare di una spedizione montana sia necessario focalizzarsi inizialmente sulle fasi di preparazione della stessa, ma la parte iniziale della pellicola presenta una cadenza narrativa piuttosto compassata.

Il problema di questo fattore è che un film necessita di catturare fin da subito l’attenzione dello spettatore, perché persa quella già in partenza è molto difficile recuperarla con il prosieguo.

Everest acquista velocità con il passare dei minuti, ma chi dovesse annoiarsi in apertura potrebbe perdere la voglia di seguire la vicenda.

everest scena 2

Consigliato o no? Meno americanata di quanto avrebbe potuto essere, un film che comunque merita una visione.

Annunci

Commenti su: "Pillole di cinema – Everest" (3)

  1. Devo vederlo a brevissimo. Ho lavorato per anni per una rivista specializzata di alpinismo e tradotto libri di alpinismo e mi ci sento quasi obbligata a vederlo. Anche se so già che passerò tutto il film pensando che mi caverei un occhio a morsi pur di non trovarmi mai neanche vicino a un luogo del genere. Pur con tutta la sua insostenibile bellezza.

    • “L’Everest è bello ma non ci vivrei” 😉

      • L’ho visto. Sto malissimo. Devo far passare qualche giorno e lasciarlo sedimentare perché l’ho vissuto troppo emotivamente. Ben fatto, senza dubbio. Non l’ho trovato lento. Trovo che la prima parte carichi bene le aspettative per il dopo. E il dopo è di certo molto coinvolgente. Ho qualche dubbio latente su alcuni aspetti – in particolare per quel che riguarda la costruzione emotiva dei personaggi – e devo andare a rivedermi il libro.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Tag Cloud

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: