L'amichevole cinefilo di quartiere

Bling Ring

bling ring“New car, caviar, four star daydream / think I’ll buy me a football team.” Money – Pink Floyd (1973)

TRAMA: Un gruppo di adolescenti di Los Angeles sfrutta i social network per sapere quando sono disabitate le case dei vip, per poi entrarvi e rubare vestiti e accessori.

RECENSIONE: Tratto da un vero fatto di cronaca (la banda di ragazzi californiani operò tra ottobre 2008 e agosto 2009), questo film è diretto, scritto e prodotto da Sofia Coppola.
Nota secondariamente per essere la figlia di Francis “Sei Oscar” Ford e principalmente per essere cugina del Marlon Brando contemporaneo Nicolas Cage, la Coppola conferma in parte il suo calo qualitativo, con un film che nonostante le grandi aspettative (dovute in particolare alla grande quantità di pubblicità) si rivela nella media.

Il problema di Bling Ring è che il suo punto di forza, ossia il tema dei ragazzi senza ideali che hanno come unica aspirazione diventare delle star o atteggiarsi a tali, si tramuta paradossalmente proprio nel suo tallone d’Achille. E questo perché la reazione dello spettatore scafato a ciò che sta vedendo è: “Ma va?!”

Le presunte velleità socio-antropologiche della pellicola, che consisterebbero nel raccontare di una generazione perduta e soggiogata dal materialismo vengono meno per il semplice fatto che questo tema è ormai costantemente presente nella nostra società. La sensazione è che i ragazzi mostrati siano un esempio eccessivo di questa tendenza, ma solamente questo e nulla più. Il film quindi non scuote le coscienze e non fa prendere atto allo spettatore (indipendentemente dall’età) di un problema, perché è la società stessa che fa sembrare normale questo modo di pensare.

Purtroppo moltissimi giovani non hanno più come obiettivo essere una cosiddetta “brava persona”, ma essere i più fighi e ammirati, o persino soddisfare l’infantile volontà del possesso (nel senso vero e proprio del termine) di oggetti o di status. O di persone.
I media di certo non aiutano il soggetto in via di sviluppo psico-emotivo a capire quali aspirazioni siano sane e quali siano sbagliate, e i risultati non sono dei più confortanti.

Il film in generale si rivela quindi un banale esercizio di stile, apprezzabile in quanto tale ma che non può andare molto al di là della sufficienza. In alcuni punti sembra più un documentario naturalistico che un lungometraggio, mostrando animali da giungla metropolitana che cacciano e formano un branco.

Oltre a Emma Watson, che si sta specializzando nel recitare in pellicole scadenti che senza di lei ad attirare la pubblicità incasserebbero molto meno (Noi siamo infinito o il prossimo Noah, spirito di DeMille aiutaci), abbiamo un cast che sarebbe nella media se questo fosse un film horror dove i protagonisti vengono progressivamente ammazzati. Tutti giovani, nessun personaggio particolarmente memorabile, stereotipi a carriole e i soliti genitori assenti e idioti.

Se vi è piaciuto, potrebbero piacervi anche: Il giardino delle vergini suicide (1999), primo film della Coppola, Guida per riconoscere i tuoi santi (2006) e Alpha Dog (2006), sempre con adolescenti problematici.

Annunci

Commenti su: "Bling Ring" (8)

  1. Finalmente un giudizio serio e motivato! La maggioranza dei blogger si sta limitando a crocifiggere la Coppola per sentito dire…

    • Grazie mille 🙂 la Coppola ha un’estetica particolare che può piacere oppure no, però mi sembra sbagliato massacrarla a prescindere (detto da uno che non darebbe più di 6/10 a questo film). Sarà per l’ingombrante padre 😉

  2. Ciao, bella recensione! Ho visto il film e tutto sommato non mi è dispiaciuto. Sono d’accordo sul fatto che in alcuni punti sembra più un documentario che altro – le serate in discoteca in cerca di celebrities, gli autoscatti con vestiti e soldi rubati pronti per essere postati su facebook e così via. Però e’ bello osservare come per i protagonisti tutto questo sia normale, come anzi questo sia l’unico modo per loro di essere e non ci sia quindi per loro nessuna possibilità di redenzione. Non è nulla di nuovo, ma lo stile documentario fa passare il messaggio!

    • Ciao, grazie mille 🙂 io mi sarei aspettato forse una critica più marcata ed esplicita al comportamento dei protagonisti, così come magari uno sviluppo maggiore di trama e personaggi. Secondo me sarebbe venuto un risultato migliore se la Coppola fosse partita subito con l’idea del “falso documentario”, non scegliendo un’attrice famosa… ma si sa, la pubblicità è utile 🙂

  3. lo hai visto?

  4. Ho visto di recente il film e ho scritto due righe sulla pellicola (non sono una critica cinematografica…mi sono semplicemente limitata a commentare ironicamente la facilità con cui si entra nel villone della Hilton!!).
    Ma ho apprezzato la mancanza di giudizio (della regista) verso i protagonisti. L’amoralità di questi ragazzini era già fin troppo palese (almeno secondo la mia opinione).
    Buona giornata! 🙂

    • Ciao, neanche io sono un critico e tutti possono scrivere la propria opinione personale riguardo ad un film 🙂 Comunque sì, sembra che rubare nelle villone non sia poi così difficile

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Tag Cloud

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: