L'amichevole cinefilo di quartiere

Grand Budapest Hotel

grand-budapest-hotel-il-poster-italiano-301874

Agli Eagles piace questo elemento.

TRAMA: In un Hotel di lusso nell’immaginaria Repubblica di Zubrowka di inizio ‘900 si intrecciano varie storie, tra cui il furto di un dipinto rinascimentale di inestimabile valore e un enorme patrimonio di famiglia lasciato in eredità.

RECENSIONE: Scritto e diretto da Wes Anderson, questo film è una notevole opera corale che riesce ad unire la delicatezza e i canoni tipici di questo regista ad una divertente frizzantezza di fondo.

Anche Grand Budapest Hotel presenta infatti gli elementi noti delle opere di Anderson (la già citata coralità, i personaggi secondari simpatici e ben caratterizzati, il gusto per la costruzione delle scene in cui emergono i dettagli), mostrando tante situazioni genuinamente divertenti da cui traspare una grande leggerezza.

Presente nella pellicola anche l’importante tema della crescita, con un viaggio di formazione dinamico nei luoghi e nei contenuti: il rapporto maestro/apprendista (no, Guerre Stellari non c’entra) che diventa sostituzione di una figura paterna non presente, facendo nascere rispetto e amore tra due persone agli antipodi caratterialmente ma entrambe coinvolte in una vicenda più grande di loro.

Rilevante (e molto divertente) anche l’uso del lessico.
In generale il registro linguistico è medio-alto, tipicamente di inizio ‘900, ed è molto comico sentire personaggi di estrazione sociale bassa parlare in maniera forbita. Comico è anche l’abbassamento repentino di tale linguaggio, che diventa improvvisamente volgare con la stessa seraficità di espressione da parte degli attori.

GRAND BUDAPEST HOTEL_c371.JPG

La sceneggiatura è paragonabile quasi ad un’operetta, con un’allegria di fondo alimentata anche dall’originalità dei personaggi e dalla trama rocambolesca, in cui si intrecciano molte sottovicende simpatiche che creano uno sfaccettato microcosmo.

Sul lato tecnico spicca in particolar modo la fotografia di Robert Yeoman, aficionado di Anderson e che in Grand Budapest Hotel delizia l’occhio dello spettatore con splendidi e “plasticosi” colori pastello, che non strabordano nel kitsch e mantengono una raffinata misura estetica, rendendo l’hotel un’enorme casa di bambole a grandezza naturale.
Ogni scena del film, anche la più breve, denota inoltre un’ottima costruzione spaziale, con scenografie molto ben organizzate a livello architettonico, vivaci ma allo stesso tempo rigorose nella loro strutturalità.

The Grand Budapest Hotel

Le musiche di Alexandre Desplat sono sempre pertinenti a ciò che si vede nelle scene, accompagnando dolcemente l’orecchio dello spettatore e riempiendo pienamente la sua cognizione sensoriale. Un altro loro merito è quello di rimanere anch’esse, come la fotografia, discrete e non troppo invasive rispetto all’apporto estetico.

Anche i costumi dell’italiana Milena Canonero (vincitrice di 3 Oscar per la categoria) dimostrano una grande attenzione e cura nella confezione, senza ovviamente disdegnare il prodotto.

Piccolo inciso personale: è questo ciò che intendo per quanto riguarda il rapporto che sussiste tra forma e contenuto in una pellicola: gli elementi scenici materiali devono esaltare il film senza essere la sua unica ragione di esistere, in modo che la sua visione da parte del pubblico possa essere un piacere per gli occhi ma anche per la mente.

Passando al cast, non so neanche da dove cominciare, ci sono più grandi attori in questo film che ragazze da Intimissimi il sabato pomeriggio.
Il pregio più grande dell’opera è quello di non essere una tribù con troppi capi e pochi indiani, ma di essere organizzata in modo che ogni personaggio secondario stia al suo posto facendo da chicca per gli occhi, senza che gli attori si rubino spazio a vicenda.

grand-budapest-hotel-adrien-brody-willem-dafoe

Ralph Fiennes (post Voldemort, Deo gratia) come concierge è il mattatore del film, ed è uno dei personaggi più divertenti senza però scadere nella macchietta. Accanto a lui il bravo esordiente Tony Revolori, che mantiene per gran parte del film un’espressione a metà strada tra il tonto e il tranquillo che ben si adatta al suo ruolo.

Tra gli altri spiccano Saoirse Ronan, bene nella parte di una ragazza gentile e dolce, uno sboccatissimo (e spassoso) Adrien Brody come “villain”, Willem Dafoe granitico quanto basta, Jeff Goldblum ed Edward Norton in ruoli a loro congeniali.

Veramente molto carino.

Se vi è piaciuto potrebbero piacervi anche: La filmografia del buon Wes, in particolare I Tenenbaum (2001), Le avventure acquatiche di Steve Zissou (2004) e Moonrise Kingdom – Una fuga d’amore (2012).

Altrimenti per il tema alberghiero cose leggermente diverse…

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Tag Cloud

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: