L'amichevole cinefilo di quartiere

Ted

ted-poster-italiaTRAMA: Un bambino solitario molto legato al suo orsacchiotto di peluche desidera che questo prenda vita; il desiderio si realizza, ma crescendo l’orsetto è diventato sboccato, consumatore abituale di droghe e sessuomane; ciò crea molti problemi al suo padrone, soprattutto nei rapporti con la fidanzata.

RECENSIONE: Film diretto, scritto, interpretato (con la tecnica del motion capture per quanto riguarda il personaggio di Ted) e doppiato (vedi sopra) da Seth MacFarlane, famoso ideatore delle celebri serie animate Family Guy (da noi nota come I Griffin) e American Dad, basate su famiglie imbecilli e comicità politicamente scorretta, che andavano in onda nel primo pomeriggio di Italia 1 orrendamente mutilate per la gioia del MOIGE, moderna versione di Catone il Censore, ma ancor più rompipalle; da ciò derivano sia i pregi (pochi) e i difetti (parecchi) del film.

Il primo problema è capire quale dovrebbe essere il tipo di pubblico a cui il film è rivolto: la pellicola è una copia carbone in versione carne e ossa de I Griffin, con gag abbastanza divertenti ma ricorrenti, riciclate e già stranote agli appassionati di questa serie animata, i quali potrebbero non divertirsi troppo conoscendo appunto l’originale; chi non ha mai seguito questa serie potrebbe trovarsi spiazzato da una comicità politically uncorrect con un orso di pezza al posto di un Sacha Baron Cohen, ad esempio; rimane infine la fascia di chi ha visto qualche puntata del cartone, gli è piaciuto ma non è andato oltre: loro potrebbero gradire il film, ma dubito che siano molto numerosi.

Un’altra grande pecca del film è l’incapacità del deus ex machina MacFarlane di dosare i picchi emozionali: passi quando il film è il racconto della coppia buddy buddy uomo-orso con erba, cazzeggio e donnine allegre, ma quando si inizia a fare i seri il film diventa insulso e l’analisi interiore è spessa come il Domopak (per fare un confronto con Matt Groening, a cui MacFarlane sta simpatico come i nigeriani a Borghezio, rivedere le belle puntate de I Simpson sulla storia di Maggie con il celebre muro “Do It For Her” e di Futurama sulla storia del fratello di Fry o del suo cane).

Come già accennato il personaggio di Ted ricalca molto ciò che si vede nel cartoon, mentre per quanto riguarda i primati Mark Wahlberg (nomination all’Oscar per The Departed (2006) e recentemente in Contraband) interpreta un Peter Pan non molto credibile e un po’ impantanato in un limbo senza sfaccettature.
La fidanzata è Mila Kunis, doppiatrice originale di Meg Griffin (tanto per rimanere in famiglia) e coprotagonista de Il cigno nero (2010), film che verrà ricordato dalle masse in saecula saeculorum per la scena lesbo tra lei e la Portman (degli altri 100 minuti e passa di film ai non appassionati di cinema non gliene è fregato un tubo, sporcaccioni).
Mino Caprio, doppiatore italiano di Peter Griffin, sostituisce MacFarlane in fase di doppiaggio, dando ulteriormente l’impressione di già visto.

Qualche situazione divertente e alcune citazioni cinematografiche, ma considerata anche la seconda parte molto debole, obiettivamente troppo poco.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Tag Cloud

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: