L'amichevole cinefilo di quartiere

Niente topi fatti affogare nel fiume?

TRAMA: Hansel e Gretel anni dopo essere stati prigionieri nella casa di marzapane si guadagnano da vivere come sterminatori di streghe. Dovranno combattere contro la malvagia Muriel e la sua congrega di fattucchiere.

RECENSIONE: Liberamente ispirato alla fiaba Hansel e Gretel dei fratelli Grimm (non Matt Damon e Heath Ledger, quelli veri intendo), che ad inizio 1800 hanno raccolto narrazioni provenienti dall’Europa centrale.
Purtroppo tali storie sono arrivate a noi sotto forma di favolette per marmocchi e non come racconti cruenti che portano importanti insegnamenti (in questo caso “non fidarti degli estranei” e “non ingozzarti di dolci”), e questo penalizza parecchio il loro aspetto educativo e morale.

Ma sempre meglio che vegetare davanti alla tv guardando una bimba ispanica che ti chiede dove sono gli oggetti.

In questa pellicola, basata su una favola tedesca raccolta a suo tempo da due fratelli tedeschi e girata in Germania,  non c’è un tedesco manco a pagarlo.
Scritto e diretto dal norvegese Tommy Wirkola, il film è un chiassoso e sanguinolento pastrocchio che non riesce mai a imbroccare uno stile narrativo costante.

Alcune scene o riferimenti sono infatti legati alla modernità, mentre altri si allacciano alla tradizione favolistica ottocentesca, e questo moto ondivago non giova al film, che rimane costantemente in un limbo di mediocrità non scegliendo quale identità avere.
Quest’ultimo fattore non è migliorato o mitigato dalla sceneggiatura, che è più un espediente per mostrare effetti speciali un po’ a casaccio piuttosto che la struttura di una storia vera e propria.

Hansel ha i muscoli e la sfacciataggine del californiano Jeremy Renner, che come Dottor Jekyll ha interpretato The Hurt Locker e The Town, mentre nella versione Mister Hyde, cioè dopo The Avengers, è apparso in notevoli cazzate come The Bourne Legacy Mission Impossible – Protocollo fantasma.
Gretel è interpretata dalla britannica Gemma Artenton, ex Bond-girl (in Quantum of Solace del 2008), di cui negli 85 minuti di durata del film si contano due espressioni e che non è mai così svestita da farle avere lo scopo di “gnocca da esposizione”, cioè una bella figliola inutile ai fini del film ma discinta, messa lì perché nella testa dei produttori non fa mai male.

Completano il quadro lo svedese Peter Stormare (caduto bene in basso da quando non ammazza più la gente nella ceppatrice) nei panni di una specie di sceriffo di Nottingham dei poveri, personaggio inutile come quasi tutti i personaggi secondari in film del genere e la villain, l’olandese Famke Janssen (la Jean Grey della prima serie cinematografica sugli X-Men).

In poche parole una pellicola che si accoda, risultando per certi aspetti molto simile, a incredibili capolavori come Cappuccetto Rosso sangue, Biancaneve e il cacciatoreLa leggenda del cacciatore di vampiri e ovviamente il capostipite di questo genere immondo: Van Helsing.

Dieses Zeug ist ein Spaß für Narren.

P.S. La giusta pronuncia tedesca sarebbe HEnsel, ma sia nella versione inglese che nel doppiaggio italiano se ne sono sbattuti le palle.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Tag Cloud

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: